47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

of 42/42
  • date post

    10-Jul-2015
  • Category

    Documents

  • view

    422
  • download

    50

Embed Size (px)

Transcript of 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    1/42

    Pau l K le eOUADERNO01 SCH IZZ IP EDAGOG I C ''. ' . .;.

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    2/42

    0)Unit hnt!1Iallll,. che si svolge liba,amenle. un vaga,e line a sa Itasso. lanza mala.

    '''''''''IIt! e un pumo cne si aposta (Fig. 1):

    FigLa stessa I lRea t sccompagnala da all ra lorma (Fig. 2 a 3):

    F ig , 1

    6

    La slessa linaa cha II awolga au sa staua (Fig. 4):

    Fig."!~It.'o f-. \ .'JJl'tJ .

    Duo linoa "conder I., ,&linea principal. it Immaglnarl&(Fig; 5):

    F ig . 5

    7

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    3/42

    ~t:\1':\~.~~... 7oUna linaa .m". cha a scadanla lillse ai muova Ira punti dal initi (Fig, 6):1F,g.,.

    U-'d lil\aa medial. che Sla Ira it movimento dl un punto I'.ltetto di lIuper'icle (Fig. 7):

    r:Nel .ormarsl, queste figure hannO carat,lere linear~,ma, a torma compluta, queeta proprlat' I tnear. lasclaiI posto al ia idea di supar licie,

    ;,1.0. - - - - --0lli~i'.~ ,:

    - ftr4 '- t-" if.

    Une. p... I". che rlsultano da una super ficie alli va (linea cho ,I apOlla) (Fig. 8):

    FIg.' . "I

    Una. de l quadrato passive e l inea del cerch io pasaiva, al contompo f igure piana al llva ,

    r .

    _, . . . . . . . ".. 9. .

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    4/42

    I .Gpo Rlaaaumendo (Fig. 9-12):PRIMO CASO:

    fig. 9 Fig. 90 Fig.9bLln88 a.llve, superlicl paulve; energla lineare (causa), risullato linearo (eHeno), eHettodl lJuper1lciesecondario.

    SECONDO CASO:r:,1----1

    F,g.IO'_;088 m.dlell; en.rgle IInearl (causa), risullato di superlicie (eHello).

    TEAZO CASO:S ' f . , . : J. , ~. . \ ".o'!, "- - . .

    Fig. IISuperlicle allive, linea paulva; energle dl ,.uperflcle (causa) . enetto dl auper1lcle 8HeUo IIn.afO 841condario.

    10

    IIIII11i

    .' ~.. ,

    I TRE CASI:

    ~1".~.. , .r

    Analogie lingulstichedei concel li at livo, medlale 8 pasl!ivo:attlvo: 10 abbatto (I'uomo abbatt6 I'albero conI'ascia),medlale: 10 cado (I'slbero cadde SOllO I colpl d.'-I'uomo),pasSIVO: 10 vengo abbal tuto (I'albero glace abbat-tuto).

    11

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    5/42

    oStruttura.(Arllcolazione divISlbl'e.,

    I : , II !

    :11111 1 1 I l ' ~ ' + ' ,11'1'11: I I da sinislra a deslra.I i I

    I ;, ! i

    I+----;_--- IdaII'----..;_---- + alto----:-----.1. al___ ___ I basso.-----.~-------- + .

    ~ 13'''.i. 13): I piu primilivi ri lml slrulturali che dipendono dalla ripaliziona del la stessa" '.1 !lulla dllezione ainistra-deSlra oppure allo-basao.

    1;;~1 14)' Allmo slruttura'e, . .~'IO olimilivl) nella dupllce

    . .. 11 I.. " alllll,lrtt-dClIIUa II III. . I, IS!.O

    '1 1.--- - --,-1, , .~

    .- -'~--.. , I I ,:, + '4

    12

    (Fig. 15,: Ques'o ri'mo 6 dl uno stadio piu avanzalo. La sua unltA ha nome: uno piu due (1+2)., I I " I ' " I ; I' ~ i' I ' I

    1+2+1 +2 rappresen',:,la seconco la misuraI ' ' ' : ' ' ' ' ' '' ' ' ' t r h t ~""'t-M IjoJ..' t -- ! - t "1+ 2+ 1+ 2 rappresentala secondo " pesof ig . 15

    Scrlvo In luogo di 1+ 2+ ""2: (1+2) +(1 +2). iIche equlvale a 3+3+3+3, quindi di nuovo I., Ipet lzlon. di una unilA.

    I11.0I STRUTTURA PONDERALE doe d;me.,;o.i.(La acacchler )

    Somme orlzzontell e vertlcali (Fig. 16):11+10+11 +10+11 +10=(11 +10)+(11 +10) +(11 +10)-=21 +21 +21-=1+1+1.(Fig. 17): Le duedimension IInaleme.

    Jtf'.Fig. 16

    I, t . . ~ . . . . ~ ~ .. '= Lll,t .. . " - . . ~~ . . . a t 'l. i - ~J ;,L 1 . J . , _ .: i .~11 ,,~~.1 f, ~~~.tt , ~fii -0

    In , ~ II. I ff,u

    Fig. 17"rn

    fig.17a rn~,;. (Fig. 17) : Se ai Intende la porzione 17a come unitA di valore sel, si arrive alia aeguantef rappresenlazlone numeric. della Fig. 17:j 6i 6+6+6 I I 1 II 1I+

    6161616, .j ., +6+6" 6+6T + t +6 ,. 6 -t 6+6

    pura ripetizione.quindi strutturale.

    13

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    6/42

    1.8- .(Fig. 18): Le due dlmenslonl vlate dlsgonalmente.

    Fig. 18

    IFig. 19): Variante nneare,

    . , , .,:1+ J r tI I 1 1 1 I(1.(.1) 1 11I I. 1 r 1

    J . 1 l) f I

    Oa lu11equeste sene numerlcna 81possono togliere 0 agglungere delle partl, senza che, 'oro caraller. rltmlco, bllsslo sulls ripetizlon e, ne rlaulU slterato.:.i.l.lr.1.I.l,lr.c.r.Id :

    - ' . ! . : : J ; - : : ; ' ~ 1 ; : ; ':l~::';.~~. 1 . ~ tb~ * .&14

    II caraH.r.atrultur.l. partantodlvlalbllo.

    II! 1.0o Artlcolazlone Indlvlduale.I.e srt lcolazlonl Indlvlduall, 81contrarlo delle atrutture. non polranno mal e a s e , . ridott I , rna dovranno fermaral a proporz lon l

    quail 2:3 :5,oppure 7: 11 : 13: 17,oppur. a: b ;: b : (a+b) (aezlone 8urea).

    15

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    7/42

    1.0-oStruHure materlall.neua natura.

    Fig. 21

    Nozione di strut tura nel la natura: I I raggruppamento delle phi piccola panicel le nconc-8clblll della meterla:I.e partlceUe delle ossa sono cellulari a tubolari.La strul lu r. del lagament i it dl tlpo tendlneo-libroao.Le f ibre del tendlni t rapassano In quel ie de l muscol l,nel quai l appara ancha una str latur. t rasveraale.

    16

    I .GG L'organlsmo motorlo naturalecome volonla e attuazlone dl movlmento.(Sovramaterlale.)_ M

    A La oase concorrono a formare 10scheletro.Esse abblsognano, parfino In poslzlone dl riposo, dl un reclproco appogglo.A cl i) prowedono I legament i.Questa funzlone it subordinate ; s l pub parlare d l un carat tare strut turale de llatunnone,II successlvo passagglo deU'organlzzazlone motoria porta dall'osso al mUlColo.Fr. questl duo I I tendlne fa da Intermedlar io.

    \

    F ig . 2 2

    17

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    8/42

    ,

    F i g. 2 )

    Equal. II rapporto del muscolo can l 'OS80?II muscolo, grazle alia sua capac I.. dl eontraral e raceorclaral, porta dua ossaIII "' . . dlVltrOo ropport" angolar .Sa III conli idara ancora, nall'amblto dell'organlsmo motorlo, I I ,appono tra OBSO6 muacolo, a l ,Iconosce al tend lne l 'a ttlvUIi d l mediazlone tra OSSOe muscolo.!j ' tlpporto anoola,a dl due 08sa dn. camblare secondo la volontA dol muacalo.La 'unziona del muacolo 6 auperlore a quel l. de ll 'oBBo; la lunzlona dell 'oBso p" 'l"a nspetto alia lunzlone del muacolo.l..01l8a 'eggono I I tut to anche durante II movlmanto.La 'unzlone del muscol l superlore anch. perene, post! I 'uno accanto a ll 'al tro,;(lVO'lino autonomamente. Uno tleUe, I'altro estende.In ossc till solo non raddrlua.

    18

    I1

    I

    I.eec II funzlonamento autonomo del muacolo relativo, penaato In rappor to al fun-zlonamento dell'oa80. In a6 anche II muscolo non 6 autonomo, ma obbedlscsad un comando ene provlene dal cerve llo. Esso non vuole ag lre, ma deve aglre,tutt'at piu vuole obbedlre.La t rasmlaslone del eomando del cer/e llo s l pub paragonare ad un telegramma;I nerv i fanno da tramlte come I fl li te legraf ic l.D Ora per contrassegnare la relativltA del rapporto dl aervltu e domlnlo, dl fun-z ionamento strut turale e Ind lv ldua le, nel la Fig. 24 vlene adot tato uno schemadel tlpo d l quel lo del le scatole c lnesl . ' .Fig. lot

    In'u_"o c:uo IIOIMIV_I.una dllpollzlona per Importanza pondl"' con un Incremento dl vlloreval lO I cent ro; inv ." lImento I . d llpoll "~ne ._condo ml.ur ., ognorebbe ., COlVolioII pOlIO ellp,lnclpole IImploua dllpo"ebbo Ie lolZo In modo Invo. lO.

    19

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    9/42

    I.e. .eEsercltazlonl,(auI lemadella trlpartlzlone): Primo orgllnO alUvo (cervello),

    Secondo organo medlale (muacolo),Tano organo passlvo (ossa),

    a) Ruoh! adacqua magllo (Fig, 25):

    Fig.H

    I LII C.IICIIIII d'lI!:qua ,alllvo). II II eillama dlUI fuml Imldlall) . III II maullo ,pa.. lvo).Lo pala doll a IUOlagrenda. Ifaggl dlill lUola piccola.

    Clnghla dl Iruml lone.

    a o

    I [email protected]) II molino ad acqua (Fig, 26): " I

    :

    .i,

    I f~.",

    I Le due fane: a) fona dl gravil6, b) II monte che fa da oatacolo (anlvo)II La diagonale del parallalogramme delle forze Ie alb: l'lmpelo dell'acqua corrente(mediale)III La ruote che vlene mosse (p.. alvo).

    21,;

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    10/42

    J .ea"c) La pienta (Fig. 27):

    F ig . 2 1d) (senla ligura) La rlproduzlon.:

    I Organl maschlll (stami), atlivo.II La medlazlone degli 'nsetU, medrete.III"G il organl 'emmlnih (frutlo), pessivo,

    It) La clrcolulon. (Fig. 28):I II eucre pompa (altivo).III I I sangue vlane masse Inmovunento (passivo).

    II II polmone nceve e da ul-Idnori modihcillioni, par-tecrpa (medlale).I II cuore pompa.III II sdngue viene nmessoIn movimento e ritorna aleucre, II suo punto dl par-tenza. F ig . 2 8

    22

    GIA al prlnclplo dell'ulone produttlva, poco dopo l'lnlzlale movlmento produttlvo, au-bantra glA II primo contromovlmonto, l'lnizlalo movimento rlcettlvo. C106: II crearore, controlla se cosl va bene cl6 cne naI creato 'mora.Lopera, come atllvltA umana (gon88I), II, tanto In senso produttivo quanto rleettivo.I movlm.nto.In lenao produttivo ella dipende dai il-lmill manuall del creatore (questl ha lolaf due manl).ItI11

    I [email protected]_ - NProdultlvo

    C~)

    ~~~~'",.,

    , . . . .A_,..._. . _. .. . , J " .. .; " . . , 1, I J

    Fig. 29

    Loperadivlene~ple"a supietra N(addillone)

    oppureuscencc (Jalblocco pOlZO apOZZO(aoltrazione)

    AmbedueI .procedjmenli.I'edihcazlone e IIdlagrossamento,al svolgononal tampo.

    IoI

    RicatUvo

    j'!'",.,".,"

    In nlO rloatllvo esaa dlpende dal limitidall'occhlo eha parcsplaclt. II IImltlt cer-I 'oechlo sla nella ImposlibllltA di ' lederenettamente e almullanoamenle una super-' icie ancha moue prccota. Loectlio (Jevetrugare la suparlicla, alflnare la percezic-ne di una parte dopo ranra, dare una gar-Ie dopo I'allra In memoria al cerveno eneraccoglla a Immagauina Ie Imprasslonl.

    (t

    Llocchlo parcorra la via cha gil Bono Btate predlapoata neU'opera,23

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    11/42

    II.Dimensioni

    ,,i!~t,, Fig.JO},t1l,1.}('I"e

    21

    , ,.;

    '

    ,. dlmenslone: sinistra (destra)2" dimenslone: scpra (50110)3 armensicne: davanti (dielro)

    25

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    12/42

    .. ._ .e Bldlm.nllonal.:... t.".dlmenllon.1I.55Ull18InItppllreOlll

    26

    a) Due 1I0ee paral le le quando I'occhio Ie cog!le cr toqcnat -mente:

    b) Rotale quando I 'occhio Ie coglie orlogonalmenle:'I 'I I I 4 1 'I 'I '1 'I Jl j

    c) Due linea parallele da un dillerenle angolo visuals:

    F ig . 3 1d) (F ig. 32): ROlale v lste lateralmenle, con travers ine ellalungono da metro di rmsura per la progressione prospet-

    t iea dal dlelro all 'avant i:- ' 1 L 1 ' / ' Iig . 3 2e) (Fig. 33): Le 81eS8evlste trontalmenle.

    Fig,33

    U.eee Operulone nen ..... dlmenllonl (Fig. 34)::' tr : . : : ' . . . . . - . . . - - . - - - - .

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    13/42

    U .ee La venicale (continu&Zlone).V.rtlc.l g.nl. con 10aposlarsl del soggetto (oaservalore) a sinlslra 0 a destre,(Fig. 37): Posizlone dell'osseNatore (punta dl vista) spcstato verso slnlstra.(Fig. 38): Punto dl vlata apostato verso destra.

    ~g.J7 F ig . 3 8

    I_U verticale sta a significare la retta via aulla superllele.

    28

    lI.ee L ' or I azQn la l

    Fig .3 '

    ' 1, h

    '.;{i

    Fig .40

    ;,. ,~,,, ,;!

    L'orlzzontale slgnlfica: altezza dell'occhlo.Questo collegamento dl tutti Ipuntl dello spulo sltuatl 811'alteu8 deU'oechlo 81 chlemaIInaa degll occhl.I~

    29,',"

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    14/42

    j U .eE : n

    Dlmoltrulon. dena dal ln lzlon. d l orluon" '. ,Fig.'"

    (Fig. 41): Lo spaz io coslrul lo aU' lnternopermelle 0180998110 (osservatore) una vi-SlOll8 dall' ll ilo dlt lla sua supurliciu aope-nore, qutndl questa superficle sl trova 01(II sotto dul punto di vista dell'ossurveto'". O i tatto I'onzzontale si IrOlla al dlsupra.

    Fig. 4) - . , . _ _ , .... _ . . . . . . . . I

    f ig , 4 2

    (Fig, 42): Questo spazlo costrulto all 'inter-no permette al soggetto (osservalore) unavlalone dal di aouo del la sua superf icie8uperiore, quindi questa superficie 8 1 tro-va al di sopra del punta oi vista dell'os-servatore. 01 lallo l'orl21onlale sl trova IIIoi sotto.

    ' ~ ' l..i>. ....~

    . " 1 -~.

    (Fig. 43) : In questo easo perb I 'occhio non r tccnosce la superf le le superiore come talenlt daU'a llo ne dal basso, rna essa ai presenta come l inea orizzonta le. 51 IrOV8 dunqueesauemente 0ll'II1I8:1:zadeU'OCChlo,Oi fatto questa linea della superlicle supenore coin-Cide con la orlzzOnlal8. .30

    n.sePerch' la Fig. 44 errata come Imma-glne dl una facclata dl casa? Essa noniI log lcamente errata; perch6 Ie aper-ture delle 'inestre Inferlori sono pluvleine all 'ocehlo di quelle deUe finestrssuperlor l, i l che slgnlf iea prospel liva-mente pi': ' grandl . Come rappresen-tazione dl un pavlmento sarebbe ac-cettala seoza difficolt '.Questa Immeglne dunque non iI logl-comonl., bensl pllcologlCllmenl. .r-r.1lI1Perch' I 'essere anlmale, neu'lntereese Fig. 4 < 4I del suo equll lbrlo, vuole vedere tu lle Iee " delle , .. ". come ,enlCe" anche .eUa__p_rO_I_8_ZI_0_n_e.L:-:---)

    . . . . . . ~

    _'

    }.Fig.04SII funambolo can Ie sua pertlca per bl-lanciarsl. Orizzontale: I'orizzonte come: t 'enomeno.

    ~ La vortlCIII ta Ignlfle.r. 18 r.tte vie e II portamanlo rlUo 10. ler ,.lto dell'eS8ere1 anlmale, I 'orluonlal . sta a slgnil icare 18sua allezza, II 8UOorlzzonle,1 fn tramba sono un lat lo In leramente terreno e s latieo,t

    Fig.

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    15/42

    1 n .99La bilancla.Fii47

    32

    TII lunambolo 8i preoccupa in modo par tlcolare del suo equl-librio. Egil pondara la forza di gravlt. da ambo la partl. EgnIt bllancia. - r - . .Lo spir ito dalla bilancla il l incrocio di vert ica la a onzzonta le,+ I--iTurbamento dell'equlllbrio e suo effat to.Correzlone mediante contrappaao e auo elfetto cont rarlo.

    Comblnazlone del due elfettl owaro croce dlagonale (equl .IIbrio aimmetrlco come rttintegrazione).

    U .s gS Equlllbrio a.lmmetrh;oFig. 48

    a) misura:

    b) peso:Il'.11),

    c) carattere:

    (aimbolo):

    EquilibriaturbDto. Equilibriarlal.bllto.o7

    f ig . .. 9

    33

    '.:

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    16/42

    U .s.e Scheml dl ngurulon. riferlU al S(Fig. 5Oa): L'asae AB, aovraeearleato dal magglor peso dello seuro .., sl abbassalo da a In A e alzalo da b In B. In origlna esso stalla sulla orizzontalsab. Ad entrambl gil 8881ab a AB In comuns II punto c: in quanto punto dlrOlazione. In eonseguenza delia rotazione, 10 scuro a sinlstra si trova piliin basso del. ch iaro . .a desl ra. Ora per controbllanc iare si aggiunge a destreiI nero .Oppure: Ho preso a bareoUere a slnist ra, per non cadere ho allungato la manoa destra.

    (Fig. 50b): La par te superiore del mio corpo (l troppo pesante , la ver tica la siinc lina a sinistra, a io cade sa, a s in istra in basso, non intarviene tempesl lvamente II I corrazlone a non viena amplieta la base allungando II paseo versos.mstra.

    fig. S O . .

    34

    Fig.SO b

    U .sSCostruzlone dl una torre.(Fig. 51): Sulla prima pletra .. posa laplelra I. Questa turba I 'equll lbrio verso s lnlslra. Per bllanclare e per ottenere unnuovo turbamento dell'equilibrio verso de-s tre, sl agglunga la pletra I I. In questo mo-do segue la pietra II I cne trasc ina versosiniSlra, ta pietra IV che nuovamente euan -c ia e lurba I 'equil ibrio verso destra, e coslvia finche I'ultima plelra.. regola de'ini-tivamente 10 slalO dl equilibrio.

    (Fig. 52): C.. C a , C, etc. sono ipunt! dlrolazione delle ple lre squil ibrant i; i quail .unili per mezzo dl una linea, danno come,isultalo una forma zigzag inlorno .,-l'a6se vertlcale.

    .Ji!~,

    Fig.52

    /- .', 'I00L

    "

    "

    "0t. ,\~.!

    35

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    17/42

    IIU .96)Terra, acqua e aria.

    I simboll del campo statico sono iI filo a plombo (Ia poslzlone eretta) e la bilancia. IIliIo 8 piombo &1orienta verso IIcent ro del la terra, a l quale 6 annodato i l dest ino terreno ..~ Tul lavia c l sono regionl con alt re leggi e nuovi simbol l, corr ispondent i a un movimentot pi ':' l ibero e a luoghi p lu mobi li .IIl,1L'acqua e I 'atmosfera poasono considerarsl regno intermedlo.

    fig.S),I 37.~!

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    18/42

    e ARIA.(Fig. 54): Un proletlilesparato verso I'alto salenell'aria can energia de-crescente. piega, e ricadea terra can energia e r e -scente.(Articolazione 5ciolt8.)

    F ig . 5 4

    I;. ' 9ACQUA.

    1

    Fig. 56

    SERRA (manIe,.

    TERRA (mont.,.(Fig. 55): Un uomo chesale Ie scale con sforzocrescenta ad ogni gra-dino.CArticolazione rigida.)

    I colpi di piede di un nuolalore, un ,ilmo con articolazione scioll8.

    38

    ~ TERRA (monte) ARIA' < : : : : I comblnaU. . J . .I '. . . _

    Una plelra cada lungo un pendlo 8C~1001", 1 3. 1. 1 mpr. m.gglorl,(Artlcolazlone in parte rlgida, In par-le sColt8.)

    (Fig. 59): Una meteora cne, descrl-venda la propria orblta, sl dirige nat-Ie vicinanze della terra. viena devi.tadalhl propria orbita e indona a la-gliare I'almos'era; divenula stella ca-denIe Inluocata, nesce a ecempareal perlcolo di dover restare per sem-pre applcclcata alia terra, e proseguer."ruddandosi e spegnendosi nellospuzio vuolO. (Artlcolazione sciolla.,

    V ARIA.Fig. 58

    Un aerostato, salando, passa da uno stratoatmosferlco caldo a uno freddo, poi ancoraa uno piu caldo e Infine a uno caldisslmo.(Articolazlone sColla.,

    Co.mlco alma.f.rlco comblnetL

    39

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    19/42

    ~I,I ,I!~I nll.9--Jmboll d e lla f ormaz io ne mo to ri a.8a troltola.

    Sasi riduce ad un 8010 punte la base dl appoggio della bi'ancia quando 6 stabtte, essavacillerA e cadrA ancne se i pesi Bono distribulti nel modo piu accorto (Fig. 60):

    ,

    Imprimendo a questo, giocattolo unj movimento rOlatorio.'~., orizzontale. gli sarAimpedito di cadera.!-r.f-....fI---- E ci troveremoi, di fronte alia trotto'a.~ (Fig. 61).I,I f i g . 60~.~I11 F i g . 62: l'1~

    fig.61",.." '

    La doppla trottola ..balla senea ca-dare persme su un fi lo teso. (Fig. 62.)

    ~.).~'.. .

    41

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    20/42

    "I n n . s.'".j S IIpendolo.,I

    II 1 i I0 a piombo:

    "

    "

    42

    I sottoposto ad oscil-laziona diventa ..pendoto,Fig.61

    Fig.63.

    L'ul tlma .orma dl movimento considarata pub essare ampl iata con un comando mossodal pandolo. II 88n80 da ossarvartt dl tala forma vaganta del punto dl sospan81one sitras'arlsce anche aile .orme dl movlmanto ampliata.La plu pura .orma dl movimento, quella cosmica, nasce perb solo nel momento In cui81 annul !a la .ona dl graviti li . (5 1 aUmina II legama con la tarra. ,Immaglnlamo ch. questo 8ucceda nalmezzo dl una o8clllazione dal pendolo(Fig. 66) . Allora II pendolo &1 mallerA aruotare In carchlo, ene II la piu purad., lIe torme mOSBa.eade la neces81tl dl un movimento Inqua e In Il;la nuova forma (Fig. 66a)non muta sla e8SIl destrorsa 0 slnl-strorsa.

    dal movimento e contromovimento del pendolo risulta II bl-lanciamanto del mota (Fig. 6 4 "ovvaro ta forma dl movimento pendolare. restando lisllo IIpunlo dl acspenetone (Fig. 65).

    Fig... Fig.6S

    La varlablll tA della lunghezza del raggio, comblnata con movimantl della clrconferenza,Unl'urm. II 0_ro1110In _plrale. D."'aUungam_nto del ,agglo oon._gu. I. vlt.lilA doll"spirale. II raccorclamento del ragglo restrlnge 8empre plil la rotazlone, finch' questobellO llpettacolo muore dl colpo; In questo caso II movlmenlo non II phi Infinllo, coslcch68cqulsl8 nuovamente importanza II pro-b lema del la d irez ione. Questa decide 0per una liberazlone dal cantro verso unmovlmento sampre pi' :' I Ibero 0 per uncrescents legame con un cantro ene al ialine dilltrugge.Questo problema I) queUo della vita 0d 8 1 1 a mona, a la decl,lone, in un sensoo nell'a'tro, II aHldata alia piccola tree- 'cia (F lO . 67).

    JIJi",~I'.

    Fig.66

    . .I !.

    fig. 67

    Fig.66G

    43

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    21/42

    1,. nn.ss j I IU .s, IIe I.~ Le'racc' .. 'S (LA FRECCIA,)'j I I padre della treccia it I I pensiero: come posso estencere i l mio raggio d 'az iona f in 1 1 1 ' 1oltre questo hume, questo lago, quel monte!La capacna spiri tuale dell'uomo dl spaztare a piacimllOto nel terrano a nel sovraterranoe in anti tes l con la sua impotanz. !lslca, al l'or ig ine della t ragedia umana. Questo con-tU llo Ira potenza e impotenza i I la d icotomia propria dell 'essera umano, L 'uomo it permeta ala lo, par mela prigioniero.

    Sa la al i del.la p~nla- ti ,! ,one hanna lunghazza divarsa 8 88 gli angol l sono disuguali , s lavr ' una Irala ltona davlata verso I'al lo 0 verso iI basso (Fig, 72). I

    l Fig,72j]11I

    A.Ij- - - - - - - : : _ . fJ1jJ

    Fig. 68II pensiero come m8dlazione tra lerra euniverso. Quanto pi' :' lungo it II vlaggio,tanto piu sensibi la s i fa la tragadia dl do-lIer divenira mcvjmeruc a dl non assariagill!i,o svolgimanto it conforme. Coma supereta I reecia I 'ostacolo deU'attr lto? Mai del H I n ' A t Jlulto, tanto da arrivara la dove it movl; ~menlo senza I inal

    a > b J . 'ralattorla">ti ascandenle a > b J Iraiettoria">~ discendenleF ig . 6 9

    II r iconoscere cne I II dove c 'i I un principio mal c l sarA un infinl to ,Consolazione: un po' pi':' in III dal solitol un po' plu in IA dal possibile?LaSCIBlevi tanctare, voi treece, in modo de colpira a giungare a segno,stancnerete e non vi giungerate . .e ancne se II I Quanto pi':' potenta la punta-timone ascensionals,tanlo piu in alto salir. la treccta,O'I" .~ La Ireccia reale consiste di as tapuntaF ig , 7 3, a cocca ( Iimone)

    La freccia simbolica II traiettorla~..

    ~jf;g." ,~Sa Ie ali dalla punta-Umone sono lunghe 11uguali a 58 uguali sono gli angoli che esse J'lormano con la traienerta, III traiattona rio .suttante surA diritla, '.(Fig. 71 a:.:; b; ~ =: a ' ) ' l

    a puntao cocca (timone)riunilein punta-timona,

    Quanto pi':' polenta la punta-timona discensionale,tanto piu in basso scendera la treccta,Fig.7t

    44 45

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    22/42

    n n . s_ 7S(Fig. 74): Nella realtA terrena aliasahla segue sampre la cad uta,quando la lorza d'attrazlone dellalerra supera gradatamante la pu.,.ta-umone ascansionale mentre I.I ra ie llor ia ral lanta. Cosl la curvalerrena lermina coma ratta ( teor l-camenle nel centro del la terra).

    Conlrariamenle alia Fig . 74, lacurva cosmica al allontanerebbesampre pill dalla ter ra coma mo-..mflnlo l inalmante inl inito per polPllblillUI ta l corchlo 0 almeno al-l'eIIlS&8.

    46

    Fig, 74

    A - - - . - - - - - - . ./ : .~- . .', . . . . .e lf : lJC. Fig, 75

    1Qlgur_zlon. den reccla' \ ::;J n.r. (Fig, 78).F ig , 7 6

    i1II11II Essa consist , nel c rescente svl luppo dl energla dal b ianco, dato 0 corrlspondente alia',lIltuazione 0 presente, 81 nero, agente nal subantrara 0 futuro. Perch' non 81I 'lnval '1l01Risposla: I'&ccento cade sull a partlco larlttl minore.. pluttoato che sulla generic I t 'II maggiore It. Quest 'u lt lma fa un aUetlo corr lspondenla aUa sl luaz lona, consuelo, la prl - m il Iii un e".tto Inoonsu.to, oho aglllc.. E lis I ,ocola VOla no"a dl,l IIlon. dal l'plona,: In una art lco lazlone ben ordinals In ambedue I caratlar l, la d lr ,z lone del mov lmento & 11 manilesla In modo cosl convlncente ene I 'ingannevole s lmbolo ( Ia I reccia) pub esaereemesao ,1 IIdalo bianco, I I b lanco v ista e r lvlsto Iino alia noia, v lene recepi lo dal l'occhlo con poca acctamazlone. In quanlo qualcosa dl abituale ; sui partlcola re dell'uione subanlranle, iRvece, 18 vlvae ltA dallo eguardo cresce lino a l culmine 0 81 termine di questa azlone..Qllesta slrao rdlnarla crnclta dl energ la (In sanso produttlvo) 0 dl assunzlone dl ener- g la (in sense rlcettlvo) 6 In connessione necessaria can 18 dlrezlone del movlmenlo,

    47

    .' ,. . . ., I' , " , I

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    23/42

    n U . e.I '.,;, La 'roeela nora(schema della,jgura$ne.). Ii

    La ' , e e e ' . 10....La ' reee.. ealdFraccls dl rlscaldsmentoda rlscaldamentoa Inliammazlone.

    La froccla frodda,Spegmmantodi un incandlo ..'I

    .1La traccl, v.rda-rol . .n.1 campo cromaUco,

    La 'reccla rOllo-verdonltl campo crom,tlco.

    48

    Fig. 170

    Fig.77b

    Fig.77c

    Fig.77d

    F ig . 7 8

    Fig . 79

    n n . e eIa g.:I jTabella del " 4 :rlacaldamento cromatlco. ,,,,~; .. ,_,,, _ rre-U M , _ . , . : E~~~;[~~jl T a " " a . a ' . ~ ; , ~ : ~ : : ~ . . . .r.tlraddamento cromatico f r V(p'lOclp.lmenlo olonclonO-IUUflO).jj. e L'organlsmo motorlo.Gil schaml precedenl l (Fig. 7fHJ1) eeno propoate per Is .Igurazlone degl l organi motorldel la compos ltlone. La compos lzione medelima: I'organismo motorio II un concenopiu allo e richiede una dlsposlzlone ad un IIvelio plu alto dl svlluppo. Come norma perquesta compoaizlone puc) valere: un concorrere degU organl In un tutto autonomo. pe-catamente movlmentato 0 movimentatamente pacato. Questa composlZione ai potrAoumll l. ,. re luUanlo quenelo el movlm.nll l.o"l,anno del aonlromovlmentl. 0 quando c lsarli una IIberazione dl movimanto Inl lnlto. (Per II primo Calo la Fig. 82.) (Vedera anchala Fig. tiS.)":

    49.j

    Ii

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    24/42

    nll.s8I movimento Inflnito nel campo cromatico.Passando al movlmento InllnUo, In cui 18dlrezlone del movlmenlo it prlva dl Importanza,anzitu tto laselo da parte la 'recela. Con elb a l r lunlscono, per esemplc, I casi de l r isealdamento e del raffreddamento. " path08 (Ia tragedl.) al traslorma In ethos, che comprende In s6 fo'la e controlo'la unite. ; .

    tU1V- & f a l JIll; t t

    )S oFig. 83In primo luogo movlmento e eontromovlmento, coa l . .. oppure +- coal.In questa al determlna un centro, II grlglo cenlrale (Fig. 83).QUlllllupi':' pur I. ,.pPt.'.fllldl~ha "'.1 orl"lo, t.ntu pi" rl.t,an. 6 I. IU I'on.slone, In teor la restr lnglbl le , jno al punto.7.Fig. 84A sin is lra del punto 9ri910 preva le g il l I I varda, a destra, aubl to v ic ino al punto, pravaleg ia " rosso. In consaguanz. d l e li al potrabba assent Indonl al ia aaQuante rappresen-lazlona (Fig. 85).50

    I n n . 8Fig. 85 Fig. 86

    tit I Ira I pusaggl v.rd~rouo a vlola-glallo!u~a; :a~~~i : ~~~!-:~:~~[!~e urF~Q~85)~8qulnd l 0 1 Impone 1 8 dlapoolzlone dlagona!edal le sca le esterna (Fig. 86).

    Siamo arr lvatl a l d isco cromaticospettrale, dova ognl freccla dl-vllnl. Duporllua. "oloht qui ngn.1 tratta plil solo del verso lal.Ma del dappertutto -qulndl sncha del la-.

    51

    i. APPENDICE

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    25/42

    i traduzlcne d e gl i s er it ti a u to g ra /i: n ee es sa ri a lia e om pr en sio ne d eg li s eh iz zi

    ' II,I. ,il,.'

    ,I, IIIi

    "

    "II,j' 1.,"

    ,.,' ,y ;

    ,,

    'I

    .,

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    26/42

    fig. 9, fiB. g a, f ig . 9bF. pal l1 iiv - superf ie i e pal il l ii vofiB. 12(..g ebie t - A m bito d ella line aPunktvenehiebung apo stam ento de lpuntol inearact iv - l in e ar e a tt iv ot1 ii c henp8 l il s iv 6up e rf i ci a le p a ss iv oM e dialg ebie t am b ito m e dialeF g eb ie t a m bit o d el la s up er fic ieL in ie nv ench ie bu ng - spo stam e m o d ellalineaI la ch e na et iv s up er fic la le a tt iv olinear p ossiv llneare pasli ivofiB. 16V e rt ic al- Su m m e n S om m e v er tic al i(crate D im e nsio n) p rim a dimensloneS tr eif en ge wic ht p es i in c ol on naHorizcntal-Summen - S om m e o ri zz on ta li(zweue Dimension) . S ec on d a d im e n si o-nef iB. 20al s G lie de ru ngscharak te r - c om e carat-terlstlca dell 'articolazionef iB. 21K nochen . 056a81inder l egament iM u sk el - m u sc ol o/ i g . 22K noche n 08S0Sehne tcndineM uske l m uscclc/ i g . 2 4M at er ie -S tr uk tu r - s tr utt ur a d el la m a te riaW erlZ lte ige run g nac h d cm C en tru m - in -cre me nto d i valore ve rso il centrog ew ic ht - im p or ta nz a (p on de ra le )Sche m a - sch em aB li nd l eg am e n to

    ,II:1j!" j

    ' , ' ,

    K no che n - OISOS eh ne te nd in eM uske l - m u sco loN erv - ne rvoH im ce rv ellof iB. 26l5 erg m o ntefiB. 27I.Boden in dem das Sam enkom aufgeht: - te rre no n el qu ale it seme ger-mogl ia :(d er B ez ie hu ng sc om p le t: H um u s, S am e n-ko rn, V erw urze luns. Ern iihrung undW achstum ) (it complesso di rapper-ti: hum us, se me , radicam ento , nutri-sicne e crescite)(act iv) - (attivo)II. Atm ungso rgane organi d ella re ap i-razionein Licht und L uft'- alia lue e e all'aria( Bl ii tt e r) - ( fo g li e)(m e d ia l) - (m e d ia le )III. S IU te f io re(passtv ) (pauivo)/Ig. 29( Ad d it io n) ( ad d iz io ne )p lu s p iliglei ch - ugualem inus - m eno(Subtraktion) - (settrazicne)fig. 41 , fiB. 42 , fig. 43h or iz on t al e lin ea o riz zo nta lef iB . 4 9h el l c hia rod unke l 8 CU ror ot - r oliS oblau - auurrosch warz n erog elb s ia tto ,.:,.:.',.

    50 57 .'"

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    27/42

    fiB. S O ad un ke l IiC U roh el l c hi ar oIC hw an ncrofiB . SO bzu a ch wc r tr op po p cu ntczu leichi treppe leueroAU6 s le i ch c omp e n uz iu n el iB . 5 JG rundstcin 'prim a pictra ' (di un cd ificiu)S te in p ie tr aSchluse S te in - 'u ltim a p ictra'fiB. 53w t nach dem Erdm il le lpunkt - pe rpen-dicolare al c en tr o d el hi te rr aR e tl l m o n teW I I ~ be r I Ic q uaI .u ft - a riaI :. rd c l e rr al ig . ~W cn du ng - sv oltaf i g . 57io s s clo lto'"I . "Kido.'ulrlC: r Klang) (suono p ii a d u ro )I;~ . S H1....f tl ;l ro m u ng c or re n te d 'a ri aw ltrm . cal do" ,,1 ,1 fra.col'IWIII wCRlBe r un po ' m eno~hr W l lr ll l . m o lto C :l ll dofilt. 5~\1 cl eo r . m e te or sAtmosphere I I tme li (e rahrde . le rra_ : 'C 'I 'r u l ll . c e n tr oJ ' y . bJ~villo spe cularm e nte r B cw cluna m o -vunenroG e g eu be w e gu ng c on lr um o v im c n toP er s ol lo lin ea rc l a r cl ativ it ll d ei e oa ce utq ui r atl ig ura t], 'm o v im e n tc ' v ic ne l er it10 s pe cu la rr ne nte ( co n u n 'c on lr om u vi-m e nlo ' d elh i scrittura) e 'co m re m ovl-lIu:nIO' v ie ne tic rillo n orm a tm e nte (co nU'l 'm o v im e n to ' d el la s cr itt ur e) , K lc o d l-

    K lnava e d ipingcva anc :hc co n la m anol in il ll n, c on 1a qUl l l e l i up ev a . c ri v e rc "PC-culaMnenlc .J i g . 64U e w el lu ng A us gl ei ch - b il an eia ta c om b in az ie ne d i m o v im e n to ( bil ll nc ia m cn tode l m oto )l ig . 6 7e n tw c d cr . .. oder .... 0...0...l iB . b8d orthin l . (ve rso ) Il l!fiB. 69H ie r U ind una qui il vinco ludo rth in l - (ve rso ) 181D or t L O tl un g In l a I ib e ru io n efi g. 72S ch af lr ic ht un ll - linea dell'estaD ah nr ic ht un a l in ea d el la tr aic ll or iafig. 73V o r au li li ct zu ng p re m e S 6a (presupposto)E rl eb nil i risultatc (cITelta)l ig . 74 e 75EltD E. te rraJ i g . 76Schw llne s Ende fine ne raSchwuraer U r sp ru ng o rig in e neraW eill in W elbb - blanco 6U biancol iB . 77"H eae be n d atewul ... bIIlO!;"e im r et en d e nl ta nteetwlb S chW ll rL - p o co nerom ehr Schwan piu ne rogdnz Schw an - im eram ente ne roSc hw an llip fe l cu i m in e d el ne rol iB , 7 7 bgegeben datoR Olm a nac l care nz a d i ro SIlOe in tr cl en d e nir an tew enia ru t po co roSllOm ehr rut p ill rossoIlInl ru t ln te ram e nte ro ssoR O lg ip {e l - c ul m in c d el ro ll SOf ig . 77 cg eg eb en d ateW I ISl ICr- a cqui t

    e in tr ctc nd - c ntr an tev o n W l i IiOcr d aU 'a c qu az u D liJ 11p f al v ap orczu Feue r al fuo coB ra nd ai pC c l c ul m i ne d e ll 'i nc cn d iuIi,. 77dg cg cb en - d atoB ra nd i nc cn dl oe in tr ete nd e nt ra ntevon G lut - da l fuecozu Dam p( a l vapo rczu W ase r all'acquaE is gip fe l c ul m in e d el g hi ac cio

    jIf ig . 78Ic gc bc n - d ataH rl in - v er dee lm r ete nd - e ntr an tero t - ro SIiOvon griin da l ve rdezu grau - al grigiozu ro t - al roSIOf ig . 79g eg eb en d atoro t ro Sll Oeintre tend - entrantegrUn verdevon ro t dal ro ssozu grau al griglozu gnin - II I verdel ig .8Ogegeben - datok .1 I1 1 - Ireddovon grun - dal ve rde~u H 'au .1 IIrtalozu rot aI rossov on b lau - d llU 'az .z urrozu In tu al grlg iolU " rl l ng e - a l J' ar li ne i on cvon vio le tt - dal v iu lazu gfbU al arig iez u ge lb III aiallo

    "Ii,. 81ge ge be n d atoh ei 6S ardentevon ro t dal rouozu grau a l a ri ai ozu grl in - al ve rdev on o ran ge - d all'aran eio nezu grau - at grigiozu b la u - I Il 1' au ur rovon ge lb - dal S ial lozu grau - a l l ri li ozu vio le tt - al vio la

    1i!'I,I

    Ii,. 82eintretend - cntrantcvon warm - dal caddozu lau al uepidozu kalt - al C rcddoII teste r e lauvo ai con trom ovim entl ~state serine da K lco seguendo la d ire -zione de l ecmromov ime r uo .D a de~ tra a sin istra Ii le gae : dal e aldo ,a l tie pid o, al frcd do ,Ii,. 83ariin - ve rd erot rossob lau - az zu rroo nm g e - aran cio nev iu le tt v io lag el h g ia ll og ra u g rig iotiO - coslode r 1 1 0 - oppure coalp, . lHariin - ve rd ero t rO bSOg rau P un kt - p un to arig iofi,. 8S. fiB. 8 6 eli, . 87co nfro nta; fig . 8 3

    I: P R EM ESSA A LL A E DIZ [O NE T ED ESC A D EL 1965

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    28/42

    ! di Hans M. Wingler .'., ,

    i!I1 ," "

    1I!

    " 0',i:I.~!;. ~,I,.

    , \

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    29/42

    IiII!II1'j~I

    .11.~ 1I 1

    L a p rim a e diz io ne d e l Pl idagog; sches Sk izzenbuch d i P au l K le e ~ st ata st es an el 1 92 4, n el 1 92 5 co m p arv e co m e se co nd o v ol um e d ella e ollan a B au hau s-bucher cu rata d a W alte r G ro piu s e La sz lo Moho l y-Nagy . U na Mclizionosegui poco dopo . A Gropius e Moho ly -N a gy d o ve v a e s se r e c hi ar o fi ndall ' inizio ch e (com e fu de tto in una pre se n tazio ne al l ibro) queste p re m e s se fo nd am e n ta li d i u na p ar te d e ll'in se g na m e nto t eo ric o a llo S ta at-l iche s Bauhaus di W eim ar costituivano una com po ne nte piu che so -stanziale d e ll a c on ce z io n o artlstico-didattica di Klee e d eU ' ls ti tu t o.In s eg ul to , it Pi idagog ; sc !ws Sk iz zenbuch ve nne pubblicato piu d i unavo lta in traduzio ne inglcse i l'o riginale te de sca tuttavia no n fu piu ri-stam p ata, d op o e he la e ollan a d ei B au hau sbiich er si in tcrru pp e a se gu ilod e lla e risi e cono m ica m o ndia le e de l nazionalsocialismo,A p arte le p ag in e in tro du ttiv e e co m ple m e ntari, il Padagog is ches S k iz~en .buch viene qu i r ip r od o tt o ln t eg ra lmente , L' immagine ch e ci o fIre non ~m e rito so lo d i Paul K Ie e - l'auto re de i d lse gni e de lle riO essioni svelten el te ste -: m a an ch e d ella co m po siz lo ne tip og rafica d i M o ho ly-N ag y ch esi pu b considerare pionieristica, Si pone il p ro ble m a (fin da allorasollevato) se la so lu zio ne ad ottata d a M o ho ly-N ag y risp on da d el tuttoalle esigenze dello s pi rit ua le n e l p e ns ie r o e nel disegno di P aul Klee 0li e qu i II I spiccata in div id ua lit A d el t ip og ra fo n on c o nt ri bu is ca a sugge-rire unit interprolaziono divonl. In tutti imodi KlCDautorizzb quelltaf orm a . C os l c ome illibro f u p re s co ta to . e 8 50 r ap p re s en tl > anche qualeosadi quella co op erazio ne d i fo rze d i diverse indirizzo It. che fu una ca -ratteristica d e l B au h au s in sis le n te m e n t e a ff or m a ta d a Klee c am e po te n z ia ledi feconda d ia le tt ic a in te m a e d i p r od u tt iv itA .In questa nueva edizione, ehe segue dl quattro decenni circa Ia p rim a .itratti principali , 1 0 sviluppo e it significuto dell'insegnamento d i Kleeal B auhau s ve ngo no affro ntati da H ele ne Sch m id t-N onn e. F inch6 K le einsegno al B au hau s. q ua si sicu ram e n te o gn i studente Irequento i1 su oco rso o bbtig ato rio n eIl'am b ito d ell 'ln se gn em e n tc e le m e ntare . H e le neSchmidt-Nonne ~ fr a quei pochl ch e seguirono l 'in se gn am e n to d i K le epe r d ive rsi anni e che si adde ntrarono partico lanne nte ne l substratos pir itu al e d el le su e in te nz io ni f ig ura tiv e e p e da go gic he .1965

    .' 1,,'j

    , .1

    " L" IN SE GN AM EN TO D l P AUL K LE E

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    30/42

    : A WE IMAR E A DESSAU,,~di H e le ne S chm id t-Nonne

    1"

    1I

    ,. "

    ,'.'; .

    "

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    31/42

    ,iII!11III!II

    Klee detini il suo insegnamemo al Bauhaus come "!lna PrAJiQ_~mezzi formali . Lo svolgersi di questa pratica era inolto razionale e;Crupoloso. L'imposrazione dei problcmi suonava spesso come la_for-mula del ma-lt:maliCo0 dd hSICO, tutt8Vllt essa era, aDen conslderare,la piiJ pura poesia, Klt:c aveva studialole-leggi dell'opera a'-arfeeitsuo modo dt esporle e di rafligurarle era ricco di immagini e facile aricordarsi, E una grande fortuna aver avuto questo grande maestro chepossedeva un distacco cosciente dalla sua opera. Egli diceva di se:

    ,. Quando arrive it momento di insegnare, mi dovetti chiarire esatta-mente cib che - di soli to lnconsciamente - facevo It. Cosl nacquero lepagine che vennero pubbllcate con il titolo P i idagog isch es Sk iz z enbuch ,come principi Iondamentali di una parte deU'insegnamento teorico a110Staatliches Bauhaus di Weimar.Klee mostro al pubblico ifogli originali del P i idagog isch es Sk iz zenbuchalia prima Esposizione del Bauhaus nell'estate del 1923 a Weimar. Nellostesso periodo in cui i disegni dello Skizzenbuch erano esposti nella salacon sotliuo vetrato deU'edificio per le lezioni, alcuni suoi quadri erano allamostra dei Bauhausmeister al Landesmuseum della Turingia.Benche in sedi lontane l 'una dall'altra, i due tipi di produzione apparten-gono chiaramente allo stesso genere: torigine della teoria deU'operafigurative, I'introspezione nelle strutture dell'opera. Oggi , queste paginesono pernol ancara vlve nel lora tlnguagglo a l puru r&t~lonullU' formal.,Kite dice: La misura e la caratteristica dell'elemento linea, ~odell'elemento chiaro-scuro, la qualita dell'elemento colore; mezzi for.mali della misura, del peso, della qualita iquali, nonostante la lorofondamentale diversita, sviluppano precisi rapport i runo con l'altro.folore e qualita, peso e misura. Chinro-scuro e peso e misura. ~~solo misura, Nell'ambito del coIo~ curate con esattezza si intersecanotuu'e Ire. Quando sussiste adronanza di questi mezzi si ha la garanziadi ra m urare n s Ondiiill;:nsioni pill ampieo piit lontane dalla coscienza. Ma questo stadio(le lia figurazione e ugualmente critico in sense negativo: e qui chepub anche accadere di non conseguire ipiu alIi e piu importanti conte-nuti, di non riuscire, per quanta grande sin it talento naturale, proprioperche ~ca I'orientamento sui piano formale It.

    , t:~, ,

    66 67

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    32/42

    Sui .mezzi dell~ ~razjone del movimento: Movimento dinamico ~~O"-'!ll~~t? dall amllo .pnmano (Orgeb,e/). p~suppone Jiberaziooe dalp~~&r.avl_t~_zl~.E!'1C~u~~~he cammina porta costllntemcnte. con s~~_l?erpeni1lcolare (L~t). L'uo',1'o che: corre annulla per poco tempoI ~lJetto della perpendicclare. (Schema del camminare: la perpendicolarevlt:n~ costaruemente portata con se.) Pemendicolare (Lot) - simbolpe~.~ ..fenomeno della fona di gra\ita terrestre It. 01.~- del p~nde[~,,!,._h~izi~lienz~ equilibrio e finisce con questo.ArU~la~lone ~.dlSp05lzlone graduata aerriiimeri!(uUcfTeCnuta sono~I!II!ZIOOl .m~b~l~. tempi d~l ~inuto all 'e,ra geoJogica.-Le proporzlOnisono espn~llblh In numen, misure, suom (TOile), ritmi. II cubo e laforma itBtu;~, 1~.sf~!!_~~lla dil!amica. La.pOIisibilita di e"stendere u-na( C ? n n J ! : !trahfic8ZlOne spaziale interna e t c . It. ----c .~utt!l.la J~urazi~ne e movimento perche da qualche parte inizia e daqualche parte finisce. Dalla Weltanschauung alle fonne da qui allostile :- !~s.~~le iI criterio aerf'Oggetto . .a.e . aduuiiiiWn10 umano Jllleq~~~IODl del mondo terrenQ (deno---stallco') e dell'al di III (d I'd' _mico') It. e Ina41 ~ ~ialolo con la, natura resta,. er I'artista, condicio sine qua non.Larnsta ~ uomo, lut stesso natura e rammento e a natufinfe"hhmtli .della natura ... It, cos} inizia Wl lialJlJiodi Paul Klee Wege d . N ,DIOt di (V ' II ud i co ,es a urs U lums. re a .0 st 10della natura), pubblicato nel volume StuatUchesBIIU!,QUS .m We'~r 191~ bis 1~2J. Nel gennaio 1924, Klee tenne alMU!:Ieodl [ena (10 occasione dt una esposizlone dei suoi quadri) laI.:onferenza I lber die m oderne K unst (Sull'ar te moderna) - it 'credo'ddl~sua ane .- e Weltanschauung. La S ch6p le ri sc h e Ko n Je s si on (Con-'It.::i~.one ~reatnce), che aveva scritro gia nel 1918, venne pubblicata nel.'l20, prima della sua convocaaione al Bauhaus (1921).Accanto alia Sua produ7.ione artititica, Kia allora assai ricca Klee portocon .!i~al 8uuh.aull un b.llglJ~liodi esperlenea e sapere che, ~on la colla.b~rallone degli ~tudentt, Sl amplio di continuo nel suo insegnamentodi .forma, nel dlsegno della natura, negli esercizi con i mczzi tigu-rIlIJVI.("t.:ra ~na rcli~e suddivisione del suo insegnamento al Bauhaus per gliIi~u~e.nl'che, :il occ~pav~~o di pittura libera: ~!l_un IUloTinlic~nllmento% , " C O , d"~~~r~..t.Il~s!.- e la correzlone dei luvorlrl~lcor;;o- dil?mura~~. .i _Ii.L_~,?~C?_vl!"!p'legarebe cosa si era int~lQ realizzure col pro-".rlo ravoro, on quail mezzi st credeva di aver n;uIiZZAIQ guest!: inlen-!!O~l. Klee prendeVII una piccola lavagna, col gesso disegnava cio~he~I ~art!bbe dovuto. fare p~r conseguire l 'efletto desiderate, dlscuteva:ull argomento con 1 1 suo piccolo uditorio, poi cancelhsva e lasciava cheo studcnte ne traesse Ie sue conclusioni.: \ J e t 11:128/29 , nel COniO di due semestri, I 'insegnamento teorico di JiberD

    Ijj~

    I,,

    figurazione ebbe come argomento la muiallil It (das Riiumlich,), Co-me esempio piu evidentc Klee aveva~celto it cubo. ESli spieiaya questofenomeno in modo tale da far perdere al cUbc)"'Usuo carattere di~sa,t rasronnand01o"in-una--persoiia1iiA-tnparteait i~"~1~~pa~te!ls~~~, In' una serle -di ~pc!r8Z~rirparzi~Hf!1inime.-dal!.'~~emo e dall'i!lle~,E...dal~n~tto pa!ZialC?aJ !l!tto, ~n_1 ~~.vemva _~ast~ta,~. ambll~ pa~lalei~~a8a.to; SI penetrava nella SP~IO, (fal punt,? centr~le del!a croce co -struita nello spazio alle superfici esterne, e mfine 51 considerava dal-l'esterno la struttura spaziale ormai familiare; ma nel frattempo eraaccaduto tuno questo: suddiv~sion~!.n spaz! ~~!llmi, detefl!!!~~~e .~~lloro carattere sp~ific~_:_dan'~~erruu~ d~tc~, i~~e~u.ra di superfici rispetto a punti nodati dellQ spazlo. pa~t1._divisone mnatzate dat\Jtt~-l!!.-p ! _ r U ; scale diagonali costruite che stabiliscono direzionali~~,[email protected]~di cy.biiit varie posizioni all'imerno del cubo pnn-~pale - it tuttQ .~n irnezai del eittore, col punto, la linea, la su-perficie , ir chial1>scuroelr colore (misura, peso e qualita che ~noproprii di questi mezzi). 11risul~ato cOfl 'lispondeva a gueno deno scum:ziato che caIcola, rna era pieno di vita perche raggiunto con imeZZIde l l 'arti:---imezzi si possono jnsegnare; la lora applicazione ad un argomento puoccmportare iI r ischio della sopraffazione da parte del modello del mae-stro. Klee cercava di ovviare a questo rischio non dando n~ la piuplccola informazione sui suoi mezzi tecnici, n~ mai alcuna indicazionesu come si potesse conseguire questo 0 quell'effetto, Bisognava elaborare,acquisire, apprendere. Per questo egli assegnava. dol problemi. U n . ese~pia: Esprimere rilassamento e contrazione: raff igurare su superficiecclorata il movimento ponderale dell'assenza di colore. 11colore vieneassorbuo, mangiato - e cio che muore, decadimemo, crepusC?lo, de-composlzlone - un movimento negativo. Raffigurare 6U superficie .senzacolore it mcvimento ponderale della presenza di colore. IIcolore tnonfa,si impone, cresce, e cio che cresce, cib che vince, sole, glomo, tlplntoin avanti, esortazione ... It.l(lw aveva un modo di e:iprimersi straordinariamente rlcco di irnmagini;per~einpio lie voleva sotlohneare una pausa, diceva: \..a cosa donne It,Se, mentre andava avanti e indieoo parlando del colore, aveva posatoun rosso nei pressi della finestra, ogni volta che nominava il rossoritornava in quello stesso POSIO, cosl che.. .er noi 'rosso' diyentava unareillta persuasivu. F . indimenticabit:ir modo in cui spiegava alla lavagnaun argomemo cosi cornplesso come la _eolifonia, da lui definita (eno-meno simultaneamente lu i imenliionate . In ciascuna mano teneva-Uhge:i~eto I werso colore, e disegnava e scriveva con sicurezza con af! lbedue le muni. In quanto anche musicista, dimostrava, nel modo pl Uconciso, come entre certi limiti solo l'arte figurativa possa fare usodei mezzi musicali.

    : ;

    jl:,

    6HSUL PADAGOGlSCHES SKIZZENBUCH

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    33/42

    Col passare del tempo Klee modificava gli argomenti delle sue lezloni,conrormand~i alia rcalta dei Calli. Talvolta gli esercizi si intcrrcrivano(lei diversi corsi _. le soluzioni non erano mai definite. Una volta, achiusura del suo corso di lezioni, disse: Questa e una possibilita _d'altronde io 110n ne Iaccio uso .1965Ina prima Ior rnulazione di questo IIr ticolo e shUll pubbliclltll nel clIllllogo D ieMuler um Bauhaus, Munchen 1950J.

    nola all'edizione italiana di Mario Lupano

    II. \1I,1Ii

    ~i.: 1

    , !1: 1

    II

    "

    iII, 1.1;'l:1 11I

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    34/42

    Volevo trovare la eonvinzione di educanni nella pittura e di sceglier lacome compito di tuna la vita It. Cos} Klee , nella breve biografia. da luistesso redatta negU ultimi me s i della sua vita, ricorda la decisione diintraprendere gli studi artistici presso l'Accademia di Monaco. La-sciava Bema e I'ambiente familiare che 10 aveva cresciuto ad una rae.finata educazione musicale. La musica ~ per me una donna stregatadall'amore. La pittura ml dara Ia gloria? It. Questa dubbio degli annigiovanili si trascinerl anco ra a lungo; soitanta in seguito la musicasi porra come uno degli elementi risolutori di momenti critici dellar icerca pittorica. Presso 10 studio di Knirr e aU'Accademia nella classedi Franz von Stuck (frequentata anche da Kandinsky) compie i primistudi sia sul piano teorico che sul piano pratico e si impadronisce dellatecnica dell'acquaforte (uno 'strumento' precise per inlziare: dai 'delta-gli'); non arriva ancora a chiarirsi I'essenza della pittura It. La sua incertezza di fondo 10 sp ing e sui terreni dell'ambiente vitalistico d'iniziosecolo: devo dedicanni prima a sviluppare la mia personalitA [ ...J .Sono certo ch e solo cos} riusciro a trovare poi la giusta espressionedell 'ar te s. Ben presto pero al voler vivere poiche arte ~ vita, suben-trano pacate rif lessioni introspettive e le prime meditazioni sulla maoturazlone della morte, c ch e rimedia a quanto non giunge a compimenlOnella vita .Orlt le note e gi l .Curl.ml dol Dlu,i 010"1.1l1li0 1. plura1it~ do l fato c:hoconcorrono al divenire dell'espericnza artistica: sono fatti dislinti, se-parati, ..I viaggi in Italia, negli anni immediatamente successivi agli studi, nonrisultuno esperienze per un vitalistico potenzlamento della penonalita esi olfrono come favorevole dlmensione naturale per la meditazione inte-riore, per 10 scavo in profondlta intorno al modo di operare dell'artista.Scrive Klee in uno sguardo retrospetrivo It (1902) dei Diari: c I mieiIprimi tentativi nei fecondi anni di studio accademici non sono statif igurativi, forse piultosto poetici. Temi figurativi non ne conoscevo.l. .. ] In Italia ho cempreso l 'architeuonico dell 'arte figurativa (oggi direiIil costruttivo). Ero allora vieinissimo all 'arte astraua e. L'interesse sisposta sull'architettura del 'prodotto' artistico, sulla sua costruzione in-.tt:ma, sui processo di formazione e sui mezzi. KIee sceglie it provvi.sorio astenersl dal contenuto It c guarda a c C O & C terribilmente banali:

    72 73co n quella d i Klee, Pe r entrambi la pit tura e se m pre u n ling uagg io 'si-

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    35/42

    pi u interessanti: it tracciato, it trattam e nto d ella forma, so prattuuo laluce, l'effeuo spaziale dato dalla luce . Nel la generale crisi del valorie ste tic i trad iz iunali K le e si de dica a cic che fino allo ra gli e ra sem bratoestraneo al fan! artistico: u M i sembra di divemare assai p icco lo e con-c re to , p riv o d i p oe sia e v lb ra zio ni. C e r~ S2 ..lJ n_ j.f ls ig nif ic an te mot ive . for-m ~le e ne te nto la p iu sem plice raffiguraz io ne . r . . . J ~Aa p ic co li fauir ij )c tu ti .risultaqualcosa di piu che da un o slancio pceiico senza fo rma ,senza figura It. Attraverso un processo d i autcccscienza artlstica, KleeIlbera unlta linguistiche m i n im e da cgni nesso sernanrico nel tentativedi oggeuivarle, p er d im o stra re quindi Ie pcssibilita ch e si aprono allinguagg io d i co stru ire nuov i o rd in i, l 'infinita m o lte plicita d elle appa-

    {re nze . L 'asscluta po livale nza linguistics (d ella ligurazlcne ), la co rnpre -se nza d i tu tti i sign ificati, lascia so pravvive re so lo la fo rm a sign ificanteccm e tale . O ue sta fo rm a pura vuo le e sse re nueva sign ificazione ne ll 'am -biro delle tOnne pure ; ne lla relazione di ciaseuna COil le altre.n-ai~t , ;gno e le ineisioni, gl i esperlmenti tecnici, le riflessioni teorichescno m om enti d i que sta ricerca di ridefiniz ione dell'urtistico. L'auivltaartistica e u na d ell e attiv ita umane che, co n spirito prometeico, operanocr aggiungere Irammenti alia creazione di Giove, pe r completarla." PW (;C li SOd i " m at ur az io ne ' u i KII': I: non pub che avvenire le ntam entel:n e r-n licrco lim o d ell'lo : sono un modesto e ignorante apprendista:h\: irnpara da so lo , un minuscolo io It, una v ia solituria nel si lenzio ri o-rnuruc de l

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    36/42

    I I I ICr l ! ! '>S~sull'opcra di Delaunay, che mcomra a Parigi nel 1912. Si in-ieressa aile teorie di Dcluunay e nell'autunno del '12 traduce un suo:.aggio intitolato S uJ la l uc e, che vie ne pubblicato sulla rivista fI DerSrurm n el g en na io 1913. I q uad ri e Ie teorie di Delaunay, l ' esigenzanosra da Kandinsky di fondere la forma disegnata It e la forma co-:data off rono a Kl e e i nd ic az io n i per una rif lessicne sul l ' e l emento co-lore, Con il viaggio in Tunisia del 1914, nel suo linguaggio anche ilco lo re d ive nta sig nific an te : II colore r ni p os si ed e , Non ho piil bisognodl iltrerrarlo, mi possiede per sempre, 1 0 so... Sono oittore .La guerra non smuove la natura apatica s' di Klee: fIgia da moltotempo - annota nei Diari - in me ho questa guerra, percio essa nonIocca ilmio intimo . Per gli artist! del Blaue Reiter e per le avanguardieart ist iche Ia guerra ~ prodotto disumuno e aberrante della Zivi/i~alion;si rinforzano quindi le premesse peste con le eicerche prebellichc, sip re p ar a l 'e s pl o si on e di nuovi miti romantioi. C osl sc riv e Kuru.linsky inun a leuera d e l seuembre 1914 indirizzatu It Klee: Che fortuna quandoquesto tempo terribile sara passato. Che verra dopo? 10 credo un grandescatenarsi di forze spiriluali che riusciranno anche ad affratellare gliuomini, Quindi anche un grande fiorire dell'ane, che ora deve rnettersi"I angoli nascosti It. L'avanguardia berlinese del dopoguerra con gliArbeltsnue liir Kuns t si fara promotrice di organizzare questo scatenarsi~IiIorze spirituali It, con l'obiettivo di portare a compimento quella to-Iiiit- rivoluzione spirituale che immancabilmente porters ad un nuovo.:Ji1icarc ...';. )(uerra disperde gli amici del Blaue Reiter: Kandinsky ritoma in'~Isl)ilt,lawlensky si ritira in Svizzera e Gabriele Munter in Scandinavia,"v1ih.k.C. Marc e Campendonk sono chiamati aile armi, La morte di\1al:il.!.: e in seguito quella di Marc segnano profondamente Klee. Nel, . , , ': t o del 1916 anche Klee, trentaclnquenne, vlene rlchlamato nellan'. lUl territoriale e dopo essere stato a Landshut e a Monaco vienedc~"nltto a Schleissheim nella Scuola aeronauticu: evita il fronte; con-1'1l1l4 "anivita pittorica, fa della musica e visita i musei delle citta incui ..itrova a passare durante i viaggi di servizio, Nel gennaio del 1916v.ene trasferuo a Gersthofen presso Augsburg: in questa sede il serviziod. scrivuno gli lilscia la possibiltia di continuare a dlpingere, producendo!IlU~!t'onere. Insieme con la ricerca figurative intensifica letture e ri-"c~sll.ni reoriche che trovano una sistemazione nt~lla prima stesura del'''')'g! S(:hop/erische Kon/ession (ConCessione creatrice), titolato prov-\ t :, . .. ,.i.IDlcnll! G edanken iiber G raph ik un d iiber K unst ;m allg em einen11'1:1o ...I'~rilIulla grafica e I'arte in generale).I-'n..:'n~ il ..:omplesso processo di 'maturazione' si era svolto nella dimen-!.lvnc llel t( minuscolo io , i Diari ne erano stati la necessaria chiarifi-':II/'vnc . Alia line della guerra e con la compilazione della Kon/ess;on,

    la necessaria chiarificazione It assume II I forma dello scritto piil teo-rico che continua a cornprendere pero l'elemento autobiograflco. Ildra~ma individuale diventa il dramma interne aile strutture dell'attivita .artistica. In Klee sembra maturure una maggiore consapevolezza d~.lrapporto fra attivita artistica e vita. Nei suol scritti compare con p~ufrequenza il termine di rimanente It. II~i.m.a~ent~. sem~ra tuttav~~rieondursi di nuovo a una concezione dell atnvna arnsnca, SI8 pure pi ucomprensiva e consapevole delle relazioni che i linguaggi artistici pos-sono produrre .

    Ripercorriamo ,i temi della Koniession .per ccgliere questo ulterio~ in~l.trarsi del 'processo' kleiano, fI II movunento sta alla base del diveniree del dileguarsi di tutte le cose .. Anche 10 sp.azio ~ 1;1nc~nce~to tern-p orale . 1 1 punto quando si mette. to mO.to~ diventa l!n~a U1~p.legadeltempo. Oualsiasl figura - il termme ~ riferito a qualsiasi attivita crea-trice in sensa lato, quindi anche della natura e di qualsiasi f~rza forma.trice .- nasce dal m ov im en to d i dementi formali, un movimento chees ige tempo. Ogni opera f ig ur at iv a { ... ] . v ie n e costruita p~~o per pezzo ,non altrimenti che una casa It. 1 1 movimento ~ la condizioae norma le dell'universo, La quiete ~ un fIcasuale arresto It. Quindi anche it rap-porto opera-fruitore assume nuove configurazioni: .~ (deve essere) u~rapporto equivalente a qualsiasi altro rapp~rto, regolato dal_lcstes~ leggldella percezione, L'opera nasee dal mov1ffient~, ~ propriO, m~~unentoflssato - stereoripo - e viene compreso nel movimento . L attlvlta del-l'osservatore ripcrcorre il processo. La fruizione ~ facile se la preces-sualita della figura si fa esplicita. e L'opera d'arte ~ in prim~ lineagenesi, non viene mai sentita come prodotto It. L'oggetto estet~co ch~si pone come finito (definito), come risultalo , come conclusione dlun processo oscuro, viene fruito faticosamente. Nascondere la prcces-8ualita significa preparare difficolts invece che godimento . L'artistaqulndl, dovrll favarlre unit certa lempllellA nella cu.truzhJnu daU U~opera . eliminando il residue di bisogni estetici che ostacolano la frui-zione: via con le cose di ogni giomo e con le scienze occulte [.to] unaspiritosa risata sommessa sulla erudizione dei dottori e del preli . Masemplicita costruttiva non deve essere confusa con poverta: potere epili profondo sapere non sono in contraddlzione , Alfennando 1 8 processualita, I'. immagine appare come c.asuale arresto di un movimento (simile a quello del modemo vlandante Candide): viene rivelata la relativita delle cose visibili e con c ~ ovienedatu espressione alia certezza che il visibile i~ rapporto all'~Dlverso ~solo un esempio isolato e che vi sono altre verlta nella plurahta . La pluralita dei linguaggi impedisce la comprensione dell'uni,:erso e co-stringe a procedere per frammenti. Ci si pub occupare solo dl proble:mi (ormali It: la scomposizione degli elementi, i101'0 raggruppamentlin suddivisioni composte, Ie composizioni in un tutto mediante la 00-

    :'1,

    .

    ,jjJ

    76

    ~Iru.zion~. di p ar~ ~ch ic p arti a~ l~ .sle sso te m po , la pol ifonia figurativa,77

    a conosce re il funzionam ento de lla scuo la; pe r iprim i m esi non svo lge

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    37/42

    II rista bilim e nto d i u na tru nq uil lita pe r m ezzo de lla compensazione de imovimenti . E qucsti ordini possibill Ira i vuri e lemen t i sono solos ol uz io ni p ro vv is or ic , q ua lit a p ro bl em a tic he , cperuziom parziali , rn anu n unco ra : urte ne lla sfcra piu alta dove in i.tia il m isterioso e doveI'iutelletto ~e st in gu e m i se ra m e nte .NUl l ~o .l ta l~ l o I c o p e re vivo no ne l pro ce sso e de l processo, co m e spie gaJ a ~ onte s.slune , m ~ a~ che III Co nfe ssione , C Om e po i o gni altro mementote onco di K le e , sr rive la e sse re un c as ua le a rr es to ne l m o vim e nrod ell'au to co scie nza artistica, ch e n ece ssita d i v erifich e, d i sco m po sizio nie ricomposlzioni successive. C os i n ella pratica d ell 'alliv ila d id au ic a, f in oagl i Sch izz i pedagog ic; . O ue sta p artic ola re q ua litic az io ne d elle : te oriz za -zion i d i K le e corrisponde alla com pone nte fondam entale che si a f le rman c:II '~ ~te d i q U ~~ 10 s eco lo , basata su u na co stan te au to ritle ssio ne po eticae cnnca, che ncono sce la prem ine nza de lle fo rze fo rm atlve e de l m o-m e nte analitico sulla f o rma finale,N ell'lm m ed lato dopogue rra, K le e ripre nde u lavo rare con in te nsita e re .sct:nh!: Stipula un contralto con il commerciante d'arte Gol tz , che nellesale di Monaco . gli o rg an izza u na g rand e esposlzlone , al pubblico vieneollcrto U I I IU l lP IOquadro d ella su a riccu produzione (it catulcgo riportaIb~ ' ope re ). Lc ve ndite de l quad ri e de lle incision i aum em uno , N el con-tempo pu bblica la Schiipjt ! r ;sche Konlession ne l Iascicolo Tribune de rI\.UIl~1 und Z eit (U e rlin o 1920) uccunto ad articoli di To lle r Scho n.:,at{. Dauhler, Scharff e altri: pubblica le illustrazioni de l Ca:,ditJe di' '' ;' ! '' 'I I \~ pr~I~IC:I in . .da l 1912): La critica si imeressa alia sua ope ra ;(Illpo ~h sc 1" 1 III di Ouubl e r e di Huusenstein del 1918, nel 1920 cscono'. \I~ illlp ortan Ji m o no grafie , u na d i H. von W edde rkop e I'altra d i Le o -I. J Zahn, Di qUC :HOautore, nello stesso anne, lu rivista italianu " Va.l'i, .,1"Sllci pubblica un a nora critics su Paul Klee ..! ,ClIlPI'C piu conuliciutu Iltlivitil pluorlce di Klee Illfllscinu soprat-

    ..~.!,.' ; 1 ~ l ll v ll nC pubblico degl i s tudenu de lle accadem ie te de sche N I!l!,., 'I " C onsig l io stude nte sco de ll ' A ccadem ia d i B elle A rti J i S ro c ca rd a~'" ser'uto ~II O ska~ Sch.le m m .e r, fa rkhicsta al M iniste ro pe rche ve nga.~.".J":\I." K le e u n I .n .ca r~ co .d l M a c:slro . II S en ate accad em i co re spin ge:~.'~vlllll"l. I:c mobili tazlcnl studentcsche orgunizzare du Schlcnuner c.\.'. ! B U U lllcbtcr, n ~n e ran o se rv lll! u IIIU lah : l 'u plIlio nc, J iII 'u :,u lu.:g li > "':Ill' ItccildcllUCI, se co ndo la quale i luvori dcl signo r "-Icc hallnu. ; ;,Jl:IOII .: :': 'u I . :a ra lh !r c g io c o so , c c omunLj ue nOll rivdanu que ! ruiJ uslu~~.pq~nll,Iru llurale . d i e om p osi:tio ne hgurativa, quale a ragio nc i! ri --:'lh;'.tu dill pIli u ll ua li 1 I I0 v il ll e nl i a rt is ti ci .'\ "c li 'u ll o bn : d d 192 0 G ropius e i 'm ae slri' dd U uuhaus d i W e im ar Fe i... "1~\,;1'. EII~cIIlUlllll, M U l " l i .: " M uche , Itte l} e K lem m , invilano Paul' K lceI;'r I 'u rll ' d e l m rpo inse gnuntc d i qucllll scuo lu . K le c ucce tta I'iucarico

    " .,~:IC ll na iu J I! I 1 '. )2 1 :a i trusfe risce a W eim ~ r. So ltaulo ~ ul posto v ie ne

    a lt iv il a d id at ti ca e seguendo auentamenre Ie lezioni ha m odo di infer-marsi sulle metodologie pedagogiche adouate.I II B auhaus di W eim llr, secondo I'intendimento di Gropius e de l prim op r og r amma , si poneva c om e tentative di trasferire a livello operative ico nte nuti cultu rali d elle incontrollate utopie d eg li A rb ei ts ri ite b er li ne si.Ne lla scuo la tune Ie artl ( ar s u na, spe cie s m ille ) dovevano unirsi inuna com une finalha costruttiva. N um e ro se d iffico lta in iziali re ndo noIa ti co sa l ' at tua zion e de l prime p r og r amma Bauhaus, Le c are nz e f in an -ziarie e i contrast! co n la vecchia componen t e accade m ica de i do ce nticom prom ettono I'avvio de ll 'attivita d i laboraro rio su cui dovre bbe in-ce ntrarsi la d idattica de lla nuova scuo la. II Bauhaus ~ costre tto a riopre nde re in co nside razione l'inse gnam e nto de ll'au iv ita pitto rica e de llaieoria. Su i ruolo d e ll e 'b el le arti' dentro it B au ha us , G ro piu s mant ieneun a posizione um bigua; pur e sse nd o co nv into ch e q ue sti in se gn am e ntisi de bbano te nde nzialm e nte lim itare pe r favo rire it p ote nziam e nto de llaattiv ita d i labcraro rio , auribuisce alia piuura e alia scultura un ruo lop lo nie ris tic o n el p re parare la strada all 'atte so stile u nive rsu le . D'al traparte qualsiasi te nunivo d i lim itare que sti tnse gnam enti trove re bbe sem -pre pill re siste nzu da PU I'II! d i una ccm pone nte de l co rpo inse gnante- h te n e Fe in inge r - e dcgli studen ti. Alia fine de l 192 0 ve ngono inau-gurati tre d istinti co rsi di te o ria - it co rso pre lim inare e id ue in se gn a-men t i di fo rm a - che danno aile be lle arti una co llo cazione ce n tralenel la struttura didauica. Nei presuppusti i corsi reorici hanno 10 scopod i sviluppare la cognizione de i principi fo rm ali ed e sp re ssivi d a uriliz-zare ne l lavo ro di laboraro rio . E proprio in que sta Iase che G ropius in-vita K le e a far parte de l corpo inse gnanie : So lo o ra la situazione sifa chiara, e ne ve rra fuori, ne sono convin to , qualco sa d i grande .. Lapreghiamo perc di venire ul pill presto . L'Incarico u Klee t ro y " CO ll lI C ll li ipreliliu u n g rltn numero di all ievi e didoce nti che , g ill se nsibili alle com p onenti spirttualistiche , so no affascinuti dalla sua ope ra ch e la critica contem porane a va propone ndo inchiave m istlca, Lo ste sso Behne , che in quegli anni e se rcita non poca

    {influe nza sulle de cision! d i G ropius, considcra K lee com e l'artista te -d l.'sc o p iiJ rap pre sl.'n lu tiv o d i 'lu ella le nd en zlt in u:rn uz io nu le o rie ntata v er-so u n lru sct!n Jcn tc :,p iritu co :,m ico . O'altnt p urlC :, G ru piU li p uo in lra ve -de re ne lle rille ssion i tco richt! d i K le e - d i qU l!sto pe rio do ~ la pubblicu-lio ne de lla KOtl/ t!ss;ut I .~ iprim i dem enti d i unit 'scie ntitics' sin tassicom posiliva capilce di con lraslare il pe rico Jo cre sce nte di sugge stio niirrazional ist iche.ICan it Vorkurs, cre ato e ge stilo da hten , v ie ne re sa obbligato ria una fase :pre lim inare d i apprend istalo in cui I 'applicltzio ne d i una m e to do lo gia d idallica com pre nde n le tu tti i m om cnti dc:1l1 l vita de ll 'allievo ten ta di co -slru ire un com po rtum ento 're lig ioso ' tra i com pone nti .d e l Bauhaus;

    0,

    I-!

    "

    .!

    78questo corso lenders a porsi come esperienza didattica in s6 conclusa

    79','di laboratorio e rimanda ulterionnente it momento progenualc c". l'ar~.~,

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    38/42

    e in crescente opposizione all'auivita di laboratorio. Agli inizi del 1921- quando Kle e giunge a Weimar - il Yorkurs e it momenta 'centrale'delt'auivita didauica della scuola, ltten detiene ilconrrollo di quasi tuttiilaborarorl, la sua personalita esercita un grande Cascilla sugli allievi.ln una lettera alia moglie, Klee - con tono lronico, rna interessato -riferisce 1 0 svo lg imemo di una lez ione di It ten alia quale ha a ss is ri to : " 11doceme, che indussava un camice rosso vino [. .. J assegno un lema scritto!...1 19li allievi] avrebbero dovuto pero meuersi a scrivere non prima diaverne afferrato appieno 1 0 spirito. [ ... 1 Ogni allicvo e munito di ungrosse carboncino, e ha davanti a s e sui ravolo da disegno alcuni quin-ierni di curta da minuta, Data un'occhiata in giro, it docente si avviaa un cavalletto che regge un tavolo da disegno e dei fogli, da di piglioal carboncino, it suo corpo si contrae come se stesse caricandosi di ener-gill, poi all'improvviso eccolo scauare una, due volte. Sui Ioglio appun-taro pill in alto appaiono due e ne rg ic i tratti v ertic ali e parulleli: gli al -' it :v I SO IlOinvitati a rifarli. L'insegnante contro lla le esecuzioni , ad alcuniall ievi le fa rifare, controlla la posizicne. Indi fa eseguire l 'esercizio co-rnandandolo a cadenza, poi ancora d ag ll a ll ie v i in piedi. Se mbrere bbe cheil proposuo sia una sorta di massaggio, inteso ad addestrare la rnacchinacorporea B funzionare in accordo can la sensibilita. Allo stesso modo.I'insegnante traccia, e gli allievi rifanno, altre semplici figure (triangoll,cerchi, spirali), acccmpagnate da numercse spieguzicni sui loro perche;! ;. 'oro significate. Dopodiche l' insegnante pula del vente, ordina ada1 \;'Jn: allicvi di alzarsi in piedi e di assumere aueggiamenti che espri-'!' ,an(\le sensazioni prodotte in loro dill vente e dalla tempesta. Quindids~egnu il tema: rappresentare una rernpesta, Laseia trascorrere dieci mi-nuri, poi passua controllare i risuhati eli sottopone a critica. Sulla scorta.:. questa. il lavoro prosegue, iIogli strecciau cudono II terra I'uno dopo"IIIrc. Qualcuno ci rnette tanta foga, che ifogli buuatl via lion parecchia:!a volta It Liberare' le innate facolta creative dell'allievo, dopodiche~\iiluppilrle mediante l'addestramento della mente, del COl'pOe del leemozioni: questi imomenti della educazione artistica nel Yorkurs di ltten,I! 'l..ncipio del contrasto violento regola l'insegnamento di elementi pro-gettuali per la drammatizzazione visiva. I riuni dissonanti, le opposizionienergiche di forme e di colori costituiscono le componenti visive del-I'(:~gcuo art istico che nascono fuori da un procedimento progettuale. 11momento compositivo quindi si produce empiricamcnte e varia di voltain volta secondo 'a soggettivita dello studentc. La produzione dei labora-:,.,I'!, isaggi sui materiali si direbbero figH spuri di arte dei selvaggi e;,jocaLtl.l'i mfuntili It - come nota ancora Klee -, escrcitazioni su ele-lllenti primari ddla creazione artist ica, non su forme razionalmente de- tl!"Tt1inubili.L'esperienza didattica ~ totalizzante, investe anche I'attivita

    chitettura. :' "

    '

    Gli screzi fra ltten e Gropius non tardano a manifestarsi. Nel frattempo .le inquieranti riflessioni teoriche di Klee diventane oggetto di in~~-.~,;1gnamento dl un COt1 l iO di teoria: minuziosi sondaggi intomo ai pro-:"cess i formali vengono a pors i come contraJta.re alle drammatizzazionivisuali di l tten: con I 'arrivo di Oskar Schlemmer si lntroducono elementidelle contemporanee ricerche puriste francesi . Le avanguardie olandesiestendono il lora campo di influenza evan Doesburg visita i1 Bauhause si stabilisce a Weimar.Nel Bauhaus, alia fine del 1921, le dispute sui principi dell'educazioneartistica e sui coordinamento delle singole discipline assumeranno tonl IiCI,l1-pre piil violenti. A questo proposito Klee scrive a Gropius: Approvoit fauo che nel nostro Bauhaus oper ino forze con indirizzi ces l diversi.Approvo anche la lotta di queste Iorze l'una contro l'altra, quand~ I~Iccnseguenze si esprimono nella produzicne , La scuola e una qualsiasistruttura operante nell'universo in movimento, che attraverso il giocodelle forze contrapposte vive e si sv il up pa . " U r tare contro gli ostacolie una buona prova per ogni forza, se l'ostacolo resta oggettivo . Kleenon partecipa attivamente aile discussioni interne alla scuola; it 41 earoiddio - cost e chiamato dagli s tudent i e dai m a estri - realizza I I n atu -ralezza del crea re , nella compresenza dei diversi 41 frammenti della suaricerca: qui in studio lavoro a una mez z a dozzina di q ua dr l, d is eg no ,almanacco sulle mie lez ioni , e questa tu t t'a ssiem e, perche assieme le cosedevono procedere , altrimenti non procederebbero alfatto. questa natu-ralezza la forza che mi sostiene. La vita e ll frastuono di Weimar per menon esistono: lavoro non parlo mai con nessuno It.I DOPOuna breve esper ienza alia lega to r la in qualita di Rormmelster, nelMaggio del 1921 Kite inizia l'attivita pedagogica nell'ambito della Form-lehr ( 'lnsegnamonto della fortn'" - d,,1 1922 Kandinlk)' ne sara I'altroresponsabile) in connessione ccn I' insegnamento elementare; in segultogJ i sara affidata anche III direzione della piuura su vetro e della tessitura,se m pre in quulita di m a estro d ella fo rm a , N el corso di tre s em e s t ri ( tr a it1921 e it 1922), Klee raccoglte le sue lezioni di teorda - di volta in volt"preparate minuziosamente dalla prima all'ultima parol a It - nei mana.scritti del Be it ri ig e z ur b il dn er is eh en Fo rm l eh re (Contributi alIa teoria deUaforma) che resteranno il supporto, suscettibile di va.ri.azione e di appro-Iondimento, per tutto it corso della sua attivita didattiea. Questo vastomaleriale verra raocolto e pubblicato nel 1956 a cura di Jtirg Spiller inDas bildnerische D enken. S chri/ten zu r Form- und Ge st aJ tu ng s le hr e.Renno Schwabe and Co., Basel-Stuttgart (trad. it.: T eoria della forma ede ll a j ig uraz ions , Feltrinelli, Milano 1959).(La forma non e da considerarsi conclusione. fine. bensl genesi, divenire.essenza. n creatore di fonne It, quindi. non pub CSBe ro in~ere&SatoaUe

    \ ,

    .,'~I;,,. ,1

    '.1

    .'.,. ~,

    ,0'I

    ': '.'

    H O

    forme fenomeniche , agli c e s it i f o nn a Ji It: 18 forma c o m e apparen-81

    , m e nte , A nche ne l m o m e nto o pe rativ~ ilco stru tto re d i fo nne d om pro-

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    39/42

    ZlI e un maligne. per i eo lo so fantasma It che nasconde l'essere de l na-

    11urUIC.rocc: ; so creative. Pr ima che I"opera ' sia, I"opera ' diviene, coslc o m e II m o nd o, prim a d i e sse re divenne ('all'inlzio Dio creo.;. ') e con .tinue ra u dive nire prim a d i e sse n: ne l fu turo It. E sam i nare I "o pe ra ' ne ivari stadl dellu s ua f on nu zi on e , ripercorrere it processo: questo ~ il me t o d a . indicato da Klee. E ogni processo fo rm ut i .vo si sve le ra c o m eazicne di Io rze plasmatrici , altre u forze vitali che m uovono la ! il~ r ia na~u ra l .e in f in i ta . La via., ~~~UI!'!11 ~j svolge alloru f ra e nelcon tmuo dlvenire d e l l' un iv e rs o p l ur id im e n s io n al e . Ouesto asscuo c o m .p !e s so e ramiflcato ~-_Wl tyiiO composto da m e m b M up parte m :n ti a di-~ns~oW .d ivef$e ~~ ~'!.n . s . i pu b comprendere e rappresentare perche ime z z ~ pe r p a~ l am e 50110 !'~empo ra lmen t e discren , II I natura ternporale~I hngua~ lo ~ (anche di quel lo didattico) chiud e o gni po ssibilila d i parlare smteucamente del la contemporanelta" pluridimensionale . Ci sipub o ccupare a fo nd o so lo d elle parti , scavare in tom o ad alcune d i-m e n sio ni, n el la c cn sa pe vo le zz a d i c om p ie re u n c a tt o p ar zi al e It. II tuuoscorre, e al giorno d 'oggi, anzi velocemente It; ~ inutile determlnare esat-ra m e nte l 'o gg i, la d e te rm inazio ne va faua all 'ind ie tro e in avanti dao$ni parte e . ~paz ii i lm en t e ;: : -~ . ape f l ij. o ri~ t ar e in questo mondo P~tci.~~e s lgO lhc a separate; c; l iYJdere ;indlviduare I e d i ff e re n z e , esaminarle,~ ~urarl~ (. cbl~ ol~ rle ; ~ ITe re Ie f~ nne 1inguistiche e le lo ro possiblli~ rt l. co la z,o n t. Swm f ic a ~ n ch e ~ o pn re 1 8 fonnazione ne l rappo rto con,_'! ~npul~ II: I m conscio e n tra a far pane de lle stru tture de l proced i -mento, l ; iL , .uIHuradina!" ica de l tU!to .~ t ens ione irrisolta f ra l a p o la ri ts~PO:'I~ ill c o smo (ordine) - ~aos (disordinej , II c on ce tto n on ~ o pe ran te1 0e nZ a II . s u o o pp os to (sopra-sono, dietro-davann, s in is tr a- de sr ra ), L oSPUZIO 1 1 h!~pO. sono concetti oggeuiv i e soggettivi con t empo ram:umen .!" 2 IL punto d i v ista ~ vagan\e ... L nu:ui f!~ !t.iyi id eali (line a, chiaro -..~um. colore) WllgcDO ~1U~_I~~A~Or!lro nlitutAlu D Alia IliA IOlltlU,I~ n su lt ~ " I .a I c;m> o r nl am e n t al e d lv e rs ~t il e n el c on t em p o la p ossibilita{ ., ~ )f ~b ll ~ U ~ IOn ! bb as ta n~ n um e r o s~ .. C o n.. s! L~ l em~ ! l ti ~ o nn aU ( !! .c un e~ !! ,g l~ !f i~ ~ .n tl d e l J ~ uo m c o f [l 'p re n :i lb tl e Js l p s> ss on o realizzare le p r ime~ ; o~ tr u7 .IQm II: quI sta [ ... J I'essenza del la nostra attivi ta professlo-n a r e . L 'a rt is ta s ce g l ie gl i e le m e m l c he d ebbo no u sc ire d al lo ro o rd in egc~cra l~ , li artico la fino a ~ te varl i ad un ~L I}'E ..!! .~ov~. E " ques ta..~truz, '.one r . :. " ~ a v ?1 ta m t e rp re .tat a e d e no m i na ul , n on c orris po nd cf)'U a ll l~ nme du l l a. m t e nZ l o ne d e l l' ar tl sl a D. B l! ly is l: l: .n e l ~ iv e ni re d e l p ro -~ ..~ (l111.U .l~V O In te rvengoDO ic an ce ll i g l!n cr al i d e ll a l ig uru zio ne ( le n.: ' I~ne . ~ra v l.~ ae m e t~ ,. a sse nz a e ap pare nza, n atu ra e astrazio ne , im p ulsic.l1m.IlI). CI l .: on tr ad d lZ l on e e c o nt ra st i c o nv e rg o no a d u n'i mm a gi ne v iv u :!!'! SV1.!UpPUIlO n uo vi c om p l ess i o rg un is m i f ig ura tiv i b en c ara tte riz za ti c o-:.tr.tl1IVilIIICIiIC c c he u ssu m e ran no sig nif ic ati d i v olta in v olta d iv ersi d ulrnudo in cu i ig ru pp i d i e le m e nti c he Ii co m po ngo no si m e tto no in m o vi.

    j , ce de re p er parti, t en tando tutte le articolazioni possibili, e o pe re ra piilau te nticam e n te n ell a m i su ra in cu i d ara ilr na ss im o s pa zi o a U e d if fe re n ze ,le fars apparire chiaramente, Cwnporrc..non .~i81lifj~a ridurre ad u"IIm1 8 m o l te pl ic ita d e i l in gu ag gi, m i l ric on os ce re l e c on tra dd iz i.o ni i~ te m e aU ai iat ura litA d el l'u niv ers o. L a d id attic a k le ian a s co pre l a d im e n sio ne d e ll a' s to ri an at ur ll te i nf in it a l1 l8 q U ~ ~ ~' pa rt eo ip al 'a tt o ' cr ea tl vo ; " da l p as sa tour-'fu turo -in un ince ssante m ovim ento m e tam orfico . c Non ~ pos-sibile de ~rm inare una precisa localizzazione poiche 11 flusso , la lie-ve corrente, trascina via con se , do lce rna sieura, tu tto quanto .~ sta-bile It. G li opposti si fondono in un gio co d i rim and i fra affe nnazlone en eg az io ne se nz a c he sia p ossibile in div id uare c hiaram e ~ te ';ln a al te rn a-tiva univo ca: l 'o pe razio ne d id auica no n m i ra ad una lim te s1 , nO D c om -pone un sistem a. , . .Ne l 12~3lUt~ ta~ ! I'in~~~ en\o at ~(luh"\Ii'La v v emmen t o SI p?nea conclusione d elle cre sce nn d lve rge nze in te rne aU a scuo la e se gna labb an do no d el la Revolution des Geiste e de l clim a d i se tta spirituale checaratte rizzava i prim i anni d i W eim ar. L e nuove tem atiehe d i De Stijle d e i c on te m p or an ei m o v im e n ti d 'a va ng ua rd ia tro va no consenso s empr emagg io r e tra g l i s tu d e n ti . It nuovo indirizzo d ell a p olitic a e co no ~ic a te :d e s ea splnge l 'in du str ia a d interessarsi dell'arte a pp li ea ta . G r oP IU S . difronte a q u.e ste n uo ve c on rin ge nz e in te rn e ed esteme, r i t oma al f i lonepiil v ivo d el pe nsie ro d el W e rkbund : l'id eale deU'Einheltkunstwerk pu be sse re raggiunto con la fusione deU 'arte con la. te en i~ a. "I L 'i ns e g namen t o d e l Vorkurs , co n l a n uo v a d ir ez lo n e di Moholy .Nagy subi-se e u na ,v olta c he d ara risalto alla rice rc a siste m atic a d elle P l'O prie tA co -s tru ttiv e d ei m a te rial i e la l or o u ti ti zz az io n e m e d ~ an te u n s is te m a ~ ~ ?n a.le : ic o nt en ut i d e ll a Formlehre d i K le e t rovano U1 questo n uo vo m d t nz zod e l c ors o p re lim i na re m a g gio ri p os sib il its d i connessioni e s vi l\l pp i. N ~ ll oIhJIIiO anno, 1. p rim a Ii& po siz io ne d el B au hau s o ff re u n larg o consunttvod ella attiv ita d id attica svo lta (tra i lav orl d el c orso p re llm t naro lonoe spo sti g li sch izz i p ed ag og ici d i K le e) e d iv en ta l'o ccaslo ne p er la ~ cu olad i p re se nta rs i al l'e st er no c om e entita p ro du ttiv a c he v uo le c on cre ttz za rela pre m essa pro gram m a tica d ella sin te si d elle arti (qu~ sto il s~gnificat~de lla casa unifam iliare Am Hom e de l la most ra in te rn ez io na le d iarchitettura). Ncl catalogo d i q ue sta e sp osizio ne (Staatliches BauhausWeimar 19191923, e d ito d al B au ha us ) K le e p ub bl ic a it saggio ~dgNaturstudiums (V ie al lo stud io d ella natura). Q ue sto .~ critto ~ una ulte i 1O r 'e e Sp li ci ta z io n e d e l la p o e ti ca d i ch ia ra ta n e l la 'KOnjession, un a ppr o fo n .dTm e nto in to rno aile le ggi che re go lano iI r ap p o rt o s c gg e tu>Ogg e tt o :s Otl il i c an al i p lu rid ire zi on ati l eg an o l 'a rtis ta a U 'o gg eu o in u na si nc ro nav ice nd a n el d iv en ire d ell 'in fin ito m o nd o n atu rale .N e t g e nn ai o 1924, in o ccasio ne d i una m o stra d i pittura al K unstv~ re ind i J e na, tie ne una co nfe re nza ne lla quale e spo ne pe r e ste so Ie sue nfle s

    , I

    , I

    j:I'

    ,,: .

    82

    sioni te o ric he e pedagogiche , Q ue sta c on fe re nza sarA pubbliceta pe r la83

    G ro pius e M o ho lr-N agy - si J ?ro po ~e ~ i tratt~ ~ que ~tio ni . a !'istichc,scte ntif iche e te cm che e [ ...] d i fo rn ire m fo rm aztom agli uom m i d el no -

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    40/42

    prima v o il a s ol o nel 1945 a Bem a co l titolo l lber die m oderne K unst e~~rra considerate dalla c ritic a co m e f on dam e ii'fale nio m e rito p er la com-prens ione di una com p one nte non se cond a ria de ll 'arte de l X X se co lo ,In que sta o ccasio ne K le e riassum e i no di fo nd am e ntali d ella sua rice rcaq ua si s otto f orm a di p ro gram m a, o ra c he tra g li artisti, anche i piu gio -v an i.. s i v a le ntam e nte d iffo nd end o una te nde nza: la te nd enza a co l-tiv are i m e z zi f ig ura ti vi It. R im a rcata l'im p orte nza d i un or ien tame ntcn el l'a m b lto d e l m e z zi f ig ura ti vi , K le e si so lle rm a prln cipalm e nte sul-1 ' a ss eu o d i p rin cip io e sulle d ive rse Iasi aggre gativ e e o rd inatrici.

    1 H o tentato tutte I e p o ss ib il i simesi d i due tipi, comb inando e ricorn-b in an do , s em p re cercando pen) d i c ur are la p ure zz a de l l ' e l emen t o . M'ecapitate d i sognare u n'o pe ra d i v as to re sp ire c he a bbra cci I'in te ro ambitod egli e le m en ti, d ell 'o gge uo , d el co nte nuto e d ella stile, Qu esto rim a rrace rto un so gno , m a e be ne im m a ginare d i tan to in tan to que sta p ossibi-I it a, o g gi a nc o ra v ag u It. Su questo processo e sulle t ens ioni che sottendep o ss on o v al e re Ie paro le d i Be njam in: E p ro prio d i quelle ope r e accu-m u lare se nz a in te rru zio ne fram m e nti, e p re nd ere n ell 'au esa in cc ssan ted i u n m i rac olo , le lo ro ste re otip ie p er u n c re sc en do . L '. im p o ss ib il e s pe -ranza It d i K le e si ri so lv e n el cercare an co ra, n el rinve nire e amma s -slue co n la d ilige nza d i un 'ape n uo vi f ru mm e n ti.I! Gove rno d e ll a T u ri ng ia e l a r et ri va We ima r l nt en sif lc an o g li attacchial nuovo corso' d e l B au ha us . N e l 1925 Gropius e i docenti sono costretti.. dichiarare sciolto l'Istituto. Dessau sara lu nueva sede de l l a scuola.'~ iprendono le inizlauve: tra queste il progeuo editoriale d e ll a c o ll an aoauhausbucher r isponde alla duplice esigenza d i pubblicizzare di p iu:d produzione de l la scuo la e d i coordinarla co n l e r ic e rc h e pi u avanzatec it e s i s vo lg on o a H v el lo in te rn azio nale n ei d ive rsi ( se uo ri fig urariv i d ellav-ta '* . La prim a se rie d i o tto vo lum i I,gi a pro nra pe r la pubblic azio nend 1924, tiura e dita do Alber ' Langen nel corsu dell'unno suceeesivo,dopo it trasfe rim e nto de l la scuo la a D e ssau. l.a co llana - d ireua da, I Bauhllusbilcher pubblicBti net 1925 sono: I.Walter Gropius, In 'ernutiun l l i l lA.,;/.,/.:l..lur (Archi te ttu ra internazionele], 2. Pau l Klee , Pudugug '$c l l l l s Skizzenbu"h(Q~lIdcrll(' di I lChlUi ped llgugici ); 3. Ein Versuch$huus dill IJllulluusel (UIIU ':U:'IIspernnentele del Bauhaus); 4. D ie B u hn e im IJlluhaus (II tcutro III RuuhllUII), 'i. I'kl.Iundrillo, Neue Geslul,un, (Nuova figurllzione); 6. Theu van Doe:.burg. Grul la :'n;"Oc ur:r n eu ll n , t! st ul 'e nd en K u ns ' (ConC4:tti fondamcntali della nllOVIl IIrtc figu,rUla'II': 7. Neue Arbcitcn der Bauhl lul iwerkl it ii tten (Nuovi lavori del le vi llein.: delR"'Jhllus); 8. L, Mlolholy.NIISY,MQJere i , Phu,ugrtlphil1, film (Piuura, fotosrllhll. f ilm).1.\,;PIl III prima lIerie sCKuirono ultri volumi. Ntl 1926: W. KBlldin:.ky. Pun/a.: ', ., ,' . f lu&:he (Punto, Iinell, superficie); J . J . P. Cud, D i e h o ll an di sc lw Ardu~/ .11.1 (r . 'lIr l. :hiletturu ollln"'c~c). Nel 1927: K. Mlltcwit~ch, Die gr:gemtutlJto~e. 'eI, (II Illonllu Llcllu non-oggcllivitli) . Nel 192ti: A. Glcixe5, Kubi$mus (Cubi5100).',.:1 I

  • 5/10/2018 47182211 Paul Klee Quaderno Di Schizzi Pedagogici

    41/42

    operazione nueva. G li scrlui precedenti - la Coniessione e V ie a li a s tu diolid/a natura . sono dichiarazioni aperte di una poetics, nelle quali le': ..m v in zio ll i t eo ri ch e r im a nd an o it ve rifich e e d im o straz io ni n ell 'am b ito.lclt'auiviia piuorica e didauica, E nel mom e n t a pedagcglco - c om e ab-.numo 1! . i i l visto - la d is po s iz io n e f e nom e n o lo g ic a di Klee apre ad acute,,w li.,i d ci siste m i signiflcant], co ntin uam e nte rappo rtate a rifle ssio ni su i!liSlCllli dei signilicati: trauasi d i ric ch i p ro ce dim c nti analitici che si ar- !lC I.J !aIlOsu in finiti piani inte rse can te si, N el m e me nto in cui K le e sl trova11 dover pubblicare i 'coruenuti' d ella sua altiv Lta didauica, si scontraca n l'inauuabilita d i una restituzione 'cosuuuivamente ' semplice (di quei

    "

    co ute nuti'). L a CI t sem plicita s costruuiva a e ui fa rife rim ento Kke e'd isoccu lram enrc': un proce sso che no n si pub lissare ne lla struuuruLI un Buch, Il m enu che non si faccia rico rso alia ironia giocata sulla an-,Itesi essenza-apparenza ; l'interno e infinite -, la rice rca kle iuna -,I " l'esterno e finilo - il quaderno pedagogico.

    :4:' struttura delle Skizzenbuch, scandita e ritmuta dalla gabbia d i p ag in ustudia ta da Moho ly -Nagy (che l'edizione italiana restituisce integralmen-re ), si p re se n ta e rm e t ic a e d i n on f ac ile le uu ra , ~ l.L :ic biz zi, ap po sitam c nter~ d iS l !r l ll .i d a Kh;c pe r iI B auhausbu ch, se m brano iso lari d allu co m elcssa~~IC" u zio ne d ei so nd ag gi anulilici praticut i 1Ie1!., d idauicu, Ie stuniature. ~ i J l l Ipu iono , iI prim a e it dopo si imruvcdono. l.e l lpel 'aLiulli parziali . che~i;Jprllno queste leggi essenziali della rut liguraZiuill: :-nvn suno dale pe r. :~ICSO,vcngono celate Ira Ie ermeuche parulc del 1~..to, 1I. :yu!lderno ' sern-"rd prc~llIarc irisu ltati d i arrivu' come possibi l i 'ha:.i J 'i partenzu, c om eprincipi' di u na d ottr in a. Q ue sta appareuzu i: subiill sme nt ira dO l una pill,i' l.Cllla leuuru: ogn i disegno, ogni 'cosrruzicne simbolica' souende un a 0. :-hipolarita , E ogni dualita v al e : s o lo s ui p ia no p ur tic ol ar e : a lia f in e,\'c tsi p ian i, in sie m e , in ge ne ran o il co m pe nd io d ella lo talila , I I r ic o-'1llM' lmc(1lo dei diversi c ;pmpi . dl:lI&&ilTcrcnlll di l ingllugsi che popolullo'~_I:i:dlta p lu rt dim e n si ou al e c hi ud e ogn i possibilita dl lndividuure un a sin-~i' unive rsale . In una Iczione de l gennaio 192 4, K le e d ice : n on po sse;'art~ q ue l che pre fe rire i fare : conside rate d 'UII co lpo so lo una to talita che-acc hiu da in s e un gran num ero di rune que ste co se (e ognuna al punto~IIJ~IO), Non rni resta quindi che rasscgnarmi ul metodo analirico ,t: a nc or u > rife re nd osi a colore cne 'si occupano de ll' istruz ione ~ dd-:'u rtisIU : ., pochi pene lrano ne l fondo e im prcndono a cn!are . C i si ag-.~ rltppa aile loo rie , pe rche si tem e la vitu, si ha paura dcll 'ince rte zza', :u t: :. ta u lf e rm a z io n e e ripo rtata da J u r g Spille:r nelJ' lt l troduziotle ar,'oriJJ de/:cJ JamUl e de lla I igu raz ione, c it., p ag , XXXIV. I I p r oc t :d im t :n t o. '! Ia li ti co d i Klec non poria ad una te oria che o lfre ce rte zzc, be ns! ad un a' : '_ ' I l t inuu alt ivila Ji s co m p os iz io ne , d e :s cr iz io ne , c on fr on to e r ic om p o siz io ne.; un ,Ivrd inc n uo vo ; rive la i m o lte plic i sign ifie ati e Ie bipo larita che"lcl.C ssiuiam tntc ' si nase ond ono d ie tro I 'o pe razio ne : artistica. D i C ro nte

    so rie che rip ropcngono nuove dom ande , nuo vi dubbi.1 . . 0 Skizzenbuch e in funzione de lla Formlehre. Nel la FQrmlehre Kleee~ stiij:e 'sv e lge qu indi 'una auivita paralle l a, autonom a ne l suoStnitturarsi, distinta no n soltanto dalla auivita plttorica ( < < io m i oc-"cupo ' d i ce rte o pe razio ni parz iali ), ~ !l.,~ ,nche d alla at~ ivita '~ ro ge t:tante ' d i tU lla Itl scucla , II proced im ento analitico co lle zlona dCI Iau ld ispo nibili a significare che vengono o ffeni a ch i sl assum e iJ corn-pito d i create nuovl rnondi fo rma l i . I 'sondaggi' d i K le e e 10 Skizzen-buch no n possono quindi intendersi com e 'strum enti' d ire ttam en te ope -rauvi, rna com e: operazioni ricche di valenze critiche, produttive ne lJo ro m olup licare i p roblem i a cui d i vo lta in vo lta I'attiv ita cre atricedarn so luz ion i d ive rse e in pe rpe tua m e tam orfo si.O ue ste valenze critiche vengono ad inse rirsi tra Ie istanze de l 'co stru t-tivisrno ortodosso' proprie di un settore scm pre p iu vaSIO d el Bauhaus.WQmplc:~~e rtico laz lone de l d isco rso kle iano assum e 'co struttivism o ' e'anticostrullivism o 'com e : po li d iale uic i, quindi I'atte ggiam e nto criticoa le 'De de riva no n eda intend e rsi com e ne gazione d e l m om ento 'pro -itU ante ', La sugge stione d i un tentative prom ete ico non intacca la natu rajiarabclica d el pro ce dim e nto k le iano : alia 'scom posiz ione ' se gue se m prela tricomposizlonc'.Durante le lezicni tenure Ir a iI 1924 e it 1925, Klee si occupa de l la Bi ld-t l7 rl sc ne M e ch a ni k: o d er Stillehre (M e cc an ic a f ig ur at iv a o vve ro te oriade l l e stile): co n questo tito lo v ie ne an nu nc iato it s ec on do B au ha us bu chdi Klee che n on :l ara mai pubblicato. II titolo non indica con precisicneil nuovo cam po d 'indag ine che allron te la Io ndam entale antite si u sra-Iia-dinami~a I) considerando oggeul statiC i'e "airiam ie i in rappo rto aU alo ro coslruzione ,lir lo ro equilibrio e alia lo ro possibilita rotatoria::Stile e adauamen lo umano alle que stioni -de l m ondo te rre no (de llo "sta~tlco') c dell'al di Iii (del 'dlnumlco') .,D i s em e stre in semest r e Ie l ez lonl d i K le e si artico lano in base a tem ia cc e ru ua ti e d im e n s lo n at l in m od o sempre diverse . L'.!!!Wo ~~i~CQ. d~im l ! z~L f ig ur al i v i I), l a. !. t e or iu d e ll 'a rt ic o la zi on e , lit te oria c os tr uttiv aactTa composizione (formazione