ALLEGATO 4: SCHEDA TECNICA IDENTIFICAZIONE · PDF fileSCHEDA TECNICA IDENTIFICAZIONE PROGETTI...

Click here to load reader

  • date post

    15-Feb-2019
  • Category

    Documents

  • view

    218
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of ALLEGATO 4: SCHEDA TECNICA IDENTIFICAZIONE · PDF fileSCHEDA TECNICA IDENTIFICAZIONE PROGETTI...

91

RISORSA : Attivazione POR CAMPANIA PIT SALERNO MISURA 5.3

ALLEGATO 4:SCHEDA TECNICA IDENTIFICAZIONE PROGETTI PORTANTI

SETTORE SOCIALE

QUALITA E NUOVE COMPETENZE

1. SOGGETTO PROPONENTE

ENTE COMUNE DI SALERNOLEGALE RAPPRESENTANTE SINDACO DOTT. MARIO DE BIASEINDIRIZZO VIA ROMA, 1 84100 SALERNOTELEFONO 089 662204 089 666111FAX 089 662205 089 666130EMAIL [email protected]

[email protected]

2. TIPOLOGIA DI AZIONE

FORMAZIONE

AIUTI ALLOCCUPAZIONE E AL LAVORO AUTONOMO

SVILUPPO DI NUOVE FONTI DI OCCUPAZIONE

ALTRO (specificare)

__________________________________________________________________________________________________________________________

3. OBIETTIVI GENERALI

Formazione di VALUTATORI DI QUALITA per la costituzione di un nucleo di

esperti che, nella realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi

sociali (L. 328/2000) del PIANO DI ZONA dellambito territoriale Salerno

Pellezzano (S8), promuovano ed accompagnino lo sviluppo della qualit a

tutela dei diritti del singolo e dellintera comunit, attraverso adeguata

valutazione e sostegno alla predisposizione di piani di continuo miglioramento.

92

4. DESTINATARI DELLINTERVENTO

N 20 operatori coinvolti nella realizzazione del sistema integrato di interventi

e servizi sociali:

- pubblici, degli Enti istituzionali di riferimento dellambito, Comuni, ASL e

Provincia;

- privati degli organismi sociali preposti allattuazione degli interventi e servizi

e/o fornitori di servizi, rappresentanti di persone impegnate nella tutela dei

diritti degli utenti.

5. DESCRIZIONE DELLINTERVENTO

Il percorso formativo si articola in moduli a contenuto progressivo attraverso i

quali, dal trasferimento di conoscenze in workshop si giunge al piano operativo

con chek-up della realt dei servizi, assistenza nellattivazione dei processi di

valutazione e nellanalisi dei risultati, supervisione nelle successive fasi di

verifica per il miglioramento della qualit dei servizi offerti.

1 modulo: conoscenze basilari di qualit ed applicazione nelle

attivit di trasformazione di beni e servizi;

2 modulo: metodi di sviluppo della qualit e tecniche di verifica

valutazione, re-engineering;

3,4 e 5 modulo: chek-up dei servizi e definizione degli indicatori di

qualit con sperimentazione operativa;

6, 7 e 8 modulo: avvio verifica, valutazione, reporting;

9 - 10 modulo: verifica, valutazione , reporting quale prassi del sistema

di qualit.

93

6. RISULTATI PREVISTI

Acquisizione di capacit tecniche e metodologiche, perch con il nuovo know-

how i destinatari della formazione possano valutare la qualit dei servizi e degli

interventi ed affermare i presupposti per il pieno potenziale qualitativo del

new-care, in termini di ricaduta generale per l'intera collettivit.

Entro il 1 anno : attuazione moduli 1 2 3 4 5 ;

Entro il 2 anno : attuazione moduli 6 7 8 ;

Entro il 3 anno : attuazione moduli 9 10 .

7. COLLEGAMENTO CON LIDEA FORZA

La formazione professionalizzazione di nuovi profili si pone tra i puntifondamentali di riqualificazione del sistema integrato di interventi e servizi;da questo assunto non pu prescindere il processo di riqualificazioneurbanistica e di sviluppo del territorio, al quale il PIT intenzionalmenteproteso.Da ci si confermano il collegamento con lidea forza e la necessit di azionimirate allobiettivo di eccellenza nella qualit dei servizi, quale la formazione diesperti che della qualit siano promotori e per la qualit impieghino le capacitacquisite.

8. LOCALIZZAZIONE DELLINTERVENTO

Il percorso formativo ha sede di svolgimento e di raccordo per le fasi operative

presso i locali della Direzione del Settore Politiche Sociali, Via La Carnale, 8

Salerno, ove ubicato lo stesso Ufficio di Piano.

9. RISORSE FINANZIARIE NECESSARIE ALLA REALIZZAZIONEDELLINTERVENTO

PREVENTIVO DI SPESA PER AZIONINON FORMATIVEPREVENTIVO DI SPESA PER AZIONIFORMATIVE

. 600.000.000

10. DURATA DELLINTERVENTO

La durata correlata al triennio del Piano di Zona Ambito Territoriale S8.

Timbro e firma del legale rappresentante

94

5 - INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA

Per integrazione socio-sanitaria si intendono tutte le attivit atte a

soddisfare, mediante un complesso processo assistenziale, bisogni di salute

della persona che richiedono unitamente prestazioni sanitarie e azioni di

protezione sociale. La produzione legislativa di affermazione dellintegrazione

socio-sanitaria con il D.P.C.M. Atto di indirizzo e coordinamento

sullintegrazione socio sanitaria ha rimesso le ultime direttive per

lattuazione dellintegrazione, rinviando alle Regioni lemanazione di indirizzi e

protocolli per la definizione di progetti assistenziali personalizzati, in base ai

quali lassistenza socio-sanitaria va prestata.

Buon risultato, anche se atteso da lungo tempo.

Ma le condizioni per leffettiva ed immediata applicazione della norma

non sono reali per il nostro territorio. Lassetto regionale della Sanit non

ancora dotato di piano Sanitario, e linesistenza di tale strumento si riversa a

cascata sui livelli distrettuali, dove tuttora non si pu procedere

allapprovazione dei Programmi delle attivit territoriali in cui la

programmazione dellintegrazione rientra. Nulla appare ancora cambiato.

In compenso, al parallelismo di erogazione dei servizi e delle prestazioni

da ambo i versanti, sanitario e sociale, ed ai primi tentativi di operativit

integrata gi sperimentati, si far seguire una fase in cui lintegrazione, da

agirsi ai tre livelli istituzionali, gestionali e professionali, non sar solo opera

discrezionale degli addetti, ma, per volont degli Enti che la rappresentano,

Comuni ASL, diventer la metodologia operativa di attuazione e

razionalizzazione di competenze e risorse con individuazione progressiva di

aree di intervento a maggiore rilevanza di integrazione e con definizioni della

procedura di attuazione gestionale in un processo incrementale per piccoli

passi, ma di buona qualit

E questo lobiettivo da perseguire, perch dalla diversit di ruoli e

competenze derivi la sinergia operativa, quando necessaria, per la risposta ai

bisogni che dalla separatezza non troverebbero soluzioni.

95

La metodologia dellintegrazione sar, dunque, lintegrazione stessa,

nella prospettiva delle giuste condizioni per lapplicazione delle disposizioni

legislative anche in relazione al versante programmatico, istituzionale, dei

finanziamenti, della gestione degli interventi.

Si considera ottima premessa a tale finalit la convergenza di propositi

ed intenti raggiunta tra Comuni ed ASL, nella pratica delle esperienze

integrative avviate e dalle intese programmatiche raggiunte in questa fase di

elaborazione del Piano.

TEMPI

1 ANNO: - individuazione e definizione aree di intervento per

lintegrazione socio - sanitaria;

- definizione procedure operative;

- avvio accesso sportello unico;

- operativit integrata;

2 ANNO: - operativit integrata per aree prescelte;

- sperimentazione accesso sportello unico

3 ANNO : - continuit operativa in integrazione e impiego dei servizi

e delle risorse sanitarie e sociali secondo direttive

dellatto di indirizzo. D.P.C.M.

RISORSE

- Quote del Piano per i Servizi

- Quote di Bilancio dei Comuni e dellASL per il personale ed i

servizi di competenza.

96

AREE DI INTERVENTO

1 - AREA MINORI E RESPONSABILITA FAMILIARI

Da unanalisi dei Servizi in favore dei minori e degli adolescenti esistenti

sul territorio ricompreso nei Comuni di Salerno e Pellezzano, dei loro bisogni

nelle diverse tappe e fasi dellet evolutiva, nonch dei progetti realizzati con la

Legge 285/97, si prevedono, nel percorso attuativo del Piano Territoriale,

azioni progettuali che si dispiegano lungo due direttive tra loro correlate.

Tali azioni tendono alla riqualificazione dei servizi esistenti e alla

realizzazione di nuovi servizi finalizzati al sostegno della condizione minorile e

al supporto e alla valorizzazione dei molteplici compiti che le famiglie svolgono

non solo a sostegno di situazioni sociali gi compromesse, ma anche a

supporto e stimolo di situazioni di normalit.

Lorientamento assunto quello di puntare lattenzione in maniera pi

efficace sul segmento infanzia e sulla fase adolescenziale in quanto condizione

che alimenta disorientamenti che facilmente portano verso devianze o

comunque irregolarit di comportamento nelle successive fasi della crescita.

DESCRIZIONE SINTETICA DEI PROGETTI E DELLE STRUTTURE

ESISTENTI NEI COMUNI DI SALERNO E PELLEZZANO

Gli interventi programmati hanno consentito la realizzazione dei servizi

integrativi e sostitutivi a sostegno della famiglia, di attivit ludiche e di

integrazione sociale nei quartieri, di una rete di sostegno al disagio, di centri di

aggregazione, nei quartieri a rischio, per la prevenzione, di sperimentazione di

nuove forme di autogestione d