ASMA BRONCHIALE. MALATTIA INFIAMMATORIA CRONICA DELLE VIE AEREE, A GENESI MULTIFATTORIALE, NELLA...

of 47/47
ASMA BRONCHIALE
  • date post

    01-May-2015
  • Category

    Documents

  • view

    221
  • download

    7

Embed Size (px)

Transcript of ASMA BRONCHIALE. MALATTIA INFIAMMATORIA CRONICA DELLE VIE AEREE, A GENESI MULTIFATTORIALE, NELLA...

  • Slide 1
  • ASMA BRONCHIALE
  • Slide 2
  • MALATTIA INFIAMMATORIA CRONICA DELLE VIE AEREE, A GENESI MULTIFATTORIALE, NELLA QUALE GIOCANO UN RUOLO DETERMINANTE NUMEROSE CELLULE, IN PARTICOLARE : MASTOCITI EOSINOFILI LINFOCITI T
  • Slide 3
  • ASMA BRONCHIALE NEI SOGGETTI PREDISPOSTI LINFIAMMAZIONE E CAUSA DI EPISODI RICORRENTI DI RESPIRO SIBILANTE, TOSSE E DISPNEA IN PARTICOLARE LA NOTTE E/O AL PRIMO MATTINO TALI SINTOMI SONO DI SOLITO ASSOCIATI A UNA DIFFUSA MA VARIABILE OSTRUZIONE AL FLUSSO AEREO, ALMENO PARZIALMENTE REVERSIBILE SPONTANEAMENTE O DOPO TERAPIA
  • Slide 4
  • FATTORI IN GRADO DI PROVOCARE ASMA 1.TRIGGERS (irritanti bronchiali): BRONCOCOSTRIZIONE 2. CAUSALI (inducenti): INFIAMMAZIONE DELLE VIE AEREE
  • Slide 5
  • TRIGGERS ARIA FREDDA POLVERE INQUINANTI AMBIENTALI FUMO DI TABACCO ALTRI IRRITANTI ( es. ISOCIANATI ) ESERCIZIO FISICO (IPERVENTILAZIONE) STIMOLI PSICOMOTORI
  • Slide 6
  • FATTORI CAUSALI ALLERGENI ( INALANTI ) INFEZIONI DELLE VIE RESPIRATORIE
  • Slide 7
  • FATTORI EZIOLOGICI DELLASMA BRONCHIALE AEROALLERGENI : pollini, polveri (farina, legno, caff, etc. ), peli e forfore di animali, miceti, acari, vernici ALIMENTI : uova, latte, pesce, carne, farina, cioccolata, pomodoro, arachide, soia, mandorla, nocciola, sedano, etc FARMACI : penicilline, ampicilline, cefalosporine, sulfamidici, sieri, vaccini
  • Slide 8
  • FATTORI EZIOLOGICI DELLASMA BRONCHIALE SOSTANZE CHIMICHE : SO 2, NO 2, O 3, formaldeide, fumo di tabacco, vernici FATTORI FISICI : sforzo, freddo, umidit, nebbia INFEZIONI : virali e batteriche FATTORI PSICHICI : stress, depressione, ansia
  • Slide 9
  • AEROALLERGENI SOSTANZE PER LO PIU DI NATURA PROTEICA CHE PENETRANO ATTRAVERSO LE VIE RESPIRATORIE E SONO IN GRADO DI EVOCARE UNA RISPOSTA ANTICORPALE SPECIFICA IgE MEDIATA POLLINI : graminacee, urticacee, compositae.. PELI E FORFORE DI ANIMALI: cane, gatto, cavallo, criceto, coniglio ACARI DELLA POLVERE DI CASA E DELLE DERRATE ALIMENTARI: Dermatophagoides pteronyssinus e farinae FATTORI EZIOLOGICI DELLASMA BRONCHIALE
  • Slide 10
  • AEROALLERGENI SOSTANZE PER LO PIU DI NATURA PROTEICA CHE PENETRANO ATTRAVERSO LE VIE RESPIRATORIE E SONO IN GRADO DI EVOCARE UNA RISPOSTA ANTICORPALE SPECIFICA IgE MEDIATA POLVERI : legni, caff, farine MICOFITI : Alternaria, Cladosporium, Candida, Penicillum; Aspergillus VERNICI : carrozzeria, falegnameria, industria FATTORI EZIOLOGICI DELLASMA BRONCHIALE
  • Slide 11
  • ALLERGENI ALIMENTARI LATTE E SUOI DERIVATI UOVO PESCE POMODORO FRUTTA SECCA MELE PESCHE ECC. FATTORI EZIOLOGICI DELLASMA BRONCHIALE
  • Slide 12
  • FARMACI PENICILLINE E LORO DERIVATI ASPIRINA E FANS ASMA DA ASPIRINA CON MECCANISMO NON DI TIPO IMMUNOLOGICO ( NON IgE MEDIATO ) BETA-BLOCCANTI ALFA-STIMOLANTI FATTORI EZIOLOGICI DELLASMA BRONCHIALE
  • Slide 13
  • SOSTANZE CHIMICHE SE INALATI EVOCANO UNA RISPOSTA ASMATICA : OZONO TOLUENE DIISOCIANATO ( vernici e imbottiture di sedili) ENZIMI ( bacillus subtilis presente in alcuni detersivi ) FORMALDEIDE FUMO DI TABACCO FATTORI EZIOLOGICI DELLASMA BRONCHIALE
  • Slide 14
  • FATTORI DI NATURA FISICA CAUSE SCATENANTI: SFORZO ( ASMA DA ESERCIZIO FISICO ) FREDDO UMIDITA NEBBIA FATTORI EZIOLOGICI DELLASMA BRONCHIALE
  • Slide 15
  • INFEZIONI RESPIRATORIE EVOCANO, SOPRATTUTTO NEI BAMBINI, EPISODI DI BRONCOSPASMO E VERE E PROPRIE CRISI ASMATICHE INFEZIONI VIRALI ( MAGGIORMENTE RESPONSABILI ) INFEZIONI BATTERICHE FATTORI EZIOLOGICI DELLASMA BRONCHIALE
  • Slide 16
  • FATTORI GENETICI LEREDITARIETA DELLASMA DIPENDE DA DUE FATTORI FRA LORO CORRELATI E NON COMPLETAMENTE INDIPENDENTI: STATO DI IPERREATTIVITA BRONCHIALE, INFLUENZATO DA FATTORI GENETICI E AMBIENTALI STATO ATOPICO ( ELEVATA PRODUZIONE DI IgE NEI CONFRONTI DI SVARIATI STIMOLI ANTIGENICI (ALLERGENI) VERSO CUI I SOGGETTI NORMALI NON DIMOSTRANO AVERE PARTICOLARE SENSIBILITA), GENETICAMENTE DETERMINATO E TRASMESSO EREDITARIAMENTE, E SPESSO PRESENTE PRIMA DELLINIZIO DELLA MALATTIA ASMATICA E NE FAVORISCE LINSORGENZA, INFLUENZANDO IN MANIERA DIRETTA LO SVILUPPO DELLIPERREATTIVITA BRONCHIALE E QUINDI DELLASMA FATTORI EZIOLOGICI DELLASMA BRONCHIALE
  • Slide 17
  • MECCANISMI PATOGENETICI NEUROMUSCOLARE (ALTERAZIONE INNERVAZIONE MUSCOLO LISCIO BRONCHIALE) IMMUNOLOGICO POSSONO ESSERE COINVOLTI CONTEMPORANEAMENTE O IN SUCCESSIONE CRONOLOGICA NELLA STESSA FORMA DI ASMA BRONCHIALE
  • Slide 18
  • NEUROMUSCOLARE IMMUNOLOGICO MECCANISMI PATOGENETICI BLOCCO IPERFUNZIONE DEGLI RECETTORI DEFICIT FUNZIONALE DEL NANC IPERTONO VAGALE
  • Slide 19
  • Slide 20
  • MECCANISMI PATOGENETICI REAZIONI DI IPERSENSIBILITA IMMEDIATA O IgE MEDIATA, INTERVENENTI POCHI MINUTI DOPO LESPOSIZIONE ALLALLERGENE E SOSTENUTE DA ANTICORPI SPECIFICI (IgE) CON PROPRIETA CITOFILE (LEGAME CON BASOFILI CORCOLANTI O MASTOCITI TISSUTALI) E CUTISENSIBILIZZANTI, INDUCENTI UNA REAZIONE ERITEMATOPAPULOSA SULLA CUTE NELLA SEDE DI INTRODUZIONE DELLALLERGENE NEUROMUSCOLARE IMMUNOLOGICO
  • Slide 21
  • REAZIONE ERITEMATOPAPULOSA DOPO SKIN PRICK TEST
  • Slide 22
  • MECCANISMI PATOGENETICI LALLERGENE, NON APPENA INALATO, REAGISCE CON LE IgE SPECIFICHE GIA SINTETIZZATE E SITUATE SULLA SUPERFICIE CELLULARE DEI MASTOCITI DELLA MUCOSA BRONCHIALE UN ANTIGENE, LEGANDO A PONTE DUE MOLECOLE DI IgE ATTIGUE, INNESCA UNA SERIE DI EVENTI IL CUI RISULTATO FINALE E RAPPRESENTATO DAL BRONCOSPASMO E DALLA FLOGOSI ALLERGICA NEUROMUSCOLARE IMMUNOLOGICO
  • Slide 23
  • Slide 24
  • CELLULA DENDRITICA LINFOCITA MACROFAGO FIBROBLASTO ALTERAZIONI STRUTTURALI DEL BRONCO proliferazione connettivale e deposizione di collagene citochine MASTOCITA IgE mediatori BRONCOSPASMO EOSINOFILO mediatori citochine FLOGOSI delle vie aeree IPERREATTIVITA' BRONCHIALE LINFOCITO MONOCITO GRANULOCITO ANTIGENE IgE
  • Slide 25
  • MECCANISMI PATOGENETICI LE CARATTERISTICHE IMMUNOPATOLOGICHE DELLASMA COMPRENDONO: DISEPITELIZZAZIONE DELLE VIE AEREE DEPOSIZIONE DI COLLAGENE AL DI SOTTO DELLA MEMBRANA BASALE EDEMA ATTIVAZIONE DEI MASTOCITI INFILTRAZIONE MUCOSA DA PARTE DI CELLULE INFIAMMATORIE: NEUTROFILI (forme rapide e fatali), EOSINOFILI, LINFOCITI TH2 NEUROMUSCOLARE IMMUNOLOGICO
  • Slide 26
  • LASMA E CARATTERIZZATO DA ANOMALIE DELLA STRUTTURA E DELLA FUNZIONE DELLE VIE AEREE ALTERAZIONI STRUTTURALI AUMENTO DELLE SECREZIONI (TAPPI DI MUCO) CONTENENTI: GRUPPI DI CELLULE EPITELIALI DESQUAMATE EOSINOFILI E CRISTALLIZZATI DI LISOLECITINE DI EOSINOFILI (CRISTALLI DI CHARCOT-LEYDEN) GLICOPROTEINE (SPIRALI DI CURSHMANN) DESQUAMAZIONE DELLEPITELIO BRONCHIALE, SPESSO A CHIAZZE EDEMA DELLA MUCOSA E DELLA SOTTOMUCOSA
  • Slide 27
  • LASMA E CARATTERIZZATO DA ANOMALIE DELLA STRUTTURA E DELLA FUNZIONE DELLE VIE AEREE ALTERAZIONI STRUTTURALI IPERTROFIA DELLA MUSCOLATURA LISCIA ISPESSIMENTO DELLA MEMBRANA BASALE IPERTROFIA DELLE GHIANDOLE DELLA SOTTOMUCOSA VASODILATAZIONE INFILTRAZIONE DI CELLULE INFIAMMATORIE (EOSINOFILI, NEUTROFILI,LINFOCITI,PLASMACELLULE, MACROFAGI)
  • Slide 28
  • LASMA E CARATTERIZZATO DA ANOMALIE DELLA STRUTTURA E DELLA FUNZIONE DELLE VIE AEREE ALTERAZIONI FUNZIONALI OSTRUZIONE VARIABILE DEL FLUSSO DARIA AUMENTO DELLA REATTIVITA DELLE VIE AEREE A VARI FATTORI SCATENANTI
  • Slide 29
  • LA PATOGENESI DELL'ASMA E' CARATTERIZZATA PREVALENTEMENTE DA UNA SERIE DI MECCANISMI, IMMUNOALLERGICI E NON, CHE PORTANO ALLA INFIAMMAZIONE ED I CUI EPIFENOMENI SONO: LA REATTIVITA' BRONCHIALE ED IL BRONCOSPASMO REVERSIBILE SPONTANEAMENTE O DOPO TRATTAMENTO FARMACOLOGICO
  • Slide 30
  • CARATTERISTICHE FISIOPATOLOGICHE ATTIVITA VENTILATORIA DEL POLMONE CONDIZIONI FISIOLOGICHE FASE INSPIRATORIA = FENOMENO ATTIVO : CONTRAZIONE DEI MUSCOLI INSPIRATORI FASE ESPIRATORIA = FENOMENO PASSIVO : RITORNO ELASTICO DI TUTTA LA STRUTTURA MUSCOLO- SCHELETRICA DELLA GABBIA TORACICA
  • Slide 31
  • CARATTERISTICHE FISIOPATOLOGICHE ATTIVITA VENTILATORIA DEL POLMONE OSTRUZIONE BRONCHIALE OSTACOLO DELLA FASE ESPIRATORIA CHE DIVIENE PIU PROLUNGATA E NECESSITA DELLINTERVENTO ATTIVO DEI MUSCOLI ESPIRATORI COMPRESSIONE DELLE STRUTTURE TORACOMUSCOLARI AUMENTO DELLA PRESSIONE ENDOALVEOLARE TENTATIVO DI CONTRASTARE LE AUMENTATE RESISTENZE AL FLUSSO AEREO DOVUTE ALLOSTRUZIONE EVENTUALE INTRAPPOLAMENTO DARIA ALLINTERNO DEI POLMONI CON UN AUMENTO DEL LORO VOLUME RESIDUO
  • Slide 32
  • CARATTERISTICHE FISIOPATOLOGICHE ATTIVITA VENTILATORIA DEL POLMONE OSTRUZIONE BRONCHIALE INCREMENTO DELLE RESISTENZE DELLE VIE AEREE EVENTUALE INTRAPPOLAMENTO DARIA CON AUMENTO DEL VR RIDUZIONE DELLA QUANTITA DI ARIA ELIMINABILE IN UN SECONDO CON UN ATTO ESPIRATORIO FORZATO [ < VEMS (FEV 1 ) ] RIDUZIONE DEL PEF
  • Slide 33
  • Slide 34
  • FORME CLINICHE DI ASMA BRONCHIALE ALLERGICO O ESTRINSECO NON ALLERGICO O INTRINSECO DA ESERCIZIO FISICO DA ASPIRINA E DERIVATI PROFESSIONALE DA REFLUSSO GASTROESOFAGEO
  • Slide 35
  • ASMA DIAGNOSI ANAMNESI TOSSE EPISODICA RESPIRO SIBILANTE OPPRESSIONE TORACICA DISPNEA, SOPRATTUTTO DOPO ESERCIZIO FISICO E/O DURANTE LA NOTTE
  • Slide 36
  • ASMA DIAGNOSI ANAMNESI NEI BAMBINI TOSSE RICORRENTE, SOPRATTUTTO NOTTURNA EPISODI DI BRONCHITE ASMATIFORME OPPRESSIONE TORACICA, SIBILI O TOSSE PROVOCATI DA INFEZIONI DEL TRATTO RESPIRATORIO, ESERCIZIO FISICO, ALLERGENI ANAMNESI PERSONALE DI ECZEMA ANAMNESI FAMILIARE DI MALATTIA ATOPICA
  • Slide 37
  • ASMA DIAGNOSI ANAMNESI NEGLI ADULTI DISPNEA NOTTURNA E TOSSE TOSSE, DISPNEA SIBILANTE OD OPPRESSIONE TORACICA IN SOGGENNTO NON FUMATORE SINTOMATOLOGIA EPISODICA PROVOCATA DA UNO DEI FATTORI SCATENANTI LA CRISI ASMATICA OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE REVERSIBILE SPONTANEAMENTE O DOPO BRONCODILATATORE
  • Slide 38
  • ASMA ESAME OBIETTIVO OBIETTIVITA NORMALE NELLINTERVALLO TRA GLI EPISODI ASMATICI DISPNEA E/O RONCHI IN/ESPIRATORI DEFORMITA DELLE PARETI DEL TORACE (PETTO CARENATO) ARRESTO DELLA CRESCITA ASSENZA, DURANTE UN ATTACCO ACUTO, DEI SEGNI TIPICI DELLA DISPNEA
  • Slide 39
  • ASMA DIMOSTRAZIONE DELLA VARIABILITA E REVERSIBILITA DELLOSTRUZIONE DELLE VIE AEREE MISURAZIONE DEL PICCO DI FLUSSO ESPIRATORIO - MISURARE IL PEF MATTINA E SERA PER ALMENO UNA SETTIMANA - PEF NORMALMENTE PIU BASSO DI MATTINA - IN CASO DI ASMA: DIFFERENZA PEF MATTINA/SERA > 15% SPIROMETRIA - VR, FRC - RISPOSTA AL BRONCODILATATORE POSITIVA SE FEV 1 AUMENTA DI ALMENO IL 12% E 200 ml RISPETTO AL BASALE
  • Slide 40
  • ASMA TEST DI PROVOCAZIONE BRONCHIALE (METACOLINA, CARBACOLO, ISTAMINA, ECC. ) H1 M3 LT TP1 ACETILCOLINA METACOLINA CARBACOLO ISTAMINA LTC4 LTD4 LTE4 TxA2 PGD2 PGF2a muscolo liscio
  • Slide 41
  • ASMA TEST DI PROVOCAZIONE BRONCHIALE (METACOLINA, CARBACOLO, ISTAMINA, ECC. ) UTILI PER DIAGNOSTICARE LASMA IN PAZIENTI CON UNA FUNZIONE RESPIRATORIA NORMALE
  • Slide 42
  • ASMA PRICK TEST RAST SE POSITIVI INDICANO ATOPIA CHE PUO ESSERE O MENO ASSOCIATA ALLASMA
  • Slide 43
  • ASMA RX TORACE SPESSO NORMALE, PUO RIVELARE ISPESSIMENTO DELLE PARETI BRONCHIALI, INFILTRATI POLMONARI, COLLASSO SEGMENTARIO O LOBARE DA TAPPI DI MUCO/EOSINOFILI
  • Slide 44
  • ASMA DIAGNOSI DIFFERENZIALE BRONCHITE CRONICA ENFISEMA CORPO ESTRANEO PARALISI BILATERALE DELLE CORDE VOCALI TUMORI DELLA LARINGE, TRACHEA, BRONCHI PRINCIPALI INSUFFICIENZA DEL VENTRICOLO SINISTRO EMBOLIA POLMONARE SINDROME DA IPERVENTILAZIONE (STRESS) BRONCHIOLITE ACUTA FIBROSI CISTICA / BRONCHIECTASIE
  • Slide 45
  • ASMA COMPLICANZE OSTRUZIONE IRREVERSIBILE DELLE VIE AEREE PNEUMOTORACE SPONTANEO PNEUMOMEDIASTINO EOSINOFILIA POLMONARE COLLASSO POLMONARE DEFORMITA DELLA GABBIA TORACICA RITARDO DELLA CRESCITA INSUFFICIENZA RESPIRATORIA CRONICA E CUORE POLMONARE
  • Slide 46
  • ASMA PRINCIPI GENERALI DI TERAPIA PREVENIRE GLI ATTACCHI GRAVI IMPEDIRE, PER QUANTO POSSIBILE, LINSTAURARSI DI UNA SINTOMATOLOGIA CRONICA EVITARE GLI EFFETTI COLLATERALI DEI FARMACI INFORMARE IL PAZIENTE CIRCA LASMA E LA TERAPIA DA PRATICARE
  • Slide 47
  • ASMA PRINCIPI GENERALI DI TERAPIA CORTICOSTEROIDI BETA2 AGONISTI ANTICOLINERGICI CROMONI METILXANTINE ANTISTAMINICI ANTAGONISTI DEI LEUCOTRIENI