Best Of Elearnit Blog 2008

Click here to load reader

  • date post

    17-May-2015
  • Category

    Business

  • view

    1.088
  • download

    1

Embed Size (px)

description

Selezione dei migliori articoli sull'elearning dal blog di Elearnit

Transcript of Best Of Elearnit Blog 2008

  • 1. Elearnit 2008 Tutto lelearning del 2008: una selezione dei migliori articoli pubblicati sul blog di elearnit

2. Best of Blog 2008 Licenza Creative Commons ..............................................................................3 1Didattica e Corsi.........................................................................................5 1.1 Creare corsi coinvolgenti (e evitare di annoiare a morte)............................5 1.2 Fumetti nellelearning? ..........................................................................6 1.3 Come risparmiare soldi e tempo per il vostro prossimo corso ......................7 1.4 Non perdiamo la testa...........................................................................9 1.5 Coinvolgiamo gli utenti........................................................................ 10 1.6 State costruendo il giusto tipo di corso e-learning?.................................. 14 1.7 Quanto costa un corso su misura? ........................................................ 16 1.8 PDF: questo sconosciuto ..................................................................... 18 1.9 6 tecniche per rendere felici gli utenti e-learning..................................... 19 1.105 semplici modi per iniziare a fare corsi e-learning .................................. 21 1.11Conoscere e Integrare gli strumenti di rapid authoring: il fattore umano .... 24 1.12Usare la videoconferenza per lapprendimento ........................................ 26 2Gestire le-elearning ................................................................................ 28 2.1 Tempo e Budget nella realizzazione di risorse didattiche .......................... 28 2.2 Le performance nella formazione a distanza ........................................... 29 2.3 Gli enti di formazione e le-learning: vorreima non voglio ....................... 31 2.4 Maledetta FaD! .................................................................................. 33 2.5 Un caso concreto di applicazione delle-learning ...................................... 35 3Teoria e Tendenze.................................................................................... 36 3.1 Mobile Learning? Ci mancava pure questo!............................................. 36 3.2 Il caso Iris Ceramica ........................................................................... 38 3.3 Contaminare! Contaminare! ................................................................. 39 3.4 Diario Californiano.............................................................................. 40 3.5 Parole, Parole, Parole........................................................................ 42 3.6 Dalle parole ai fatti ............................................................................. 43 3.7 Apprendimento Liquido ....................................................................... 45 3.8 Work integrated learning ..................................................................... 46 3.9 E-learning: dove si va? ....................................................................... 47 3.10Upgrade su Technology-Enhanced Learning ......................................... 48 3.11Lelearning 2.0 non esiste.................................................................... 492 3. Best of Blog 2008 Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 ItaliaTu sei libero:di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare quest'opera. di modificare quest'operaAlle seguenti condizioni:Attribuzione. Devi attribuire la paternit dell'operanei modi indicati dall'autore o da chi ti ha dato l'opera in licenza.Non commerciale. Non puoi usare quest'opera per fini commerciali.Condividi allo stesso modo. Se alteri o trasformi quest'opera, o se la usi per crearne un'altra, puoi distribuire l'opera risultante solo con una licenza identica a questa.Ogni volta che usi o distribuisci quest'opera, devi farlo secondo i termini di questa licenza, che va comunicata con chiarezza. In ogni caso, puoi concordare col titolare dei diritti d'autore utilizzi di quest'opera non consentiti da questa licenza.Le utilizzazioni consentite dalla legge sul diritto d'autore e gli altri diritti non sono in alcun modo limitati da quanto sopra.Questo un riassunto in linguaggio accessibile a tutti del Codice Legale (la licenza integrale) (http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.5/it/legalcode). Condizioni di utilizzoNel rispetto della licenza sopraccitata possibile distribuire o modificare questopera o parti di essa a patto di citarne esplicitamente gli autori e la fonte originale.3 4. Best of Blog 2008 About usAbbiamo deciso di lanciare questo blog per condividere un po delle esperienze e del know how che come Elearnit raccogliamo ogni giorno insieme ai nostri clienti e ai nostri partner, occupandoci di elearning e di gestione della conoscenza in azienda. Lavorandoci quotidianamente abbiamo scoperto che i problemi da affrontare nel portare lelearning in azienda sono spesso pi pratici e organizzativi che teorici. Lelearning fatto pi di persone che di tecnologie, ed di questo che vorremmo parlare qui.Chi siamo:Massimiliano FerrariAlberto Pastorelli Visita il sito di Elearnit!http://www.elearnit.nethttp://elearnit.wordpress.com/ 4 5. Best of Blog 2008 1 Didattica e Corsi 1.1 Creare corsi coinvolgenti (e evitare di annoiare a morte)Creare corsi coinvolgenti (e evitare di annoiare a morte) 14Nov08Tom Kuhlmann ripropone nel blog di articulate uno dei nostri temi preferiti: come creare corsi coinvolgenti ed evitare di annoiare a morte gli utenti. Larticolo qui. Voglio commentare qui i suggerimenti che Tom propone. Schermata dopo schermata di info irrilevanti per lutente. Questo, come noto, il principale problema. E frutto della tendenza di ciascuno apresentare le informazioni anzich calare lutente in uno scenario reale. Comefare? Ridurre, ridurre, ridurre: pi vado avanti, pi tendo a ridurre leinformazioni che presento e pi cerco di usare scenari, casi, fumetti, problemida risolvere Affidarsi troppo al vs intuito e esperienza, specie se siamo noi gli espertidellargomento: Tom suggerisce di parlare direttamente con gli utenti:verissimo, se non sono a disposizione al limite presentare il corso a colleghi-amici. Questo fatto di coinvolgere gli utenti del cliente, a mio parere, dovrebbeentrare nel normale processo produttivo di un corso! Creare un mega-corso quando quello che serve una mini-lista disoluzioni. Teniamolo semplice, dice Tom, e diamo agli utenti quello che servequando gli serve. In questo caso, aggiungerei, spesso si pensa che serva uncorso quando quello che serve un buon knowledge-management! LElearning non rimpiazza il bisogno di imparare assieme agli altri in uncontesto sociale. Giusto, io su questo aggiungerei che per luso dei forumconsente di riprodurre il contesto sociale e - se ben progettato - di dargli moltaforza. I ns utenti hanno bisogni di cui non siamo consapevoli. Oppure hannoproblemi di cui non siamo consapevoli: gli utenti hanno schede audio oaltoparlanti? Hanno Flash? Magari hanno bisogni pratici che il committentestesso non conosce! (lesempio delle schede audio - che fa Tom - lo faccioanchio: un problema pi diffuso di quanto si pensi!) Calcolare male le motivazioni dellutente. Non detto che gli utenti sianocos entusiasti del corso: troviamo modi di capire le sue motivazioni. Spesso sitratta di focalizzarsi sullaiutarlo a lavorare meglio.Cosa ne pensate?5 6. Best of Blog 2008 1.2 Fumetti nellelearning?Fumetti nellelearning? 21Ott08Cathy Moore, nel suo ultimo post, sostiene che bisognerebbe tagliare tutti i contenuti troppo semplici. Lo fa usando una breve presentazione fatta usando dei fumetti. Il vero tema del post scrivere in modo chiaro, non mettersi in atteggiamento da docente e eliminare tutto il contenuto ridondante, scontato. Concetti con cui sono daccordo. Tra laltro, almeno nelle-learning, io tendo a eliminare anche tutti i contenuti troppo complicati (a volte meglio leggere un documento.) e cerco di renderli tramite interazioni o scenari.Io per vorrei mettere in evidenza un altro aspetto: i fumetti (nelle presentazioni, nelle-learning) secondo me sono molto efficaci come strumento didattico (del resto, anche Google per spiegare il perch di Google Chrome, il suo nuovo browser, ha usato i fumetti). Che ne pensate? 6 7. Best of Blog 2008 1.3 Come risparmiare soldi e tempo per il vostro prossimo corso11Ago08 Risparmiare tempo e soldi? E come?(credits: http://www.articulate.com/rapid-elearning/save-time-money- building-your-next-e-learning-course/)Non create il corso I clienti pensano di solito di poter risolvere tutto tramite laddestramento. A volte, per, pu essere sufficiente distribuire i giusti documenti. Se pensate che non ne valga la pena, evitate di creare il corso. La gerarchia dellE-Learning Design di Tom Kuhlmann: Tom Kuhlmann, blogger del Rapid Elearning Blog di Articulate, propone il suo approccio a tre livelli. Per cominciare, si cerca di automatizzare il processo produttivo al massimo e di tenere liberi gli instructional designer per ci che vale la pena.7 8. Best of Blog 2008 La gerarchia di Kuhlmann 1. Usate il rapid e-learning come approccio standard. Questo consente di creare la maggior parte dei progetti velocemente.2. Costruite dei pezzi personalizzati da poter inserire a piacimento. Anche questo un buon modo per risparmiare tempo: file flash, oggetti web, tutte cose che si possono riciclare da un corso allaltro.3. Usate gli instructional designer e il flash per lo sviluppo su misura. Semplice: se si sono seguiti i primi due consigli, resteranno tempo e soldi per fare di meglio dove e quando vale la penaIncorporate contenuti esterni La maggior parte dei corsi si focalizza sul fornire informazioni che - spesso - sono reperibili altrove: sulla intranet aziendale, sul web Invece di re-inventare la ru