1985/86 - Sebastiano A. Patan¨ - Suites

download 1985/86 - Sebastiano A. Patan¨ - Suites

of 36

  • date post

    18-Mar-2016
  • Category

    Documents

  • view

    214
  • download

    0

Embed Size (px)

description

poesia d'amore

Transcript of 1985/86 - Sebastiano A. Patan¨ - Suites

  • Sebastiano A. Patan

    Suites

    Catania 2011

  • Propriet letteraria di

    Sebastiano A. Patan

    Catania 2011

  • Suites Catania 1985-86

  • Eclisse

    Sotto i feticci di fuoco

    danzano oscuri anagrammi.

    Luccellino, dal ramo, vola via spaventato.

  • Danza

    Cosa si muove

    dietro quelle labbra?

    (Si dondola nella culla

    una bambola di pezza).

    Dalla finestrella

    del mio cuore,

    un amore

    scruta il buio.

  • Morte

    da qui, dal presente,

    osservo luniverso

    Uno straniero bussa

    sulla mia spalla:

    - non mi cercare;

    verr puntuale.

  • Venere

    Silenziosi sciami di parole

    penetrano nel corpo.

    Si tramuta la ninfea,

    in fiore di carne bellissimo.

  • Vanit

    Mutato pesce,

    navigher dentro te,

    mare grandioso

    di umori assonnati,

    e seni e bocca

  • Miraggio

    Esplode luragano nellurlo disperato

    Tu sei la pace

    nascosta fra le edere.

  • Amica

    La pioggia lava

    le mie ferite;

    il vento asciuga

    il mio pianto.

    Acqua e vento

    mani e respiro

    amica e amore mio.

  • Paura

    Si macchia la sera

    di cupe ombre,

    mentre grida la civetta

    e fugge il topino.

    Sinsanguina il mio cuore dietro le tue palpebre chiuse.

  • Delusione

    Fugge la lucertola

    macchiata di dolore:

    Prendeva il sole

    dei tuoi occhi di muschio.

  • Sogno

    Scivolano folle

    lungo i marciapiedi,

    mi sembra, la citt,

    un immenso formicaio.

    Farfalle aggredite,

    non reagiamo pi,

    solo,

    ci teniamo per mano.

  • Passato

    Ogni notte, nel mio sogno,

    muoiono bambini,

    ogni notte.

  • Speranza

    Rovinano,

    i torrioni superbi,

    sopra candori di brina.

    Spunta, dallo zolfo fuso,

    una genziana.

  • Mutamenti

    Ieri il cielo accoglieva

    numerosi gabbiani.

    Allarga le tue ali

    albatros infinito

    e spazia dentro me.

  • Rinnovamento

    Sfugge la bocca

    il seno tormentato nel deserto appaiono

    numerose pianticelle.

    Vola la mantide

    verso nuove stelle.

  • Eco

    Nella tua rosa,

    si scioglie la mia vita.

  • Flussi di poesia

    Volano, cormorani di fuoco,

    verso nord, le mie parole,

    spiegano ali di vento

    e navigano controcorrente

    nel flusso di poesia

    che viene da te.

    Londra scorre sul Tamigi

    saturo di sogni

    e trascina verso il mare

    anche i tuoi desideri.

    Approderanno sul mio cuore

    i versi segreti e,

    mentre nel mondo

    si parla damore, io parler di te.

    18 luglio 1985

  • Sensazione

    La grande sfera del cielo

    dilaga dentro me,

    in un mistico vuoto

    di sabbia e mani

    25 giugno 1985

  • Sublimazione

    Pensieri sublimano in amore,

    senza parole, senza suoni,

    perch si sciolga

    nella tua bellezza

    la mia speranza.

    24 luglio 1985

  • La mia musa

    Dai fermenti

    di tanti amori

    ho tratto un seme,

    piantandolo,

    sei nata tu,

    fiore doceano, musa.

    Piccola, amore mio,

    non appassire pi.

    24 luglio 1985

  • Primavera

    Avevi colto dei fiori

    credendoli amore io ti curer le mani,

    ti toglier le spine

    e veglier il tuo sonno,

    finch verr primavera.

    24 luglio 1985

  • Canzone

    Si tendono le corde

    vibrando nene gitane Spalanca le tue braccia

    chitarra mia,

    io sono il tuo canto.

    24 luglio 1985

  • Morte verde

    Vibrano ancora corde antiche

    sfiorate dalla tua voce.

    Monsoni furiosi trascinano parole restano memorie, per

    a logorare i ritmi consueti,

    mentre si preparano, lontano,

    nuvole sature damore.

    Ebbene sono qui,

    ad attendere questa pioggia di dolore

    che inonder la mente di bellezze.

    Sono qui ad aspettarti

    danzatrice egoista, ad accettare

    ancora una volta,

    questa morte deliziosa

    tinta di verde e di sorrisi.

    1 dicembre 1985

  • #1 della sera (Tristezza)

    Sorgi ancora sole,

    e versami addosso unaltra menzogna. Lei non verr neanche stavolta

    a toccarmi le mani,

    non mi sveler il suo sorriso

    n il sospiro pi segreto.

    Forse, lontana da quel mondo di bambole,

    scoperta dalla luna,

    potr sfiorarmi, con la voce, lanima.

    Ma lontana primavera,

    ed il fiume, ansioso di noi,

    mi rivedr da solo

    a scaldarmi di bugie.

    Sorgi ancora sole,

    ma non sfiorarmi con altre illusioni,

    non mi sfiorare.

    2 dicembre 1985

  • Dedica (3)

    Seme di miele

    polline damore maturo, bella

    Ali di magnolia volano

    fra macchie dedera annegando gelosie

    con spruzzi di rose.

    Terra senza ortiche,

    cuore mio

    12 marzo 1986

  • Pi volte mi addormentai

    Pi volte annunci lalba, il gallo, pi volte mi addormentai.

    Ora,

    non gemono pi le mani piagate,

    n piange il cuore,

    solo, mi rimane

    un grande rimpianto,

    non aver seguito il sole

    nel suo giravolta spaziale.

    Pi volte divenni sogno

    e dolore poi.

    14 aprile 1986

  • Come remota aria

    Come remota aria

    respiro i tuoi occhi.

    Ritorna ululando

    il tempo trascorso,

    trascinando volti, volti, volti Poesia,

    girandola di sogni che ignoro.

    15 aprile 1986

  • Ripresa

    Allontanandosi,

    lo sguardo bianco dellinverno, si lascia dietro sassi.

    pozzanghere, desolazione.

    Nel cuore di ognuno

    si riprendono speranze

    ma gi le serpi del ricordo

    muovono la coda.

    Si legano al palo

    i cani della solitudine

    e da una fessura dellanima sapre una margherita.

    16 aprile 1986

  • La notte accende

    La notte accende

    i candelabri del cielo

    ed alladunata dei sogni, la luna detta le consegne.

    Febbricitanti, molte menti

    attenderanno invano.

    Non rinuncer al mio sogno stanotte,

    certo, ne afferrer qualcuno

    ed anche se non avr il tuo volto,

    avr il mio cuore.

    La quercia parla ad una stella,

    io, sono rimasto solo.

    6 maggio 1986

  • Indice

    Suite 1985-86

    Eclisse

    Danza

    Morte

    Venere

    Vanit

    Miraggio

    Amica

    Paura

    Delusione

    Sogno

    Passato

    Speranza

    Mutamenti

    Rinnovamento

    Eco

    Flussi di poesia

    Sensazioni

    Sublimazione

    La mia musa

    Primavera

    Canzone

    Morte verde

    Poesia n 1 della sera (tristezza)

    Dedica (3)

    Pi volte mi addormentai

  • Come remota aria

    Ripresa

    La notte accende

  • http://leviepoetiche.blogspot.com/