20262 - Chapeau Novembre - Dicembre 09(1)

Click here to load reader

  • date post

    13-Jun-2015
  • Category

    Documents

  • view

    494
  • download

    5

Embed Size (px)

description

Chapeau Novembre Dicembre

Transcript of 20262 - Chapeau Novembre - Dicembre 09(1)

MENICHELLI

MENICHELLI

RIVISTA MENSILE DI ATTUALIT MODA CULTURA

COPIA GRATUITA - Anno 5 - N. 10 - Novembre - Dicembre 2009 - Tiratura copie 20.000

RICHARD GERE Il fascino? una questione di stileI transessuali, ovvero lattenzione negata dal partner

Gossip, gossip e ancora gossip. Sembra che non se ne possa pi fare a meno, che sia internazionale o appartenga aDirettore Responsabile Mara Parmegiani Comitato scientifico Gino Falleri, Nino Marazzita, Simonetta Matone, Carlo Giovannelli, Rosario Sorrentino, Emilio Albertario, Anna Mura Sommella Segreteria di Redazione Marco Alfonsi Nicoletta Di Benedetto Marina Bertucci Servizi fotografici di redazione Laura Camia, Giancarlo Sirolesi Collaborano Alessia Ardesi, Marco Alfonsi, Costanza Ceroli, Isabella De Martini, Nicoletta Di Benedetto, Andrea Di Capoterra, Cristina Guerra, Rita Lena, Nino Marazzita, Siderio, Josephine Alessio Fotografo: Maurizio Righi Via Piero Aloisi, 29 - 00158 Roma Tel. 06.4500746 - Fax 06.4503358 www.chapeau.biz Aut. Trib. di Roma n. 529/2005 del 29/12/2005 Edizioni e Stampa Rotoform s.r.l. Via Ardeatina Km. 20,400 - S. Palomba (RM) Ideazione grafica ed impaginazione Monica Proietti Settore Pubblicit Direzione: 00158 Roma - via Piero Aloisi, 29 Tel. 06.4500746 - Fax 06.4503358 e-mail: [email protected]

qualche tormentone nostrano. Incrementala tiratura di numerose riviste destinate ad un lettore particolarmente interessato a conoscere le nuove vicende dei personaggi dello spettacolo, delle top model e di tutti coloro che a causa dei propri ruoli sociali sono sulla cresta dellonda. Come dire, I neuroni hanno preso unaltra strada. Ci che pi mi sconcerta il ruolo ricoperto dalle donne in queste vicende. Un esercito di aspiranti meteorine, letterine, ragazze immagine, escort, mostrano lo specchio della nostra societ. Ed ecco allora proliferare, senza esclusione di colpi e divergenze politiche, le scappatelle di Letterman e Preziosi, le tendenze sessuali dei poltici, ai limiti dellhard. Ma chi fa i palinsesti televisivi? Un palinsesto ha diverse problematiche. Le fasce orarie, il target degli spettatori, la programmazione dei canali concorrenti. Ma per il gossip sono tutti daccordo, e contemporaneamente spifferato a Pomeriggio 5, Verissimo, Sipario, La vita in diretta, Striscia la notizia e, per i vojeur, lapoteosi con il Grande Fratello. Ma chi se ne frega, e per questo merita lapplauso la Pausini che infiamma il pubblico di Hollywood con un concerto dove mette in luce una silhouette decisamente allargata. Ma a colpire, oltre alla sua voce, proprio il fatto che non sia ossessionata dallaspetto fisico come tante colleghe desiderose di mettere in piazza anche la loro vita privata! Mara Parmegiani

La responsabilit legale del contenuto degli articoli e dei contributi di tipo pubblicitario a carico dei singoli autori. La collaborazione al mensile Chapeau da ritenersi del tutto gratuita e pertanto non retribuita, salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright. vietata la riproduzione, anche parziale, di testi, grafici, immagini e contributi pubblicitari realizzati da Chapeau.

DolcevitaCanale SKY 906

IN QUESTO

numeroMODA

RICHARD GERE

4 6 7 10 12 15

Intervista a Richard Gere La donna normale come nuova icona di bellezza

Moda

Roma by Night

Vespasiano

Le mummie di Tarim

LE MUMMIE DI TARIM

18 20 22 23 24 25 26 28 29 30 31

Calpurnia moglie di Cesare

Immagini di unepoca

La posta di Graig

CALPURNIA MOGLIE DI CESARE

Societ malata?

I transessuali

IMMAGINI DI UNEPOCA

La pillola anticoncezionale

Radioterapia

LA PILLOLA ANTICONCEZIONALE

Tagliare con arte Lalbero delle castagne

Libri - Eventi - Mostre Ricetta e Oroscopo del mese

A Roma Festival il fascino di

RICHARD GERE

Richard Gere, idolo femminile da pi di trentanni, stato ospite donore al Roma Film Festival oltre che a presentare il suo ultimo film Hachiko (in uscita a dicembre). Hachiko sicuramente un film particolare. Sebbene il protagonista della storia sia un cane, Hachiko molto pi di un classico dog movie colmo di acrobazie canine, e buffe peripezie perch rappresenta forse il primo biopic canino, sebbene la vicenda sia stata trasportata dalloriginario Giappone ad una pi usuale ambientazione nordamericana. Il film inoltre una delle rare occasioni in cui poter ammirare Richard Gere non nelle vesti

di sex symbol, ma di attore per famiglie, impegnato sullo schermo - quanto nella vita - a promuovere messaggi di amore e fratellanza. Il film, presentato fuori concorso ma in anteprima alla kermesse romana, vanta la regia del due volte candidato agli Oscar Lasse Hallstrm (Le regole della Casa del sidro, Chocolat, Casanova), ancora una volta alle prese con una storia dai risvolti tanto commoventi quanto drammatici. Parker Wilson (Richard Gere) un professore di musica dal buon cuore e dallinnata gentilezza, che trascorre la sua vita in una routine che lo porta a prendere, giornalmente, il treno per

recarsi a lavoro. Un giorno gli viene affidato dal capostazione Carl (Jason Alexander) un cucciolo di cane di razza Akita, lunica autoctona giapponese, misteriosamente disperso in stazione. Tra liniziale scetticismo della moglie Cate (Joan Allen) e i consigli dellamico Ken (Cary-Hiroyuki Tagawa) Parker inizia ad affezionarsi al cucciolo che, sebbene refrattario agli addestramenti, - come da abitudine della sua razza - inizia a sviluppare un attaccamento particolare, un rapporto privilegiato e profondo col suo nuovo padrone. Tanto da arrivare ad accompagnarlo ogni giorno a prendere il treno, e venire ad accoglierlo in

4

stazione, puntuale, ogni giorno per pi di un anno. Ma arriver il giorno fatale in cui il professore non prender pi il treno di ritorno: sar il giorno in cui Hachi dimostrer quanto bene i nostri amici a quattro zampe possono volere a chi sa stringere con loro legami profondi. Il film un semplice rincorrersi di immagini di vita quotidiana: Parker e il suo cane non vivranno nessuna avventura al di fuori dellordinario, se non quella di una straordinaria amicizia, che valica ogni confine tra vita e morte, tra esseri umani e animali. Un film strappalacrime, una storia damore, il racconto commovente dichiara lattore al cinema meglio andare con i fazzoletti in tasca, ho letto la storia e ho pianto, ma tutti hanno pianto. Richard Gere al Festival del Cinema di Roma ha incontrato il pubblico, fotografi e giornalisti scherzando e ridendo ha parlato di lui e del suo impegno politico per il Tibet e non si sottrae allanalisi sul problema cinese, ponendo lattenzione sul paese occupante, dichiarando che la Cina sta sottovalutando il problema di un popolo che quando si lascer completamente alle spalle lideale comunista, si ritrover allo sbaraglio e invece nella figura del Dalai Lama potrebbe ritrovare la luce che per il mondo per la sua saggezza e la sua gioia.Forse sono riuscito ad attirare lattenzione su quel dramma ma non so se sono riuscito ad aiutare il popolo tibetano. Forse quello che pu fare un attore aprire una porta. una responsabilit che abbiamo tutti. Qualunque sia la nostra capacit dobbiamo fare qualcosa per cambiare il mondo che ci circonda. Possiamo raggiungere tanti universi, dove portare molta energia a favore di una causa. Il sindaco di Roma - che nel febbraio scorso ha consegnato al Dalai Lama la

cittadinanza onoraria - ha voluto ricevere lattore buddista, per sottolineare il loro impegno comune a favore del Tibet. Alla domada che cos per lui il fascino, risponde: Il fascino una questione di stile. Non centra la giovinezza e la bellezza puramente estetica come una grossa bugia, dura poco e lascia insoddisfatti. No, decisamente il fascino non effimero, fatto per durare, anzi, per accrescersi col tempo. Se gli si chiede di indicare le pellicole pi significative per la sua carriera Gere ci pensa un po: Ricordo che avevo appena compiuto 26 anni quando iniziai a recitare ne I giorni del cielo, ma ne avevo gi 29 quando il film usc in sala! Terry fatto cos, un perfezionista dal grande talento, a cui interessava sempre levoluzione delle cose, ma ci rendeva la vita difficile, per questo, e per il fatto che non aveva un modo semplice di spiegare agli attori cosa desiderava facessimo. Una volta, esasperato, gli chiesi in modo molto diretto - Ma cosa vuoi che faccia? - e lui mi rispose - Muoviti come quella tenda: la vita accade e basta!- Il suo un vero e proprio cinema di elementi, vero che siamo come lacqua, o il fuoco, o il vento. E per questa lezione, e il fatto di avermi scelto, non lo ringrazier mai abbastanza: stato un inizio difficile, ma fondamentale. Di Pretty Woman invece conserva un ricordo che non lo abbandona mai, perch il film che lo ha reso universalmente noto: Probabilmente anche un aborigeno con un osso al naso come piercing mi riconoscerebbe, additandomi come Quello che ha fatto Pretty Woman con Julia Roberts! Costanza Cerioli

5

LA DONNA NORMALE COME NUOVA ICONA DI BELLEZZA?Finalmente si sono viste delle donne normali sfilare in passerella. Lo stilista Mark Fast, durante lultima fashion week londinese, ha preferito modelle pi burrose rispetto alle classiche ragazze filiformi alla Twiggy, che siamo abituati a vedere. Ennio Capasa, a Parigi, si rifiutato di fare indossare alla bellissima Dree Hemingway, diciannovenne pronipote dello scrittore Ernest, gli abiti della sua nuova collezione per Costume National perch troppo magra. Quando si tolta la giacca non ci potevo credere ha detto Capasa - era uno scheletro. Anche alcune riviste patinate di moda sembrano essersi ribellate alla dittatura della magrezza. Sulle pagine di Glamour America del mese di agosto, il fotografo Walter Chin ha immortalato le rotondit e la pancetta della splendida Lizzie Miller. Un metro e ottanta di altezza per 80 Kg di peso mostrati senza veli. E Lizzie diventata immediatamente una nuova icona glamour in tutto il mondo. rivoluzionaria la proposta del quindicinale di moda tedesco Brigitte che ha deciso di utilizzare, dallanno prossimo, solo ragazze e signore normali, scelte tra le lettrici e nelle redazioni, per i suoi servizi. Il fascino ha molti volti- ha dichiarato la co-editrice Lebert Huber - facciamo un giornale per le donne cos come sono, non come altri vorrebbero che fossero. Segnali positivi che indicano che forse possibile rivedere i canoni di riferimento della bellezza dettati dalluniverso moda. Perch per essere affascinanti e piacere non bisogna per forza indossare una taglia 38. Ma c chi sostiene che la scelta di far sfilare modelle molto magre sia dettata esclusivamente da unesigenza tecnica. quanto ha dichiarato la Signora dellhaute couture italiano Raffaella Curiel nel suo recente coming out. Realizzare un capo taglia 38 pi facile, semplice e veloce - ha detto la Curiel - perch richiede meno lavoro sartoriale. Alessia Ardesi

6

ANTICIPAZIONI DAUTUNNOI lunghi cardigan simbolo di eleganza ricadono delicatamente sul corpo, abbinati ad una t-shirt basic con piccoli tocchi appena percettibili, che siano dati da una cravatta o dai pois di una sciarpa o da un bagliore di strass. Un fil rouge con la tradizione reinventata in maniera esplosiva.

ALESSANDRO DELLACQUA

GIANFRANCO FERR

GIORGIO ARMANI

LACOSTE MAN

MISSONI

D&G

7

Un total look per unICE-ICE Per lei, maglia in ciniglia con coulisse di raso e profili in felpa; per lui, felpa zippata in cotone millerighe con cappuccio e spilla-logo. IL GUFO Maglione in lana tortora con dettagli di tessuto a coste e fiocco in velluto, abbinato ai pinocchietto in velluto con risvolto.

HOGAN JUNIOR Nuova versione di sneakers in tessuto tecnico e laminato con inserti di vernice.

FAY JUNIOR Giacca in velluto blu con revers in maglia, profili a contrasto, logo ricamato color oro e chiusura in metallo; lupetto a coste in pura lana con rifiniture crema e oro abbinato a denim dalla linea dritta.

Adatto alle bambine tra i sei e i dodici anni, cos come gli stivali di ALBERTO GUARDIANI KIDS in vernice color melanzana con pratica suola in gomma e logo a vista.

BROOKSFIELD Swinging London, anni Sessanta, fa da sfondo alla sfilata e le giacche, dal deciso gusto college, valorizzate da gessature a contrasto assumono un tocco decisamente preppy metropolitano.

8

caldo autunno-invernoGUESS KIDS Camicia stampata con ruches indossata con gilet in jersey e longuette in denim lurex arricchita da MISS BLU Abitino a maxirighe bicolore bretelle. in maglia elasticizzata

TRU TRUSSARDI JUNIOR polo millerighe in cotone con felpa zippata e Rosa, grigio, nero e rosso per LIU-JO dettagli di lana tricot, abbinata a un che realizza la mise per i pi piccoli intramontabile cinquetasche e scarponcini in pelle; bomber, pantaloni in fusta- con estrema attenzione alla praticit. gno e scarponcini in pelle con inserti di tessuto elasticizzato. Per lei, t-shirt con stampa e strass applicati, cardigan in felpa e cotone a coste, abbinato a gonna di velluto e ballerine argentate con laccetto. Infine, camicia millerighe con felpa rifinita in cotone a coste, da portare con classici cinquetasche e scarponcini stringati di vernice.

9

ROMALa bellissima e atletica Valentina Giardi, atleta Nike per il fitness a livello mondiale Rita Dalla Chiesa, sua figlia e la Cucinotta con il marito alla festa del Salaria Sport Village

by

NIGHT

a cura di Giancarlo Sirolesi

Il tenero bacio di Max Buzzanca alla moglie Serena dopo la prima sotto er celo de Roma Roberta Beta, Chiara Gallonardo e Raffaello Balzo festeggiano al Gilda single nel Mondo il reality in onda su Rai 2

Irene Pivetti commossa al suo primo matrimonio come sindaco Alex La Rosa al Brancaccio in Eccoci qua...con il gran variet Ostriche e champagne al Sa Tanca preparate dal giovane e talentuoso chef Riccardo De Stefano

Umberto Masci e Stefania Buzzi a Palazzo Brancaccio

Janes De Nardis al teatro con Gli affari sono affari

Il libro Comunicare l Europa presentato alla Camera dei deputati dallautore e Presidente dellOsservatorio Parlamentare Europeo, Giuseppe Catapano

Claudia Schiffer circondata dai suoi fans

Emanuela Tittocchia su canale 5 con lettere dAmore Little Tony firma autografi al Premio Margutta, insieme al regista Ettore Magni

Eva Herzikova a passeggio per Roma Sandra Milo e i clawn

Angela Melillo al Gilda

Fiordaliso al Teatro dei Servi

Cesare Lanza premiato per la sua prima opera La professionista

Il sempre blu di Renato Balestra

La compagnia di Single nel mondo tagliano la torta al Gilda Miss Italia nel mondo Diana Curmei La nuova conquista di Paolo Pazzaglia Il sorridente Ministro Brunetta, in pausa, con la sua Titti

La nuova regista Stefania Sandrelli alluditorium

Il pi famoso e il pi bellanfiteatro del mondo romano lAnfiteatro Flavio, pi noto dal medioevo come Colosseo. Esso sorse nei primi anni del regno dellimperatore Vespasiano (fu iniziato nel 72) e fu terminato dal figlio Tito

Il tempio Capitolino costruito sulle rovine di un pi antico santuario per ordine dellimperatore Vespasiano

Vae, inquit, puto deus fio: Ahim, disse, credo di essere sul punto di diventare un dio. Cos si espresse, riferendosi in modo scherzoso alla consuetudine di divinizzare gli imperatori, Vespasiano poco prima di morire il 24 giugno 79 d.C.. Aveva 69 anni e aveva regnato per quasi un decennio, fondando la dinastia Flavia. Proprio nel bimillenario della sua nascita, che ricorre in questi giorni, vogliamo ricordare questa figura che incarn un momento di passaggio cruciale per levoluzione del principato. Da un lato segn infatti un taglio netto con la tradizione precedente della dinastia giulioclaudia, dallaltro rappresent un elemento di continuit per limpero romano, scosso da rivolte e guerre civili. Vespasiano nacque il 17 novembre del 9 d.C a Falacrinae, in Sabina, in un modesto villaggio oltre Rieti, nel comune di Cittareale. Entrambi i genitori appartenevano al rango equestre, il ceto dei ricchi proprietari terrieri che potevano permettersi un equipaggiamento per combattere a cavallo. Ma la gens Flavia era oscura e priva di importanti figure di antenati - dice Svetonio - tale tuttavia che lo Stato non ebbe a rammaricarsene. Il nonno era stato centurione nellesercito di Pompeo, ma dopo la battaglia di Farsalo disert e si rifugi in patria. Perdonato e congedato, divenne argentarius, ovvero colui che svolgeva mansioni di esattore e di banchiere. Vespasiano fu educato dalla nonna paterna, Tertulla, che aveva diversi terreni nel reatino. Per lei Vespasiano nutr un profondo affetto, tanto che anche da imperatore torn spesso sul luogo di nascita e lasci che la casa rimanesse intatta senza che vi si apportasse mai nessuna modifica. Le figure femminili, della madre e della nonna, influenzarono parecchio il carattere del futuro imperatore rendendolo semplice e tollerante. Cominci a fare le prime esperienze militari sotto il principato di Tiberio. A soli 17 anni venne infatti inviato in Tracia, dove rimase per tre/quattro anni e dove partecip alla campagna per sedare la rivolta dei Traci che non volevano rispettare la leva militare imposta dai romani. Al ritorno a Roma, fu nominato ausiliario dei magistrati incaricati di amministrare la giustizia e in modo particolare di applicare la pena capitale. Poi divenne questore e ottenne in sorte la provincia di Creta e Cirene e dopo magistrato con lincarico di ammnistrare le finanze delle province senatorie. Vespasiano era un finanziere eccellente, grazie anche alla tradizione familiare, dotato di un sano realismo e di buonsenso. A poco pi di 20 anni cominci la scalata del cursus honorum, cio il percorso politico per accedere al Senato Romano. Pi faticoso fu ottenere ledilit, rifiutata una prima volta e raggiunta al

secondo tentativo, ma solo al sesto posto. Gli edili a Roma avevano responsabilit amministrative, si occupavano della manutenzione dei templi, degli edifici, delle strade, degli acquedotti e delle fognature. Ledilit era una tappa fondamentale per accedere a quella successiva. Candidato alla pretura, la ottenne invece subito e al primo posto. I pretori avevano responsabilit giudiziarie a Roma e potevano comandare anche una legione. Allora Vespasiano aveva trentanni e proprio in quel periodo si spos con Flavia Domitilla, probabilmente per soldi, perch di fatto aveva da tempo una relazione con Cenide, la segretaria particolare di Augusta Minore, nonna di Caligola. Cenide sar poi accolta in casa e trattata quasi come una legittima moglie alla morte di Domitilla, e manterr questa posizione anche quando Vespasiano diventer imperatore. La carriera di Vespasiano avanz rapidamente grazie sia alle sue doti personali sia alle raccomandazioni della sua amante Cenide. Ma la sua carriera fece un balzo in avanti soprattutto sotto limperatore Claudio, con il quale si distinse nella conquista della Britannia, isola che era diventata appetitosa per i romani, dal momento che vi erano state scoperte nuove miniere di stagno, rame e argento, per altro estraibili con relativa facilit, che potevano compensare lesaurimento delle miniere dargento in Spagna. Vespasiano torn dalla Britannia acclamato come un eroe e per un p di tempo visse di rendita fino a quando ottenne a 52 anni, come proconsole, la provincia dAfrica. Era il 63 d.C., Claudio era morto da nove anni e il principato era in mano a Nerone. Con questa nomina Vespasiano era salito al rango pi alto della scala senatoriale, considerando inoltre che lAfrica era, insieme allAsia, il proconsolato di maggior prestigio. Svetonio racconta che il futuro imperatore ammini-

12

str la provincia con grande onest e non senza grandi riconoscimenti, anche se da questo incarico non si arricch affatto. Anzi, al ritorno a Roma, per sostenere tutte le spese necessarie per mantenere il rango raggiunto, dovette ipotecare tutte le propriet al fratello e tornare a fare a Rieti (zona ricca di allevamenti di muli) il mercante di bestiame, tanto che veniva comunemente nominato mulattiere. Nel 67 d.C. si present laltra sua grande occasione. Nerone lo chiam per domare la rivolta che era scoppiata in Giudea, considerando la sua fama di uomo di grande valore e di riconosciute capacit organizzative e il suo grande intuito militare. La campagna in Giudea fu lunga e difficile: cominciata a met aprile, si concluse agli inizi di giugno. A capo di tutte le forze giudaiche vi era Giuseppe, che organizz la difesa militare fortificando tutte le citt che occupavano un raggio di 40 km dal mare al lago di Tiberiade. Ma Vespasiano, anche di fronte agli insuccessi, non si scoraggi mai cercando sempre nuove soluzioni per conquistare le citt fortificate. Una di quelle pi efficaci fu la costruzione di terrapieni attorno alle mura per porvi sopra le macchine belliche a disposizione. Tra queste anche le cosiddette elepoli, torri mobili a pi piani in grado di superare le mura di cinta; da queste torri si scagliavano i proiettili per tenere i nemici lontano e permettere agli assedianti di organizzarsi per entrare in citt. Vespasiano alla fine riusc a espugnare le citt pi difficili e a catturare Giuseppe, che in quelloccasione gli profetizz che sarebbe diventato imperatore e come lui il figlio Tito, che aveva partecipato trionfalmente insieme al padre alla campagna militare in Giudea. E visto che le profezie di Giuseppe in passato si erano rivelate esatte, Vespasiano ordin che fosse trattato in modo benevolo. La rivolta in Giudea prosegu ancora Vespasiano e Tito riuscirono a conquistare altre citt ribelli, anche perch si era creata una spaccatura tra i giudei: i pi facinorosi volevano proseguire la lotta, ma molti avrebbero invece voluto la pace confidando nella benevolenza di Vespasiano e dei romani verso chi si arrendeva. E proprio quando Vespasiano si stava preparando ad attaccare Gerusalemme, la citt pi difficile da espugnare, seppe che Nerone si era suicidato e sospese ogni azione. Ma la conquista della citt santa fu solo rimandata. Segu un anno di grande turbolenza. Era il 68 d.C. Prima venne nominato dal senato nuovo principe lanziano Galba, governatore della Spagna, avaro, arcigno, autoritario. Il suo esercito, appena entrato a Roma, massacr i soldati di Nerone e si macchi di ogni tipo di nefandezze, stupri, violenze e furti. Le truppe di stanza a Colonia, sul Reno, allora abbatterono le insegne di Galba e nominarono Vitellio. Poco dopo i pretoriani uccisero Galba davanti alla Curia. A Roma regnava il disordine. Le stesse coorti pretorie riconobbero come imperatore Otone, 37 anni, e il senato ratific la nomina. Ma nello scontro decisivo tra lesercito di Vitellio e quello di Otone, a Bedriaco (tra Cremona e Mantova), i vitelliani ebbero la meglio. Otone, accolta la notizia della sconfitta con gran dignit, il giorno dopo si suicid. Vitellio sembrava avere la strada spianata. Il senato, che pure aveva sostenuto Otone, lo proclam imperatore. Ma anche Vitellio divenne superbo e crudele. Nella sua marcia verso Roma taglieggi chiunque si imbattesse sul suo cammino e devast i campi. A quel punto Vespasiano, convinto dal governatore dAsia Muciano, decise di

scendere in campo forte del sostegno anche del re dei Parti, Vologese, del suo esercito, delle nove legioni stanziate in Giudea, Siria e Egitto, delle flotte, ma soprattutto della sua esperienza e della sua fama di uomo giusto, soldato tra i soldati, della sua abilit e risolutezza, della sua forza fisica. Vespasiano era un soldato infaticabile. Era sempre in prima linea con le sue truppe, rischiava come loro in prima persona, si contentava di un cibo qualsiasi, sapeva tenere alto il morale dellesercito con il suo incoraggiamento e anche con il suo spirito sagace, sia pure a volte un p scurrile e triviale. Era fisicamente robusto e forte, anche in et avanzata. Era dotato di solidi principi, che non rinneg mai, sempre pronto a difendere le proprie radici e fedele allimpero. Sembra che anche Otone, in una lettera, supplicasse Vespasiano di vendicarlo. Lettera che, resa pubblica, spost le simpatie di comandanti e legionari otoniani in favore dei flaviani. Vespasiano cos raccolse il consenso dei militari che lo acclamarono loro imperatore. Consenso che si estese pian piano a tutte le legioni stanziate in Oriente. Il nuovo imperatore in pectore si stabil ad Alessandria, in Egitto, mentre le sue truppe guidate da Antonio Primo si avviarono verso Roma, ancora in mano a Vitellio. Lo scontro tra i due schieramenti avvenne nellottobre del 69 presso Cremona. Dopo un primo vantaggio dei vitelliani, le forze flaviane ebbero la meglio. Vitellio fu colto di sopresa dalla notizia della sconfitta. Ma non cedette subito. Il comandante romano, poco prima di entrare a Roma, offr a Vitellio una resa onorevole e salva la vita. Vitellio accett, ma poi con il sostegno di parte della popolazione non rispett i patti, uccise senza piet il fratello di Vespasiano, Sabino, e bruci il tempio sul Campidoglio. Saputo questo, Antonio Primo, una volta sconfitte definitivamente le truppe vitelliane a Ponte Milvio, riserv a Vitellio lo stesso trattamento subito da Sabino: fu torturato e decapitato; poi il suo corpo venne gettato nel Tevere. A quel punto Vespasiano fu riconosciuto imperatore anche dal senato. Roma era in preda al panico. I legionari flaviani, con la scusa di scovare lesercito nemico, si diedero a saccheggi, stupri e uccisioni, compiendo atrocit di ogni tipo. Vespasiano era stato riconosciuto nuovo impertore, mentre lui era lontano da Roma e questo certo era una novit rispetto alla dinastia precedente. Subito venne votata e approvata la lex de imperio Vespasiani, con cui si sancivano tutte le prerogative dellimperatore per garantire continuit di governo. Po-

13

co dopo la sconfitta dei vitelliani e lingresso a Roma dellesercito flaviano, arriv nella capitale Muciano con le sue legioni per ripristinare lordine in citt. Muciano avoc a s qualsiasi potere, restaur lordine e la disciplina, effettu unepurazione dei simpatizzanti di Vitellio. Appena designato Limperatore Vespasiano guarito dal velo imperatore Vespadi S. Veronica. Arazzo, Bruxelles, sec. XVI. Metropolitan Museum, New York. siano dovette far fronte a due rivolte: una ai confini settentrionali dellimpero, dove le trib del nord si ribellarono al dominio romano, aizzate da una profetessa e sotto al guida del capo dei Batavi, Giulio Civile. Questi per, dopo alterne vicende, fu indotto alla resa e dovette accettare di rifornire Roma di un certo numero di legionari. In Oriente invece dovette affrontare la rivolta di Gerusalemme dove tre partiti si contendevano il dominio della citt dilaniandosi tra di loro. Invi il figlio Tito che riusc ad entrare nella citt santa ad aprile del 70 d.C., anche se ci vollero ancora quattro mesi per espugnarla del tutto. Durante una di queste battaglie il Tempio venne distrutto da un incendio appiccato da un soldato romano che vi scagli dentro un tizzone ardente, nonostante Tito avesse intimato i suoi uomini di non distruggere ledificio. I Giudei cercarono di salvare il salvabile. Tito, avvertito subito, corse verso il tempio per cercare di domare lincendio. Ma non ci fu nulla da fare. Ovunque era strage e fuga. Intorno allaltare si accumul un mucchio di cadaveri, mentre lungo la scalinata del tempio correva un fiume di sangue. Anche Vespasiano entr dentro il tempio (fino a quel momento le fiamme stavano devastando solo le stanze adiacenti tutte intorno) e vide gli oggetti preziosi che vi erano custoditi che superavano di gran lunga la loro fama e non erano inferiori al vanto che se ne facevano i Giudei. Mentre Tito era impegnato a conquistare Gerusalemme, il neo eletto imperatore si mise in viaggio verso la citt eterna dove giunse, salutato e acclamato dalla folla lungo la via Appia, nellottobre del 70. Poco tempo dopo fu raggiunto dal figlio Tito che entr a Roma accolto calorosamente con un bottino di 700 giudei in catene, tra cui i capi dei rivoltosi Simone e Giovanni. I tre imperatori - Vespasiano con i due figli, Tito e Domiziano, che aveva associato al potere - celebrarono insieme il trionfo percorrendo le vie della capitale con un corteo mai visto prima: oro, argento e avorio, gemme trasparenti, stoffe di porpora, statue della divinit particolarmente grandi, animali di varie specie e infine i prigionieri vestiti con i loro costumi, la cui variet e bellezza nascondeva i segni dei maltrattamenti subiti. Vespasiano cominci subito il suo programma di ricostruzione dellimpero. Svetonio descrive Vespasiano come un uomo che ripropose nella vita pubblica la stessa disciplina e rigidit della vita militare: spietato in guerra contro i nemici, fu invece generoso con gli avversari politici, ma fu inflessibile contro chi metteva a rischio la pace dellimpero. Combatt contro la corruzione sostituendo gradualmente personaggi senza scrupoli con personale fidato e capace. Ma dovette anche risanare le finanze dello stato ridotte allosso. Impose nuove tasse e aument lincidenza di quelle vecchie; raddoppi i tributi alle province. Essendo sobrio e spartano, mise fine ai lussi imperiali e agli sprechi dei cerimoniali di corte. Ripar il sistema degli acquedotti e modific la leva militare obbligatoria aumentandola in percentuale in ogni provincia; concesse la cittadinanza a un numero considerevole di persone; ricostitu il corpo dei pretoriani, la guardia scelta dellimperatore. E ampli il numero delle legioni, creandone tre nuove. Avvi poi la ricostruzione del Campidoglio e ledificazione del Tempio della Pace. Ma lopera pi grandiosa a cui mise mano fu il Colosseo, il cui nome deriva da unimponente statua in bronzo (alta 35 metri) eretta anni prima che rappresentava limperatore Nerone. Lanfiteatro flavio sarebbe stata la pi grande struttura mai realizzata (poteva ospitare da 50 mila a 87 mila spettatori) dedicata a spettacoli pubblici, dono del nuovo imperatore al suo popolo. Questopera fu inaugurata da

suo figlio Tito nell80 d.C. con uno spettacolo che dur quasi cento giorni. In politica estera annull lautonomia concessa da Nerone alla Grecia e concesse i diritti latini alla penisola iberica, annessa la regione della Commagene alla provincia romana della Siria e dovette dare il colpo di grazia agli ultimi ribelli giudei, rifugiatisi a Masada, una fortezza ritenuta inespugnabile sia per la sua posizione (a 400 metri di altezza e protetta da dirupi su due lati e da un pendio molto ripido sugli altri due) sia perch circondata da mura alte cinque metri e difese da una quaratina di torri. Vi si accedeva solo attraverso un sentiero. Masada era stata costruita da Erode il Grande nel I sec. a.C. e vi aveva eretto un meraviglioso palazzo reale. I romani assediarono la rocca per diversi mesi, ma nel frattempo costruirono una rampa (secondo la tecnica acquisita da Vespasiano e Tito) che doveva arrivare alla base delle mura e su cui poi elevarono una torre da cui sferrare lultimo defintivo attacco. Ma quando i legionari entrarono nella fortezza non incontrarono alcuna resistenza: tutti gli assediati (960 uomini) si erano dati la morte lun laltro pur di non cadere in mano ai romani. A quel punto la Giudea divenne una provincia e per controllare la situazione limperatore vi lasci due colonie di veterani a Emmaus e Cesarea. Vespasiano prese tante altre inizative indirizzate a sostenere soprattutto il lavoro di medici e insegnanti. Alla cultura e alla scienza dava infatti grande importanza. Istitu la prima cattedra pubblica di retorica che doveva modellare la futura classe manageriale legata ai valori tradizionali romani (detestava i modi effemminati e poco virili di alcuni giovani). Anche se comunemente Vespasiano venne considerato un uomo avaro e avido, di fatto stanzi continuamente grosse somme di denaro per avviare numerose opere pubbliche, tra cui anche cospicui finanziamenti per trasformare gli accampamenti lungo il confine, costantemente minacciato dalle popolazioni locali, in stanziamenti stabili in muratura. Da questi hanno poi avuto origine le citt europee. Vespasiano seppe ridare lustro e stabilit alla costruzione di Augusto, perpetuandone lo schema, ma tenendo anche conto dei mutati rapporti con le province. Egli - racconta Svetonio - fu semplice e clemente. Non nascose mai la modestia della propria origine, anzi frequentemente se ne glori..Toller con grandissima indulgenza la franchezza degli amici, le allusioni degli avvocati e larroganza dei filosofi. Fu a tal punto generoso chesenza serbare rancore n meditare vendette per offese e ostilit, fece maritare splendidamente la figlia del suo avversario Vitellio, fornendole anche la dote e larredamento di casa. Vespasiano fu un governante illuminato, amministratore capace, stratega lungimirante e comandante autorevole. Incarnava insomma tutte le caratteristiche del romano vecchio stile. Vespasiano mor ad Aquae Cutiliae (non lontano dal luogo dove era nato), nei pressi di Rieti, il 24 giugno del 79 d.C.. Colpito da forti dolori intestinali e attacchi febbrili, volle comunque alzarsi perch - disse - un imperatore doveva morire in piedi. Spir tra le braccia di coloro che lo sorreggevano. FONTI: Limperatore dalla umili origini di Pietro Nelli Vita dei Cesari di Svetonio Cristina Guerra Giornalista RAI TG1

14

LE MUMMIE DI TARIM

Mummia di un bimbo in tenera et, risalente al 1800-2000 a.C. Notare la bara a forma di imbarcazione

Le mummie di Tarim sono una serie di mummie scoperte negli anni 80, in Cina, nel bacino del Tarim, oggi Xinjiang, datate dal 4000 a.C al 200 d.C, con la particolarit che molte di queste hanno caratteri nord-europei. Let stimata delle mummie di circa 4 mila anni, ma ci che rende sconcertante il ritrovamento di questi corpi, sono i tratti somatici. Infatti tutte le mummie presentano lineamenti occidentali: pelle bianca e capelli biondi o rossi ondulati. La loro altezza varia dal 1,70 ai 2 metri e alcuni hanno la barba. La provenienza di questa misteriosa razza, che secondo gli scritti veniva dal pianeta Venere, ci ricorda la divinit maya, che port sapere e conoscenza, rappresentata nel Teschio di Cristallo ritrovato nel Belize nel 1927 da Anne Mitchell-Hedges; oppure legate al leggendario re Inca Viracocha, anchegli ricordato dagli Incas come il Dio dalla pelle bianca, con la barba rossa raffigurato sulla megalitica Porta del Sole sulle sponde del lago Titicaca in Bolivia. La cosa ancora pi stupefacente che, a detta di questi saggi, questo antico popolo venne dal cielo, discesi dalla grande Stella Bianca, nome che gli antichi Indiani e Tibetani

davano al pianeta Venere, ed avrebbero apportato agli abitanti del luogo notevoli conoscenze. Sullisola di Mu, situata nel Mar di Gobi, lantico popolo delle stelle si stanzi ed eresse una fortezza ed una citt collegata alla terraferma con gallerie sottomarine. La cosa potrebbe suonare come qualcosa di fantascientifico, se non fosse per alcune antiche carte celesti ritrovate nelle grotte del Bohistan che rappresentavano il cielo di circa 13 mila anni fa, con delle misteriose linee che collegavano la Terra con il pianeta Venere. Una di queste mummie, nota come luomo di Yingpan, proviene appunto da una remota Xinjang, gli archeologi dellIstituto archeologico della Xinjiang, rinvennero il corpo mummificato aprendo una bara in un cimitero datato a 1900 anni orsono. Secondo i resoconti di scavo il corpo si presenta in buone

condizioni e sono distinguibili i capelli. Il seppellimento comprendeva anche stole di pelliccia e guanti di pelle, arricchito da tessuti e drappi... LUomo di Yingpan non ha solo una maschera funeraria composta da una lamina doro - una tradizione greca che copre un volto biondo e bar-

15

buto, ma indossa anche un tessuto dorato, ricamato in rosso e marrone che ricorda i disegni occidentali ed europei. Il suo corpo lungo circa 2,00 metri, il pi alto di tutte le mummie trovate fino ad ora, e gli indumenti ed i reperti scoperti nelle tombe circostanti suggeriscono il pi alto livello di civilt caucasica nella regione dellantico Bacino di Tarim. Il ritrovamento di unaltra mummia, proveniente dalla stessa regione chiamata la Bella di Loulan , una donna sui 35-40 anni, datata circa 1800 a.C. e del pi giovane ragazzo, di 3000 anni orsono, chiamato Uomo di Charchan sono leggendarie nel mondo dei circoli archeologici per il raffinato stato della loro preservazione e per la ricchezza di conoscenza che hanno portato alla ricerca moderna. Erano mummie naturali, non imbalsamate, e preservate di gran lunga meglio di qualsiasi altra trovata in Egitto, che hanno potuto evitare la decomposizione naturale per latmosfera asciutta e per il suolo alcalino del Bacino di Tarim. Corpi che hanno dato agli scienziati uno sguardo sulla loro biologia fisica e i loro vestiti e strumenti e rituali funebri hanno offerto agli storici uno sguardo sulla vita nellEt del Bronzo. Era un popolo di agricoltori, come dimostra la presenza di sementi nelle borse e avevano rapporti con popolazioni che vivevano sul mare, dato che sono state trovate numerose conchiglie di molluschi marini. Interessante un copricapo a punta, con larghe falde, definito scherzosamente cappello della strega, indossato da una mummia di sesso femminile, risalente a circa 4000 anni fa: molto simile a certi copricapi usati dagli Sciti. Il materiale usato per i vestiti la lana, che fu introdotta in Oriente dallOccidente. Il popolo delle mummie conosceva bene larte della tessitura, non solo perch sono state trovate molte ruote da telaio, ma anche perch le stoffe rinvenute hanno una eccellente fattura. policromi, e arazzi. Lesperta di tessuti, Irene Good, ha identificato tra essi il pi antico cachemire mai trovato. Il motivo della losanga era inserito nella stoffa in varie forme ed occorreva unaccuratissima progettazione della tessitura per ottenere la precisione ottimale. Precedentemente queste tecniche si credeva fossero nate in Egitto, verso il 1500 a.C. Gli uomini e le donne di Cherchen tessevano anche una striscia con un motivo decorativo che in Giappone conosciuta con il nome di Kumihimo, e gli esperti ipotizzano che questa gente fosse giunta o avesse avuto contatti anche con il Giappone. Fa riflettere il fatto che Madame Helena Petrova Blavatsky (madre della Teosofia) nel suo libro La dottrina segreta parla diffusamente di come nel bacino del Tarim in luoghi desertici, ove nessun europeo moderno ha mai messo piede, esistono gallerie segrete nelle quali sono contenute, al sicuro, immense biblioteche nelle quali sono conservati migliaia di preziosi volumi riguardanti lantica Dottrina Segreta: una forma di religione universalmente diffusa nel mondo. Tale scienza occulta stata celata e momentaneamente perduta per il profano in quanto, se svelata ad una moltitudine impreparata, sarebbe estremamente pericolosa. Quando si sent parlare la prima volta della Terra cava e delle Gallerie sotterranee, si pensava che tutto ci fossero solo delle leggende; poi si venne a saQuesta popolazione oltre ad essere in grado di fabbricare il feltro, produceva la tessitura di tessuti sofisticati spinati, disegni pere delle scoperte fatte dai primi esploratori che, dopo aver avuto un incontro con un Lama in Tibet, affermarono di aver viLa celebre La bella di Loulan: una donna sui 35-40 anni, in ottimo stato e la ricostruzione artistica di come appariva in vita

16

strana luminescenza verde e che queste cavit si dirigevano in direzione del Caucaso. Dalle pitture e dalle ossa trovate pensarono che si trattasse di grotte preistoriche ma, dopo averle analizzate, la sorpresa fu grande: si trattava di ossa ancora pi antiche. I racconti dei vecchi esploratori avventurieri affermavano che alcuni uomini entrati nelle gallerie del Regno di Agharti videro questa luce verde e non fecero pi ritorno. In alcune di queste gallerie sono stati scoperti oggetti di ceramica e vetro contenenti ciascuno una goccia di mercurio. Secondo gli antichi scritti indiani questo metallo liquido serviva da combustibile per i mitici Vimana, le antiche macchine volanti che si ritiene siano ancora oggi celati nelle caverne del regno sotterraneo di Agharti. Lo stesso testo indiano narra con il tuono possente della sua rapida discesa da insondabili altezze... apparve il carro dei Figli del Fuoco dei Signori venuti dalla Stella Splendente. Esso si ferm sopra lIsola bianca del Mar di Gobi. Tempo dopo si scopr che questa rete di tunnel arrivava a piccole piazze da cui partivano condotti che si congiungevano con le gallerie sotterranee del deserto del Gobi. E forse qui si collegherebbero alle isole del Pacifico. E purtroppo fino ad oggi nessuno ancora riuscito a vederle. Esistono reti di gallerie anche in Per che collegherebbero Lima a Cuzco fino ad arrivare in Bolivia e probabilmente fino al Titicaca. sto una delle entrate di colossali gallerie. Solo negli Anni Settanta con il grande ricercatore scientifico italiano Peter Kolosimo si inizia a divulgare la scoperta della Terra Cava e dei mondi sotterranei e, dopo molti ritrovamenti, si ebbe la conferma che ormai non si trattava solo di miti. Dopo il rinvenimento poi delle mummie bianche del Takla Makan, anche le storie raccontate dalle popolazioni dellAsia centrale trovarono conferma, poich come raccontavano le antiche scritture, fu proprio questa gente a scavare queste enormi gallerie. Fu un gruppo di esploratori, per lesattezza russi, ad individuare il cosiddetto pozzo senza fondo, che faceva parte di un estesa rete di grotte situate in Azerbaigian. Da tempo salivano da quella cavit urla, tonfi e rumori strani. Una volta scesi nel suo interno i ricercatori notarono unaLingresso di una piccola galleria in Per, a Sacsahuaman

Qui sarebbero ancora nascosti i tesori degli Incas massacrati dai Conquistadores spagnoli. Di gallerie ce ne sono altre, nelle Hawaii e in tutta lOceania e qui continuano sotto il fondo delloceano; una specie di metropolitana mondiale che forse rappresenta lessenza stessa del regno di Agharti e di quello, in superficie, della mitica Mu. M.P .

17

CALPURNIA MOG

Una delle epoche pi straordinarie e meravigliose della storia certamente quella dellImpero Romano. Roma padrona del mondo era diventata lespressione delle ricchezze pi abbaglianti, delle forme pi fastose. La ricchezza dei nobili sorpassava ogni idea. Piatti doro e dargento, con gemme incastonate, ornavano le mense. I cuscini erano imbottiti con piume di cigno, in terra si calpestavano mosaici dei quali uno solo basterebbe oggi a dare pregio ad un museo. La moltitudine degli schiavi, al servizio del padrone, era immensa: dai servi ai mimi, ai gladiatori ai librai che ricopiavano dai grammatici che correggevano i libri, dagli schiavi portatori di lettighe, alle addette alla cosmesi della signora. Tutto questo mentre i ricchi si beavano in ozi nei teatri e nelle terme, portando in mano una palla di cristallo per non sudare e mutando gli anelli preziosi secondo la stagione. Notevole era lo sfoggio delle gemme ed in particolare delle perle per le quali si spendevano interi patrimoni. Le cronache dellepoca raccontano che limperatrice Lollia Paolina spese, per comparire ad un banchetto, otto milioni di sesterzi in perle orientali. Anche gli uomini non erano da meno: Nerone le faceva utilizzare per decorare il suo letto e Caligola le prore delle navi, arrivando a pagare per una sola perla sei milioni di sesterzi. Lo sfoggio di splendidi fabbricati e giardini andava crescendo alla pari del lusso profuso per ogni cosa ricercata e costosa. La mania dei profumi era arrivata al furore: venivano bruciati nei funerali, si facevano scorrere quelli balsamici nei giardini e sulle scene, si mescevano al vino e allolio delle lampade, se ne profumavano i vessilli nei giorni solenni e si aggiungevano nellacqua delle piscine e nelle caldaie. Le arti della Grecia, trapiantate nel Lazio, erano diventate latine. In mezzo a tanta ricchezza e potenza traboccavano smisurate ambizioni, libertinaggio sfrenato,

profusione per ogni cosa rara e preziosa compresi i vasi pi pregiati che provenivano da Corinto e da Nola. Le matrone andavano con le loro figlie alle veglie di Venere nel mese di aprile e per tre notti consecutive le giovani si esibivano in cori. A Roma la cerimonia delle nozze avveniva sempre in grande pompa: quella di Calpurnia si celebr di notte, rischiarata dal chiarore delle torce che illuminavano la giovane sposa portata a casa del marito. Era vestita con una tunica bianca di lana e una ghirlanda di fiori freschi sul capo con il volto coperto da un velo giallo. In mano una corona di fiori, erbe e verbene, insieme ad una rocca ed un fuso, simbolo del ruolo di madre di famiglia che andava ad assumere. Il matrimonio tra Cesare e Calpurnia fu stabilito dal padre di lei Calpurnio Pisone, uomo consolare che rivestiva cariche importanti nella pubblica amministrazione, che laveva cresciuta, fra le pareti domestiche, con la fama di saggia e gentile fanciulla. Lo sposo, il quarantenne Giulio Cesare, era luomo pi popolare di Roma; lei, quattordicenne, varc la porta attenta a non sfiorarne la soglia per non offendere i Lari, numi protettori della casa. Lo sposo le si fece incontro presentandole unurna di acqua ed un tizzone acceso: rito con il quale si intendeva la nuova moglie ammessa al comune uso dellacqua e del fuoco, e cio alla comunione della vita. Quarta moglie: prima di lei Cesare aveva impalmato la ricca ereditiera Cossuzia, poi Cornelia di Cinna e Pompea, figlia di Quinto Pompeo Rufo, che lo conquist per la sua rara avvenenza. Ma per poco. Per il cuore di suo marito, dominato dallambizione, non cera posto per un durevole amore. Cesare, da generale esperto, intrepido soldato, bramoso di grandezza e desideroso di accrescere il suo prestigio, si fece assegnare il governo delle Gallie, dove vi trascorse nove anni.

18

GLIE DI CESAREMorte di cesare

Prese dassalto 800 citt, assoggett 300 popoli diversi, combatt e vinse tre milioni di uomini. La sua gloria non aveva pari. Rientrato a Roma, Cesare rivede Calpurnia dopo anni di lontananza. Ma il loro incontro sar di breve durata. Il condottiero decise di inseguire il triumviro Pompeo in Egitto, ma qui conquistato dai vezzi della bellissima regina Cleopatra, nel fiore degli anni e maestra in tutte le arti della seduzione. Folgorato da un amore che fu il pi forte della sua vita, rimase nove mesi ad Alessandria, immerso nella volutt e nella passione, dimenticando la moglie, Roma, lambizione per limpero e i nemici. La loro storia sar fonte di amaCesare Augusto rezze per Calpurnia anche quando sapr che la regina dEgitto ospitata da Cesare, a Roma, nei suoi giardini presso il Tevere. Pazzo damore, Cesare non tent pi di nascondere la sua storia con Cleopatra e quasi divinizzando il suo adulterio, fece collocare la statua dellamante in un tempio di Venere. Calpurnia pur continuando ad amare, soffrendo per questo condottiero che non poteva trovare la sua soddisfazione nelle dolcezze domestiche, dette prova di incomparabile saggezza di fronte

a tanta mortificazione e fu ammirata per la forza che dimostr nella sventura. Il popolo tribut a lei titoli ed onori riconoscendola come imperatrice, moglie di Cesare Augusto. Si diffuse la voce che Cesare volesse sposare lEgiziana, stabilire in oriente la sede dellImpero e far regnare Cleopatra sopra i Romani. I patrizi non potendo tollerare che si concentrasse su di lui tutto il potere, del quale ognuno di essi pretendeva una parte, ne decretarono la morte. La sua fine fu annunciata da un sogno a Calpurnia che impaurita e suffragata dai cattivi auspici degli uguri lo implor quella mattina di restare a casa. Sordo alle sue richieste e alle predizioni di un indovino che gli raccomandava di guardarsi dagli idi di marzo, usc e fu assassinato, con 23 pugnalate da Cassio e Marco Bruto. La morte di Cesare fer il cuoCleopatra re di Calpurnia con un dolore che non ammetteva conforti. Da quel momento allontan da se tutti i piaceri della vita passando il resto dei suoi giorni nella casa di Marco Antonio, amico fidato di suo marito. A lui stesso diede facolt di disporre di tutte le ricchezze che possedeva, perch servissero a vendicare la morte dello sposo.

Costanza Cerioli

19

IMMAGINI DI UNcasa Savoia. Lesposizione Universale del 1888 vede sorgere la Torre Eiffel e Monet, Renoir e Degas fissano sulle tele limmagine di quella societ che anim il favoloso palcoscenico della mondanit. Da Parigi arrivano le prime corse automobilistiche, il mondo arricchito dallebbrezza della velocit e la moda, di conseguenza, si adegua alle dinamiche attivit sportive senza rinunciare alle prerogative di una sfolgorante femminilit. La borghesia frequenta le Capannelle e le nobili signore con la Visite, guarnita di chiffon di seta e il vasto collare rialzato alla Stuarda, inalberano deliziose creazioni di modiste parigine. La tendenza al particolare ricercato accomuna Parigi e Roma e pi che mai le due Citt si identificano nelle cronache mondane della societ elegante, con le ultime novit sfoggiate nei fastosi ricevimenti. Verso la fine dell800 la linea degli abiti sembr accentuarsi in eccentriche esuberanze, dalla svolazzante farfalla delle maniche sempre pi gonfie degli enormi en gigot, alle gonne sempre pi arricchite da sofisticate ondulazioni, guarnizioni di pizzo e sontuosi ricami in canutiglie. Le proposte per gli abiti da passeggio, le cerimonie ufficiali, i tableau vivent, erano inscindibili dai cappelli a larga falda ornati di nastri, piume, uccelli e fiori di ogni genere giunti, come ultima novit, da Parigi. Per le visite era consigliato labito-tailleur, di linea aderente in pesante raso, con un grosso pouf posteriore e ciuffi di pieghe che si aprono a ventaglio sulle maniche e nel profilo della gonna. Impregnato di aristocratica ricercatezza lo strascico a coda di pavone, secondo la vistosa foggia di fine Ottocento, conferisce maestosit alla figura. Se il diadema era imprescindibile nelle feste di corte; alle udienze del Papa un cerimoniale rigoroso prevedeva per le grandi Dame cattoliche abiti rigorosamente neri e preziosi pizzi bianchi di Bruge, Alenon o Chantilly sui capelli. La necessit di ricorrere alle creazioni parigine era motivata spesso dallassenza di una creativit nazionale e dalla carente industrializzazione del prodotto moda. Per coprire questa lacuna nel 1814 due giornalisti milanesi, i coniugi Lattanzi, attraverso Il corriere della Dame si mossero contro lacquie-

Roma Capitale il 23 gennaio del 1871 e la Regina Margherita anima il Quirinale con ricevimenti, fa salotto con intenti intellettuali, da un ballo lultimo mercoled di ogni mese, donando alle illustri ospiti un carnet con una M in oro. Sua Maest avvolta nei 15 giri di perle, dono di Umberto, - uno, si dice, per ogni trasgressione del Re - diventa ben presto punto di riferimento sia per la creazione di una nuova vita di corte, sia come prima donna della vita elegante italiana. NellIllustrazione Italiana del 13 maggio 1883 si legge che la regina saluta come nessunaltra sa salutare, ringrazia con quei lenti e nobili inchini che sono una delle sue grazie regali. Ma si leggono anche curiosit che raccontano come la carrozza reale si fermasse spesso in via San Massimo 12, davanti alla bottega IRAC di Nicolao Perone, fabbricante di pomate, saponette, acque dodore, perch la regina Margherita facesse i suoi acquisti. Il laboratorio di cosmesi, fondato a Torino nel 1804, fu autorizzato gi nel 1819 a fregiarsi dei simboli di fornitore della casa reale, e di quei tempi conserva tuttora la meravigliosa insegna in ferro dipinto ad olio, oggi all'interno del negozio, che riporta gli stemmi della casa reale e delle Province, la Catena dellAnnunziata e il motto di

20

NEPOCAmio di 1.000 lire per la migliore mannequin e 500 lire per il miglior figurino italiano. Su La Tribuna, DAnnunzio dedica ampio spazio alla descrizione delle migliori toilettes delle nobildonne romane che lo affascinano sia per la scelta dei colori che per gli accessori e i gioielli: Nella societ vi sono molte classi: le ricchissime che possono e debbono spendere generosamente; le agiate a cui concessa qualche soddisfazione di lusso; le impiegate che con raffinata civetteria danno risalto alle pi semplici stoffe; le operaie che si accontentano di una camicetta di cotone insaldata o di lanetta dai vivaci colori .Immagini di unepoca nei cui dagherrotipi, tra vestiti, pizzi e merletti si scopre, con stupore, una vita narrata col filo su stoffe e broccati. Segnano il tempo di uno stile del tutto tramontato.... Mara Parmegiani storica della modaLa Regina Margherita di Savoia

scenza della moda francese cominciando a pubblicare figurini italiani, pregando le lettrici di inviare modelli di loro creazione: che facciano conoscere a tutto il resto dellItalia il buon gusto delle loro mode. Milano diventer capitale delleditoria della moda con la pubblicazione delle riviste pi importanti tra cui Margherita intitolata alla Regina dItalia. La rivista, che costava 50 centesimi nella edizione economica, trover nella stessa Regina la massima adesione allitalianit della moda. E in ossequio alla sovrana le dame rinunceranno agli acquisti parigini, privilegiando le case di moda milanesi. Per la battaglia della moda italiana si impegn anche la giornalista Rosa Genoni che port i suoi modelli, ispirati alla pittura Cinquecentesca, alla Grande Esposizione Internazionale del Sempione aperta a Milano nel 1906. Nel 1909, sotto lAlto Patronato della Regina Margherita, si tenne nella Villa Reale di Milano unesposizione dedicata allArte dellEleganza moderna che promuoveva con abiti, pizzi, ricami, disegni, cappelli e biancheria, la creativit italiana. Fu bandito anche un concorso - una vera innovazione - con un pre-

21

LA POSTA DI CRAIGCaro Craig. Vorrei conoscere la differenza tra un sensitivo ed un mago. Maria V (AG) Cara Maria (AG) Per prima cosa sensitivi e maghi non sono dei medici e quindi se hai problemi di salute devi rivolgerti ad un dottore. Un mago lavora soprattutto convincendoti a comprare da lui degli oggetti e chiedendoti quindi del denaro. Nessuno di questi oggetti funziona! Un sensitivo pu leggere il tuo passato, presente e futuro. Deve essere capace di dirti cose che solo tu conosci della tua vita senza farti domande. Un sensitivo pu solo darti consigli su quello che riesce a vedere per te, una specie di guida spirituale. Ricorda che dopo la lettura di un sensitivo devi vivere la tua vita seguendo quello che senti e seguire i consigli del sensitivo solo come guida. Caro Craig, Spero di non essere di fastidio ma invoco il tuo aiuto, mi sento molto scoraggiata per via degli esami, ho paura di non farcela di non arrivare mai. vero ho sbagliato parecchie volte, l'errore pi grande stato quello di non studiare per parecchi anni, non avevo la serenit mentale per farlo causa altri problemi; adesso sono di nuovo tranquilla, ho ritrovato un certo equilibrio e sto inseguendo quello che il mio sogno: laurearmi e diventare avvocato. Ma mi sembra molto lontano e questo mi scoraggia molto e diventata quasi unossessione ed ho paura di commettere qualche altro errore, puoi dirmi se ce la far e come affrontare eventuali ostacoli che mi si presenteranno? Il mio obbiettivo quello di laurearmi entro aprile 2010, tu pensi che ci riuscir? Se vorrai rispondermi mi farai felice almeno so come orientarmi perch in questo momento da sola non ci sto riuscendo, ho bisogno di una persona che mi guidi, mi orienti, per evitare di cadere in ulteriori errori. Di te mi fido molto, ti ritengo una persona davvero speciale, con un dono grande. In questo periodo sto pregando molto, sento che mi fa stare bene e mi da conforto. Spero di non essere stata invadente, rispondi solo se ne avrai voglia,ti ringrazio comunque. Un abbraccio e saluti Assunta Cara Assunta, ho sempre tempo per chi ha bisogno di consigli. Tutti commettiamo degli errori nella vita, nessuno perfetto. Tu sai che la strada che hai scelto non semplice e che devi studiare molto, sono sicuro che terminerai i tuoi studi, ma ti vedo pi a tuo agio nellinsegnamento e nel lavoro con bambini piccoli. Stai cercando una storia damore che non hai ancora trovato. Sento che ti comporti cos perch senti la mancanza di tuo padre. Per questo cerchi il suo amore negli uomini che incontri. Hai paura di restare da sola ed la solitudine che ti fa sentire irritata con te stessa ogni tanto. Il 2010 sar un buon anno per te, vedo anche un lavoro part time in cui incontrerai nuovi amici. Sei una persona che ha bisogno di molte attenzioni. necessario che tu cominci a curare la tua alimentazione perch sento un calo di energie. Guardati allo specchio ed incomincia ad apprezzare la tua immagine: sarai felice solo quando avrai trovato te stessa e saprai che cosa vuoi veramente. Nel Luglio 2010 incontrerai anche un nuovo amore e guardando indietro penserai che tutta questa sofferenza ti sar servita per crescere. Caro Craig. Possiedo una mia attivit e vorrei sapere se questo un buon momento per vendere ed iniziare un nuovo progetto e se il mio migliore amico Nicole veramente onesto con me? Pietro Caro Pietro Tu sai che il tuo amico Nicole non onesto con te e che giunto il momento di conoscere nuovi amici. Questo non il momento giusto per vendere la tua attivit per cominciarne unaltra: aspetta fino al 2011 e poi vendi. Il progetto che hai in mente andr bene, ma devi ancora incontrare le persone giuste per farlo decollare. Sei molto confuso al momento, quindi molto importante vedere che cosa sta succedendo nella tua vita privata. Devi ritrovare te stesso e tornare ad essere felice come un anno fa. il momento giusto per chiudere una relazione che non sta andando da nessuna parte. Stai perdendo tempo e denaro con una persona che non ti ama. Hai paura di rimanere solo, ma devi restare solo perch arriver per novembre una nuova relazione. Sei molto insicuro, ma cerca di trovare la forza di mettere te stesso al primo posto. Caro Craig, Ho 27 anni e tre anni fa avevo una relazione con una ragazza che si chiama Antonella. Adesso ritornata da me e vorrebbe riprendere dal punto in cui avevamo interrotto. Che cosa puoi dirmi di questa storia? Vorrei anche sapere se dovrei pensare a vivere e lavorare in unaltra nazione. Vincenzo (Roma) Caro Vincenzo. Sento che meglio non tornare indietro e ricominciare questa vecchia relazione perch durerebbe solo alcuni mesi e poi ricomincerebbero tutti I problemi che avete avuto in passato. Antonella ti ha fatto soffrire ed hai impiegato del tempo per rimetterti in piedi. Inoltre la tua famiglia ti ha aiutato a superare quel brutto periodo e non sarebbe contenta di saperti di nuovo con lei. Stai pensando di andare allestero solo perch hai paura di soffrire ancora. Nel 2010 incontrerai un vero amore ad una festa di amici. Lei indosser un vestito blu con scarpe argentate. Sento anche che quella sera lei cercher le sue chiavi nella borsa e tu ti offrirai di aiutarla. Gli ultimi 4 mesi non sono stati facili per te ed ora tempo di cambiare. Buona fortuna. Caro Craig, Mi sono addestrata come sensitiva per due anni, ma potresti dirmi come potrei diventare un detective sensitivo? Trisha (London) Cara Trisha Non facile e ci vogliono anni di esperienza. Se ti sei addestrata come sensitiva ed hai fatto pratica su familiari ed amici, per continuare prendi un quotidiano e scegli una storia su cui poterti mettere alla prova. Scrivi quello che senti e vedi, prendi nota di tempi e date. Poi, quando la storia si sar risolta controlla se eri stata corretta. Ricorda che essere un detective sensitivo comporta una grande responsabilit e sarai messa alla prova dalla polizia o da coloro per i quali lavorerai. Il mio consiglio quello di dire sempre la verit e di non trovare per forza una soluzione solo perch vuoi diventare famosa come sensitiva. Caro Craig. possibile che la mia automobile usata infestata dalla presenza del suo precedente proprietario? A volte mentre guido sento che c qualcuno seduto vicino a me. Mio marito ha visto il viso di una donna nello specchietto e non vuole pi entrare nellautomobile. Vuole che io la venda e ne compri unaltra. Simonetta. Cara Simonetta S, possibile che fantasmi infestino quello che hanno posseduto. Ti suggerisco di far benedire la tua automobile e tutto andr a posto. Questo fantasma non vuole nuocere n a te n a tuo marito. Guarda la faccenda da questo punto di vista, ma puoi anche chiedere a tuo marito una nuova automobile. In 1959, Mabel Chinnery era a bordo della sua auto e quando si fatto fotografare rimasto stupito nel vedere sua madre morta seduta nel sedile posteriore dell'automobile.

Caro Craig. Ho lopportunit di lavorare ad uno di due progetti. Puoi consigliarmi quale? Il numero 1 o il numero 2? Peter (New York) Caro Peter , Sento pi adatto il numero 2, sembra pi positivo. Dovrai lavorare duramente e trovare buoni investimenti. Ci vorranno circa due anni per raccogliere i frutti di questo lavoro. Vedo che devi spostarti molto con lautomobile quindi ti consiglio di affittare una casa pi vicina al tuo posto di lavoro dopo i primi 6 mesi. Il progetto numero uno pi facile, ma ti farebbe guadagnare di meno e ti stresserebbe di pi.

22

UNA SOCIET PU ESSERE MALATA ?Lappello lanciato dal Cardinale Tettamanzi a psichiatri e psicologi, perch mettano gratuitamente parte del loro tempo a disposizione di chi soffre, rappresenta un vera novit nei rapporti fra la Chiesa, che da due millenni si occupa delle nostre anime, ed i professionisti della psiche, che di questultima si prendono cura da poco meno di due secoli. Quanto affermato, da un lato gratifica il lavoro di tutti noi e dallaltro pone un problema di urgenza della revisione della Legge nicomi ), doveva riformare tutto il percorso dellassistenza psichiatrica in Italia, invece non se fatto pi nulla, e lunico risultato stato quello di abolire la patologia psichiatrica e psicologica per Legge! I risultati, purtroppo, sono sotto gli occhi di tutti e non passa giorno che sui giornali non si leggano notizie di stragi famigliari

180, in cantiere da molti anni. La necessit riconosciuta dal Cardinale, di un supporto pi capillare per chi deve riuscire a superare momenti di crisi economica e sociale particolarmente duri, non pu, infatti, che essere condivisa da tutti gli operatori del settore, ma francamente, la sola carit cristiana di medici e psicologi, ai quali viene richiesto di: mettere qualche ora a disposizione gratuitamente o a prezzi calmierati non penso possa essere risolutiva. Quanto richiesto dal Cardinale, avviene gi, e sono molti i professionisti che partecipano ad associazioni di volontariato, dedicando gratuitamente il loro tempo. Il problema un altro: siccome vero che pi del 27 % degli Italiani ha sperimentato la depressione, come mai al comparto salute Mentale non vengono attribuiti fondi pi consistenti? Paradossalmente vi sono malattie definite rare che drenano (giustamente) contributi regionali ingenti ed hanno ottenuto esenzioni dal pagamento di visite e farmaci. I medicinali anti ansia invece no: sono a pagamento, cos come le psicoterapiea parte quelle effettuate nelle, largamente insufficienti, strutture territoriali. La Legge 180 ( quella che chiuse i ma-

originate dalla depressione, e dalla disperazione che ne consegue. E purtroppo il pi delle volte le vittime sono bambini. Si pu allora parlare di una emergenza psicologica, di una societ intera a rischio depressione? Purtroppo s. necessario, infatti, valorizzare il concetto di natura umana rispetto al significato convenzionale del termine: effettivamente, cos come luomo ha modificato il mondo che lo circonda, cos ha pensato di poter modificare anche se stesso, ma in particolari situazioni di crisi sta comprendendo che deve saper rispettare la propria natura intima non modificabile! La salute mentale un bene prezioso, e se una persona oppressa dal senso della propria debolezza e incapacit a superare condizioni esterne va aiutata, non certo meno di come lo Stato ha aiutato, e continua ad aiutare, banche e imprese in difficolt. Infatti, il rischio attuale che si aiutino solo i gruppi, e chi non integrato in un gruppo rischia di non essere protetto ne dal suo gruppo, n dai gruppi pi potenti, che abbiano introdotto misure di protezione per i gruppi pi deboli: insomma, chi tutela il singolo individuo? Solo noi psichiatri e psicologi? Pur ringraziando il Cardinale Tettamanzi per la graditissima stima, mi sembra come voler svuotare il mare con un secchiello.

Isabella De Martini Docente di Psicologia Clinica Universit di Genova

23

Luomo chiede al travestito lattenzione che gli negata dal partnertorio di competizione e narcisismo, oggi pi presente che in passato. Chi si rivolge ai transessuali non per gay: un omosessuale ricerca un vero uomo, non quel surrogato di donna che , invece, il transessuale; come sappiamo bene, i clienti dei trans sono insospettabili: fidanzati o mariti esemplari! Un numero sempre pi grande di mariti-fidanzati-amanti, magari gi figli frustrati, appare arcistufo di cimentarsi con langosciante ansia di perfezione cui tendono le loro partner, anche nel lavoro, che peraltro non lascia spazio ai tempi dellamore. Questi uomini sono sopraffatti da: diete improbabili, lifting, ginnastiche orientali, che dovrebbero rendere le loro compagne sempre pi irresistibili ed affascinanti, ma non certo per luiforse per gli altri. E cos molti mariti si ritrovano sullorlo di una crisi di nervi , quasi snobbati, da donne un p troppo narcise; e quando desiderano essere capiti, e soddisfatti sessualmente, ritengono troppo ardua la ricerca, sul mercato, di una delle sempre pi rare vere donne, e si rivolgono ad un loro surrogato: il transessuale. In un loro simile, travestito da donna, sperano di ricevere, anche se a pagamento, un p di quella attenzione negata dalla compagna-moglie-fidanzata. Il marito-fidanzato-amante ha bisogno della presenza e dellaiuto costante di una figura di attaccamento: cio di una partner disponibile. Nella mia professione di neuropsichiatra ascolto numerosi racconti di uomini, trascurati dalle loro donne, che, in cerca di unoasi di piacere e relax, riferiscono di ottenere molta pi tenerezza dai trans, che non dalle prostitute, donne a tutti gli effetti. I transessuali, infatti, sono persone che devono lottare per essere riconosciuti per ci che non sono, ma che vorrebbero essere, e, quindi, sono generosi di attenzioni, e non solo di sesso, nei confronti dei loro clienti, per dimostrare la loro natura femminile, accudente. Quanto sta accadendo dovrebbe suonare da campanello di allarme per tutte le donne che utilizzano fascino e tenerezza solo nel momento della conquista del partner, e si dimenticano che, per non fare naufragare un rapporto, necessario coltivarlo ogni giorno, magari sottraendo un p di tempo a parrucchiere, ginnastica e dieta, altrimenti, il rischio questo: fra i gay in aumento, la proporzione donna-uomo a sfavore delle prime, mariti che frequentano uomini che scimmiottano le donnelo spazio per la vita affettiva, e sessuale, di tutte sar ridottoe saranno sempre pi affollate le sale di attesa di chirurghi plastici e dietologi.

Il vertiginoso aumento del numero dei cosiddetti transessuali, e dei loro clienti, famosi, e non, pone a tutti una semplicissima domanda: perch? Che cosa pu spingere un uomo, sposato o fidanzato, a cercare affetto e soddisfazione in un altro uomo, travestito da donna? Tutti noi, per ottenere il soddisfacimento, mettiamo in essere unattivit primaria, ed un processo secondario. La ricerca primaria passa attraverso il ricordo di episodi che risalgono allinfanzia e alladolescenza: se tali ricordi sono positivi, lindividuo vi si identificher. Al contrario, il processo secondario nasce quando la ricerca di soddisfacimento conduce allesperienza di dispiacere. La delusione che ne consegue porter a cercare appagamento in situazioni diverse,o opposte diametralmente a quelle che hanno generato sofferenza, e frustrazione. Quindi, se i ricordi del rapporto con la propria madre, e i rapporti con lattuale compagna, non sono proprio idilliaci, luomo tender a cercare soluzioni sessuali alternative, anche al di fuori del periodo adolescenziale. Ci avviene soprattutto quando egli si sente minacciato da un reper-

Isabella De Martini Neuropsichiatra - Docente di Psicologia clinica Universit di Genova

24

SELEZIONE INNATURALE:

pillola anticoncezionale altera la scelta del partnerLa pillola anticoncezionale non solo permette alle donne di controllare la loro fertilit, ma va oltre i suoi compiti influenzandole nella scelta del partner. E le influenza cos tanto da cambiare i loro gusti in fatto di uomini. Lo rivela un recente studio pubblicato su Trends in Ecology and Evolution condotto, insieme a Virpi Lummaa, da Alexandra Alvergne ricercatrice al Department of Animal and Plant Sciences allUniversit di Sheffield, che afferma: ''lalterazione del ciclo ormonale pu alterare nelle donne anche quei parametri che, fino ad allora, avevano reso ai loro occhi gli uomini pi o meno attraenti. Ma limpatto non solo al femminile anche negli uomini c il contraccolpo: la pillola anticoncezionale pu influenzare il grado seduttivo femminile e cambiare lappeal che le donne hanno sugli uomini. Secondo la ricerca, lequilibrio ormonale indotto dalla pillola stabile, assomiglia a quello che si ha in gravidanza, e manca delle naturali fluttuazioni che si hanno prima e dopo lovulazione. In quei pochi giorni la donna fertile attratta dagli uomini con tendenza alla dominanza e alla competizione con gli altri maschi e geneticamente pi dissimili da loro stesse, e grazie a cambiamenti fisici, psicologici, comportamentali e percettivi legati allovulazione, viene percepita come pi attraente dallaltro sesso. Molti studi, infatti, hanno mostrato che gli uomini fiutano il momento dellovulazione preferendo le donne in questo stato. Da parte loro, in quei giorni, le donne cercano uomini geneticamente diverso da loro stesse con cui potersi accoppiare in modo vantaggioso per la procreazione. Sotto leffetto della pillola, per, le cose cambiano le donne non mostrano particolare attrazione per partner geneticamente diversi, perdono la grinta e quel particolare fascino dato dallovulazione e combattono di meno, delle donne con ciclo mestruale normale, per trattenere il partner e per accoppiarsi con successo ai fini del concepimento. Secondo Virpi Lummaa il problema di fondo se luso dei contraccettivi orali possa avere conseguenze a lungo termine sulla capacit di riprodursi. Se cos fosse - dice - ci sarebbero implicazioni sia per lattuale che per le successive generazioni, e questo richiederebbe ulteriori e pi approfonditi studi.

Rita Lena

25

La Radioterapia contro il dolore inutileNel mese di giugno 2008, allinterno del Reparto di Radioterapia dellAzienda Ospedaliera San Filippo Neri, ha iniziato la sua attivit lAmbulatorio di Radioterapia Sintomatica Rapida fortemente voluto e sostenuto dalla Direzione Generale per garantire una rapida risposta in termini di visita e di trattamento radiante ai pazienti oncologici che necessitino di una radioterapia con lobiettivo di contrastare i sintomi della malattia in particolare il dolore, pi che la patologia in s. Lattivazione dellambulatorio si inserisce nella strategia che lAzienda Ospedaliera San Filippo Neri sta portando avanti nel campo del controllo del dolore, espresso in tutti, i campi dalla pediatria, alle chirurgie, dalle medicine alloncologia, anche attraverso listituzione nel novembre 2007 del Comitato Ospedale Senza Dolore e la realizzazione di corsi di formazione specifica per il personale medico e infermieristico. La Radioterapia, con poche sedute, in grado di controllare i sintomi legati al tumore primitivo o alle sue metastasi. Il trattamento radiante appare particolarmente utile ed efficace nei pazienti con lesioni ossee dolenti, lesioni encefaliche, sintomi da compressione (difficolt a respirare o deglutire), sanguinamenti causati da neoplasie bronchiali, vescico-prostatiche e ginecologiche. Nei pazienti affetti da metastasi ossee possibile ottenere una significativa e rapida riduzione del dolore e prevenire le complicanze pi pesanti sulla qualit di vita del paziente e sulla prognosi, quali le fratrio ad hoc - spiega la Dott.ssa M. Alessandra Mirri direttore della Radioterapia stato quello di creare una corsia preferenziale per consentire a pazienti oncologici, in fase avanzata di malattia con necessit di radioterapia sintomatica, di essere visitati e iniziare il trattamento, ove indicato, entro 7-10 giorni. In dodici mesi di attivit nellAmbulatorio di Radioterapia Sintomatica Rapida sono stati visitati e trattati oltre 200 pazienti oncologici con malattia avanzata per dolori o sintomi con ripercussione negativa sulla qualit della vita ottenendo un miglioramento nell80% dei casi con possibilit di ridurre o sospendere i farmaci analgesici. Lefficacia antalgica stata, in accordo con i dati della letteratura, equivalente a quella di trattamenti pi prolungati con il vantaggio di poter trattare pi siti dolenti contemporaneamente, di poter ripetere il trattamento se necessario e soprattutto di una minore occupazione delle macchine con riduzione delle liste dattesa e dei costi. Costanza Cerioli Per Informazioni sullAmbulatorio di Radioterapia Sintomatica Rapida Dott.ssa M. Alessandra Mirri UOC di Radioterapia Azienda Ospedaliera San Filippo Neri Via G. Martinotti 20 - Roma Tel. 0633062603 /3969 Fax 0633062611

ture patologiche e le compressioni midollari. La riduzione del dolore, permette, inoltre, di ridurre il consumo di farmaci analgesici risparmiando al paziente fastidiosi effetti collaterali (stanchezza, stipsi, sonnolenza e alterazione dello stato di coscienza). Per raggiungere leffetto sul sintomo sono sufficienti cicli di radioterapia di breve durata con poche sedute (1-5) ad alta dose e con tecnica conformata, per ridurre al minimo gli effetti collaterali e avere la minore interferenza con eventuali ulteriori modalit terapeutiche. I trattamenti di radioterapia sintomatica, sebbene efficaci, rapidi ed economici, sono purtroppo spesso poco utilizzati a causa delle liste dattesa e della non omogenea distribuzione geografica dei centri di radioterapia nel territorio italiano e in particolare nel Lazio. Lobiettivo primario di questo Ambulato-

26

LE FORBICI TAGLIARE CON ARTENon si sa n dove n quando luomo forgi per la prima volta questo strumento. Gli archeologi hanno trovato in Francia cesoie risalenti al II secolo a.C. e dello stesso periodo sono quelle raffigurate su un bassorilievo di terracotta, rinvenuto ad Ostia, che rappresentano la bottega di un fabbro. Fra le rovine di Pompei sono state ritrovate cesoie le cui lame venivano successivamente saldate ai lati della molla. Il principio di funzionamento basato su di una leva di terForbici turche, in bronzo e rame del periodo intorno al 200 d.C. zo genere. di epoca romana la corporazione degli artigiani, protetta dalle Corti, preposta proprio alla fornitura di questo oggetto. Corporazione rappresentata iconograficamente sulla prima colonna nella cattedrale di Piacenza. Anche le forbici, come larchitettura e la moda subirono i mutamenti del costume e assunsero, con il prevalere dello stile Gotico, una valenza romantica. Diventarono oggetto di regalo e devozione allinnamoratipi di forbici usate per necessit domestiche, forbici per la tosatura delle pecore, da ricamo, da toilet, con manici ripiegabili, da carta. Interessanti: lo spegni moccolo con piedini di appoggio muniti di rotelle in ottone traforato e dorato; le forbici a forma di cicogna con manici mobili. Forbici da cucito e da carta, con manici riccamente decorati; da sarto in ferro forgiato con punzone di bottega; forbici da ricamo, con custodia e manici ad incastro - Persia secolo XVIII - e ancora da carta con manici ripiegabili o con iscrizioni su lame esterne. Nei Libri di bottega di Giordano di Guido Giordano, pubblicati e commentati da Giancarlo Baronti, la merce prodotta dal 1552 al 1562, risulta che la quantit di forbici superava di gran lunga ogni altro strumento tagliente, anche i colForbici del XVI secolo telli. Forbici e cesoie raggiungevano quasi la met dell'intera produzione, mentre laltra met era composta da coltelli (meno di un quarto del totale), temperatoi, forchette, astucci, coltelliere. Le forbici sono annotate con termini che riguardano essenzialmente le misure: forbicine, forbici mezzanine, mezzane, bastardine, bastarde. Costanza Cerioli

to: Tristano ne portava con se un paio donatele da Isotta. Il Rinascimento, con lamore per lo sfarzo e la ricercatezza, si ritrova anche nelle forbici che si ornano di complicati disegni, cesellature ed intarsi. Le pi belle forbici provengono da Venezia, Padova, Milano e Napoli. nel XIX secolo che in Italia si impongono per accuratezza e bellezza stilistica le forbici prodotte a Campobasso. Realizzate in grande quantit, fatte interamente a mano e quasi sempre da operaie. La fantasia dei creatori si sbizzarrita sulle forbici ed allora troviamo in mostra molti straordinari spegni moccolo, certamente i pi caratteristici fra i numerosi

28

LALBERO DELLE CASTAGNEDavanti allarco dingresso sul margine della strada cera un castagno, un solitario figlio del Sud che un pellegrino aveva riportato da Roma in tempi lontani. Un nobile castagno dal tronco vigoroso; la cerchia dei suoi rami si chinava dolcemente sopra la strada, respirava libera e ampia nel vento; in primavera quando intorno tutto era gi verde ed anche i noci mettevano gi le loro foglioline rossicce, esso si faceva attendere ancora a lungo e la luce irradiava, tra il fogliame, la sua fioritura esotica, di un verde bianchiccio e languido, dal profumo aspro ed intenso, pieno di richiami, quasi opprimente. In ottobre, quando laltra frutta era gi raccolta ed il vino nei tini, lasciava cadere al vento dautunno i frutti spinosi dalla corona ingiallita Con questa poetica descrizione dedicata al castagno, antica pianta mediterranea, inizia il romanzo Narciso e Boccardo di Hermann Hesse. Non sappiamo quale sia il luogo di origine della pianta; certo, che essa nota alluomo da tempi lontanissimi e che i Fenici abbiano contribuito alla sua diffusione. Attualmente la coltura del castagno diffusa in Italia, in Francia, Spagna, nelle Repubbliche della ex Jugoslavia, Portogallo e, spostandosi di qualche meridiano, anche in Cile, Giappone e Stati Uniti dAmerica. Lalbero del castagno pu raggiungere unaltezza fino a 35 metri, ma la media si attesta fra i 15 e i 20. Laccrescimento della pianta rapido fino al 60mo anno di et, dopo, la crescita non tanto in altezza quanto nel diametro del tronco. Il castagno cresce in collina, predilige i terreni soffici, freschi, permeabili, neutri e poco acidi, non sopportando lalcalinit. La temperatura ottimale compresa fra gli 8 e i 15 gradi. Il legno di castagno elastico, resistente, di durezza media, di buona lavorabilit, ma di poca compattezza. Resiste bene allasciutto o quando tenuto costantemente sottacqua. Ma per quanto importante possa essere il legno il frutto che sicuramente valorizza di pi la pianta. Le castagne sono un alimento ricco di amido e di zuccheri semplici, hanno un gradevole gusto e sono facili da digerire: sono un po come le ciliegie, una tira laltra. Di questa pianta si utilizza quasi tutto, infatti oltre la legno e al frutto, le foglie vengono usate nella medicina alternativa per ottenere un estratto fluido contro la pertosse. La pianta comincia a dare la massima produzione fra gli 80 e i 200 anni. Le variet di castagne note sono moltissime; basti pensare che solo in Italia se ne contano pi di trecento. Tuttavia, la distinzione fondamentale fra due gruppi: i marroni e le comuni castagne. I primi si presentano pi grandi, con forma ovale o a cuore e con una buccia molto chiara, si distinguono anche per il gusto che pi dolce e profumato rispetto alla comune castagna, che ha una pezzatura pi piccola e la buccia pi scura. Inoltre i marroni sono protetti da una sottile pellicina che pu essere asportata con facilit, operazione quasi impossibile con la castagna. Ma sicuramente lutilizzo alimentare che si ottiene da questo prodotto che lo rende importante. Le comuni castagne e i marroni sono state la fonte del principale sostentamento delle popolazioni montane, per questo il castagno veniva chiamato anche albero del pane. La farina ricavata dalla castagna si usava per fare il pane e la polenta. Oggi la farina utilizzata soprattutto per la preparazione dei dolci. La castagna si presta anche per la preparazione di ottime marmellate e per i decotti fatti con un bollito di mosciarelle castagne essiccate - per alleviare la tosse invernale. Ma indubbiamente al nome della castagna tutti associamo un bel cartoccio di caldarroste che in autunno vengono vendute agli angoli delle strade delle citt. Costanza Cerioli

29

Grande successo di pubblico e stampa al teatro Brancaccio di Roma per Eccoci qua con il gran variet, uno spettacolo scritto, diretto e coreografato da Alex La Rosa. Un viaggio che ripercorre la storia del Variet e del Cabaret dagli anni 20 al 2000, contornato da luci, musica e ballo. I due mattatori della serata, Alex La Rosa e Valentina Persia sono il filo conduttore dello spettacolo che vede impegnati altri nomi di rilievo artistico come Mattia Inverni (poeta Gringoire del Notre Dame de Paris), Gianluca Lanzillotta e Adriano Bettinelli (Amici 2009). Grande brindisi con lAsti spumante docg insieme e Christian De Sica, Carlo Verdone, Paolo Conticini, Franco Oppini ed altri amici vip. C.C.

Dalla Fundacin Gerardo Rueda di Madrid e dallInstitut Valencia dArt Modern di Valencia (Spagna) a Roma, ai Mercati di Traiano, sono esposte le opere di Gerardo Rueda, uno dei pi grandi artisti spagnoli contemporanei, cresciuto artisticamente negli inquieti e vitali decenni post bellici e scomparso nel 1996. Lesposizione organizzata dalla Fundacin Gerardo Rueda e promossa dallAssessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione - Sovraintendenza ai Beni Culturali, rimarr aperta fino al 22 novembre. Mercati di Traiano, Via IV Novembre, 94 C.C.

LA MEMORIA DELLA PITTURA ANTICA ALLE SCUDERIE DEL QUIRINALE La stagione autunnale si aperta alle Scuderie del Quirinale con una grande mostra dal titolo Roma. La Pittura e lImpero. Si scelto un tema importante per festeggiare i dieci anni di attivit espositiva di un luogo che rimane nel cuore di Roma e della storia dItalia. Da scuderie per la Fanteria papale, costruite assieme al resto del complesso del Quirinale nei primi decenni del 1700, continuano ad esercitare il loro fascino con le rassegne espositive che propongono. La mostra, inaugurata sotto lAlto Patronato del Presidente della Repubblica, visitabile fino al 17 gennaio 2010, propone oltre 100 esemplari tra affreschi, ritratti, decorazioni, fregi e vedute, realizzati in un periodo compreso tra il II secolo a.C. e il IV d.C.. La selezione delle opere, giunte dai principali musei del mondo, testimonia non solo il grande tesoro consegnato alla storia dagli scavi di Ercolano e Pompei, ma come afferma il curatore, professor Eugenio La Rocca: Lo scopo principale che si prefigge la mostra esaminare analiticamente singoli frammenti di affreschi, pitture su legno o su vetro, cercando di misurarne, in base alle tecniche artistiche, alle composizioni, ai soggetti, il livello formale cui era giunta la pittura nel mondo romano. La pittura romana fu particolarmente viva sotto il dominio di imperatori come Domiziano, Traiano, Adriano e Marco Aurelio. In mostra, artisti che non hanno nomi ridondanti, pittori che avevano raggiunto un livello altissimo di espressione. Il percorso espositivo si basa su criteri tematici e cronologici. Si possono ammirare le decorazioni delle grandi ville imperiali come La Farnesina di Roma e Boscotrecase, vicino Pompei; i paesaggi, scene mitologiche di vita quotidiana, nature morte. Decorazioni che hanno abbellito pareti con finte colonne, pilastri, cariatidi, aprendo spazi illusori. Paesaggi fantastici descritti da Plinio il Vecchio. La rassegna si chiude con una serie di ritratti che rivelano la grande padronanza raggiunta dagli artisti in pittura, in alcuni casi superando anche la scultura. Ritratti su legno, su lino, e bellissimi esemplari realizzati su vetro. Per Informazioni: Scuderie del Qurinale Via XXIV Maggio Roma Tel. 06 39967500 www.scuderiequirinale.it Nicoletta Di Benedetto

GLI SPIRITI MIMI APPRODANO AL MAURIZIO COSTANZO SHOWIl genio di un artista aborigeno e tutta la magia della tradizione sono state illustrate dal critino Luca Faccenda della National Gallery di Firenze. Laborigeno australiano Paddy Fordham Wainburranga, ritrae entit molto simili agli uomini - filiformi, abitanti delle rocce, custodi di una antica sapienza - che, anche se provocati, sono generalmente innocui ma possono divertirsi a giocare brutti scherzi, soprattutto per il fatto che sono invisibili. Larte di Fordham racconta in modo esclusivo la storia di queste speciali entit attraverso la tela grezza di cotone o la carta fatta a mano ottenuta dal fiocco del cotone, come supporto. C.C.

30

La RICETTA DEL MESE a cura di ROSANNA VAUDETTI CONDUTTRICE SU SKY DELLA DOMENICA DI ALICE

TORTA DI CASTAGNACCIOIngredienti: (dose per 4 persone) 400 g di Farina di castagne 1 pizzico di sale 3 cucchiai di uvetta 30 gr di gherigli di noci scorza di arancia 30 gr di pinoli 1 cucchiaio di aghi di rosmarino pepe 300 gr di ceci gi cotti Setacciare 400 grammi di farina dolce di castagne e metterla in una terrina. Stemperare la farina con acqua, quanto basta per ottenere un impasto piuttosto liquido. Mescolare bene e aggiungere 1 pizzico di sale, 3 cucchiai di uvetta, 30 grammi di gherigli di noci e la scorza grattugiata di 1 arancia. Amalgamare il tutto e versare limpasto in una tortiera rotonda con uno spessore massimo di 1,5-2 cm. Irrorare la superficie con un filo dolio e cospargerla con 30 grammi di pinoli e 1 cucchiaio di aghi di rosmarino. Mettere la tortiera nel forno ben caldo a 220 e lasciare cuocere per 35-40 minuti. Il castagnaccio sar pronto quando sulla superficie si sar formata una crosta croccante di color marrone scuro. SCORPIONEIl segno zodiacale dello Scorpione (23 ottobre 22 novembre) governato dal pianeta Marte; un segno di Acqua, per questo tutto gli si pu attribuire tranne la superficialit. Lo Scorpione considerato il pi sensuale dei segni dello zodiaco: laura di mistero e il fascino irresistibile che infonde negli altri sono i punti di forza che permettono ai rappresentanti di mietere vittime sulla loro strada. I nati del segno sono persone dal carattere interessante, intelligenti e affascinanti, vivono in un mondo tutto loro, difficile da comprendere ma intrigante se si riesce ad entrare in sintonia. Per questo, si trovano bene con persone calme, che sanno apprezzare e adulare il loro modo di pensare e vivere. Hanno una forte egostima e possono reagire eccessivamente se ritingono di essere stati offesi, ma sono anche dotati di un forte senso dell'umorismo che si basa soprattutto sulla dissacrazione dei luoghi comuni. I nati sotto il segno amano il rischio, infatti preferiscono sport basati sulla velocit come le corse di rally e tutti gli sport estremi. In amore sono passionali e molto gelosi, capaci di forti scenate, ma sono anche di perdonare senza portare rancore. Rappresentanti importanti dei nati nel segno sono: Franois Voltaire, Pablo Picasso, Indira Gandhi, Bill Gates, Jack Nicholson, Roberto Benigni e Alain Delon. Gli Scorpioni preferiscono: il colore viola; i preziosi come il Rubino e lAgata; tra i metalli il Ferro; e i fiori come lorchidea; il giorno favorevole il Marted. .Siderio

Hai unattivit e vuoi farti conoscere? Scegli il tuo spazio pubblicitario. Per informazioni: Tel. 06.4500746 - 335.6876151

31

MENICHELLIgioiellieri dal 1912VITERBO Corso Italia, 102/104 - Tel. 0761.345113 www.menichelli-gioielli.it

La stampa in movimento

Stampa LENTICOLARE

COLLEZIONE DIAMONDIVER Movimento Automatico con datario ore 3 Cassa in policarbonato trasparente Lunetta in acciaio con 140 diamanti carati 1,40 circa Vetro minerale Quadrante in madreperla con 8 diamanti Lancette Superluminova Cinturino in cordura idrorepellente Fibbia personalizzata Corona a vite impermeabile 50 metri

CARBONDIVER Movimento automatico con datario ore 3 Cassa in policarbonato nera Lunetta in acciaio girevole trattata in PVD nero Vetro minerale Quadrante in carbonio Lancette in Superluminova Cinturino cordura pelle Fibbia personalizzata Corona a vite impermeabile 50 metri

+39 0761. 304760 [email protected]