106 MILA CopIE E MAIL In EDICoLA - industriaefinanza.com · “Telepass Europeo” è facile e...

Click here to load reader

  • date post

    15-Feb-2019
  • Category

    Documents

  • view

    212
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of 106 MILA CopIE E MAIL In EDICoLA - industriaefinanza.com · “Telepass Europeo” è facile e...

106MILA CopIE E-MAIL In EDICoLA

Il quotidiano economico-finanziario del Nord Italia

VAI SUL SITO INDUSTRIAEFINANZA.COM E SEGUICI SU

VEnErD 6 AprILE 2018 - NUMERO 2060 ANNO 20 - QUOTIDIANO ONLINE, VIA FAX E IN EDICOLA - FONDATORE E DIRETTORE: AChILLE ottAVIAnIAUT. TRIB. DI VERONA N 41356 DEL 20/01/1997 - ALCOGRAM SRL - EDITORI DI RETE - VIA LEONE GAETANO PATUZZI, 5 - 37121 VERONA - TELEFONO 045591316 - FAX 0458020812 - E-MAIL: [email protected] - STAMPA IN PROPRIO - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

In AttESA DELLopErAZIonE ABErtIS

Telepass, societ del gruppoAtlantia controllata dalla holdingEdizione della famigliaBenetton, lancia il TelepassEuropeo per le auto. Grazieallaccordo tra Telepass, il gruppofrancese Aprr/Area e la spagnolaPagatelia, i clienti italiani possonoora viaggiare liberamente sullarete autostradale italiana, france-se, spagnola e portoghese.Questo nuovo servizio si aggiun-ge a quello, caso unico inEuropa, dedicato ai mezzipesanti (Telepass Eu) e gi invigore da oltre un anno inFrancia, Spagna, Portogallo,Italia, Belgio, Polonia e Austria.Con il nuovo Telepass Europeoper le auto, oltre al pedaggio possibile pagare anche i par-cheggi nelle citt dei Paesicoperti dal servizio: alle principalicitt italiane come Milano, Roma,Torino, Firenze e Napoli siaggiungono 400 parcheggi incitt europee tra cui Parigi,Madrid e Barcellona.Finalmente, grazie agli accordicon i nostri partners in Francia eSpagna ha dichiarato

Giovanni Castellucci, ammini-stratore delegato di Atlantia - pos-siamo estendere il servizioTelepass per le auto anche aiPaesi con una importante reteautostradale. Con loperazioneAbertis, poi, ci aspettiamo unul-teriore accelerazione della cre-scita nei sistemi di pedaggia-mento e servizi associati ed unrafforzamento della nostra lea-dership. Accedere al nuovoTelepass Europeo facile eveloce. Per i clienti Telepass, sufficiente richiedere lattivazio-ne sul proprio contratto TelepassFamily presso i Punto Blu prese-

anti sulla rete autostradale e otte-nere il nuovo dispositivo. Per inuovi clienti, invece, baster sot-toscrivere un contratto TelepassFamily e contestualmente allatti-vazione del nuovo servizio richie-dere il dispositivo interoperabi-le.Si tratta di un servizio pay peruse, con un costo di attivazionedi 6 euro e un canone aggiuntivodi 2,40 euro, solo nei mesi in cuiviene varcata la frontiera.Limporto del pedaggio esterosar fatturato e addebitato sulproprio conto corrente insieme alpedaggio italiano e con le stessemodalit.

Giovanni Castellucci

IL TELEPASS LO D BENETTONLA SOCIET DEL GRUPPO ATLANTIA CONTROLLATA DALLAFAMIGLIATREVIGIANALANCIAQUELLOEUROPEOPERLEAUTO.SIPOTRVIAGGIARE INITALIA, FRANCIA, SPAGNAEPORTOGALLO.

Stefano CaoSALE Chiara AppendinoLa sindaca di Torino non ha la maggioranzanecessaria per garantire larrivo delle Olimpiadi:la consigliera Deborah Montalbano uscitadalla maggioranza. Altri grillini per il no.

SCENDEEni e Cdp Equity proporranno una listacongiunta per i vertici di Saipem in vista del-l'assemblea del 3 maggio e lui il candida-to per la conferma come AD della societ.

FACEBOOKFIDUCIA ADDIO

Il fondatore del social networkFacebook Zuckermberg, si cospargeil capo di cenere e chiede scusa.Cerca di incerottare un pasticciogrande come un grattacielo. Ma ilmea culpa non basta. Le azioni diFacebook, dopo tre settimane dipressione sono calate del 16% ehanno bruciato in borsa 80 miliardi divalore. I problemi non sono per nullafiniti. Anche se Zuckermberg si trin-cera dietro frasi come:Quando tucostruisci qualcosa come Facebookche non ha precedenti nel mondo, cisono aspetti che non puoi prevede-re. Certo la situazione non miglio-rata e non convice investitori e utiliz-zatori. Sapere che i dati personali di2,1 miliardi di utenti possono essereutilizzati in modo improrpio da qual-che furbetto del pianeta non pernulla piacevole. Intanto in Europa, siallargano a macchia dolio nuoveinchieste proprio su Facebook. Lastessa Unione Europea si muovecon una nuova indagine. Durissimala presa di posizione della commis-saria alla giustizia Vera Jourov:Facebook, deve darci delle rispostesulla protezione dei dati degli euro-pei. E lo fa battendo il pugno sultavolo. Abbiamo limpressione che ilmea culpa di Zuckermberg non siaper nulla sufficiente, qualcuno haalzato il coperchio della pentola, edentro c di tutto e di peggio.

di Achille Ottaviani

Industria e Finanza.com2 6 aprile 2018C UnA SoCIEt BrESCIAnA ChE CE LA FA

DIFENDERSI DA BANCHE E FISCO INGIUSTIIn 7 anni di attivit recuperati oltre 250 milioni di euro illecitamente sottratti agli italianiChe lItalia attraversi una fasepi che critica, soprattutto inmateria di banche e dintorni, fatto acclarato. E che, spesso,queste ultime siano responsa-bili di azioni ingiuste nei con-fronti dei correntisti, altrettan-to noto. Dal 2010 a oggi, aBrescia, opera con successouna societ, prima nel suogenere, nata per contrastaregli illeciti commessi da istituti dicredito e Fisco: si chiama SDLCENTROSTUDI SPA, e haallattivo un pool coordinato eintegrato di circa 700 tra legali,commercialisti, esperti fiscali,contabili e periti che ogni giornoaffrontano in prima linea casi-stiche le pi disparate legatealla complessa materia del-lanatocismo e dellusura ban-caria, di atti esattivi non dovuti,

di sovraindebitamento in basealla cosiddetta Legge 3/2012 voluta dal Presidente Emeritodella Repubblica ItalianaGiorgio napolitano e altresnota come salva-suicidi.Grazie a un simile impiantooperativo case history unica einsuperata -, lazienda fondatada Serafino Di Loreto, gi inpassato noto legale bresciano,una carriera brillante anche investe di docente universitario,e attualmente PresidentedellOsservatorio Europeo perlEducazione Finanziaria hapotuto assistere oltre 150milaitaliani alle prese con aspetti eversanti differenti della crisieconomica in atto, recuperan-do una gigantesca sommacomplessiva indebitamentesottratta alle tasche di cittadini

e contribuenti superiore ai 250milioni di euro. Salvando, cos,famiglie, aziende, posti di lavo-ro, preservando loccupazionee, spesso, anche vite umanedal passo pi tragico che gitante vittime ha mietuto tra one-sti lavoratori e altrettanto valentiimprenditori alle prese con diffi-colt finanziarie e operativedivenute ingestibili e insormon-

tabili. Serafino Di Loreto,accanto a una struttura azien-dale che, ogni giorno, d lavoroa migliaia di persone e profes-sionisti, realt commercialeinclusa, ha creato anche laFondazione SDL perlEducazione Finanziaria delleImprese e per gli StudiAziendali, che vede al Vertice,in qualit di presidente, pieroCalabr, lautorevole e illustremagistrato che per primo, nel1999, ottenne una pronunciastorica in tribunale che apr lastrada al contrasto ai reati dianatocismo e usura bancaria.Alla guida di SDL CENTRO-STUDI SPA, oggi, unaltra figu-ra di primo piano: il professoreMichele pugliese, stimatobanchiere ed economista italia-no.

Serafino Di Loreto

LIStItUto EMILIAno SMEntISCE

FUSIONI IN VISTA, CREDEM DICE NOPatrimonialmente resta una delle banche italiane pi forti

E AL 10,9 (ErA 11,1)DISOCCUPAZIONE

TORNA A SCENDERE...LO DICE LISTAT

La disoccupazione a febbraiotorna a scendere, passando al10,9% dall'11,1% del mese pre-cedente. Lo rileva l'Istat. Dopoil rialzo di gennaio calanodell'1,7% anche le persone incerca di occupazione (-49mila).Su base annua la contrazione ancora pi netta: -4,8% (-143mila). Si contano cos 2milioni 835 mila disoccupati.Invece il tasso di disoccupazio-ne dei giovani tra i 15-24 annisegna un aumento di 0,3 puntipercentuali, passando al 32,8%dal 32,5% di gennaio. La stimadegli occupati cresce dello0,1%, ovvero di 19 mila unit sugennaio. E si osserva, rilevaancora l'Istat, "un significativoincremento congiunturale deidipendenti a tempo indetermi-nato (+54 mila)" dopo 10 mesiconsecutivi in calo.

Con riferimento a noti-zie pubblicate, Credemsmentisce categorica-mente di avere alcundossier aperto riguar-dante operazioni diacquisizione e/o fusionecon altri istituti. Suirumors il presidenteGiorgio Ferrari tagliacorto. Il Credito Emilianodunque smentisce categori-camente di avere alcun dos-sier aperto riguardante ope-razioni di acquisizione e/ofusione con altri istituti e inparticolare su un merger tral'istituto di Reggio Emilia con-trollato dalla famigliaMaramotti e Banco di Desio edella Brianza. Secondo alcu-ne fonti le due societ avreb-

bero avviato i colloqui fra irispettivi management perstudiare la fattibilit dell'ope-razione e le sinergie che nescaturirebbero .Poi la smenti-ta anche se, come MF ha gievidenziato in tempi nonsospetti (settembre 2017)che Credem ha all'orizzonteprobabili acquisizioni di fab-briche prodotto o di banche

di medio-piccoladimensione e, in que-st'ultimo caso il candi-dato ideale sarebbeproprio il Banco diDesio. Infatti, la sensa-zione degli analisti diEquita che CredemHolding (controlla il77% della banca) non

intenda diluirsi in modo signi-ficativo in caso di un'opera-zione straordinaria. Esclusi,quindi, transformational deal,c' pi possibilit di operazio-ni straordinarie su fabbricheprodotto e/o banche dimedio-piccola dimensione. Iltutto mentre Credem restauna delle banche italiane piforti dal punto di vista patri-moniale.

Giorgio Ferrari

Industria e Finanza.com3 6 aprile 2018

Al RisparmioStazione di Servizio

VERONA - Piazzale Porta Nuova,3Tel. 045 8032033

VERONA - Corso Milano, 108Tel. 045 578048

VERONA - Via Francesco Torbido, 25/aTel. 045 8031736

SAN GIOVANNI LUPATOTO - Via Monte Pastello, 15/aTel. 045 8751773

Nonostante un avvio mode-rato dei consumi nella grandedistribuzione, il 2018 dovreb-be vedere unulteriore cresci-ta delle vendite di vino, spe-cie nei settori dei vini a deno-minazione dorigine, dellebollicine e dei vini tipici delleregioni. Potranno, inoltre,verificarsi rialzi dei prezzi, acausa della cattiva vendem-mia nel 2017. Buone le pro-spettive di crescita dei viniofferti col marchio delle inse-gne della grande distribuzio-ne. Dovrebbero aumentareanche le vendite di vino biolo-gico, ancora un settore di nic-chia sugli scaffali dei super-mercati. Questo il sentimentdiffuso tra i buyer vino dellagrande distribuzione che par-teciperanno allevento GdoBuyers Club organizzato daVeronafiere per Vinitaly2018(Verona, 15/18 aprile). Daqualche anno le catene distri-butive stanno operando undoveroso recupero di valoredei vini venduti, con un prez-zo medio che aumenta annodopo anno. La ricerca IRI perVinitaly evidenzia che le bot-tiglie da 0,75 si sono vendutenel 2017 con un prezzomedio di 4,32 euro al litro(quindi vicino ai 5 euro nella

bottiglia da 0,75cl) con unaumento del 2,3% sullannoprecedente. Un processo distabilizzazione del prezzoquasi fisiologico che perpotrebbe essere disturbatoda aumenti di prezzo sensibilidovuti alla cattiva vendem-mia del 2017. Laumento deiprezzi di vendita potrebbeportare ad una riduzionedegli acquisti, dichiaraFrancesco Scarcelli diCoop Italia. Aumenti chedovrebbero colpire pi i vinida tavola, di uso quotidiano,che i vini a denominazionedorigine, secondo lanalisi diValerio Frascaroli di Conad:Laumento dei prezzi gi inatto e proseguir sui prodottitavola. Sar meno evidentesui prodotti di fasciamedio/medio-alta dove unabuona parte degli incrementisaranno probabilmente ass -orbiti dai distributori per nonrallentare la crescita di que-sto segmento. La questionedella definizione del prezzopi appropriato ovviamentesemplificata nei vini offerti colmarchio dellinsegna distribu-trice, un settore che nel 2017ha pesato per il 13,7% sullevendite del vino e del 6%sulle bottiglie da 0,75cl e sul

quale diverse insegne punta-no per il futuro. La nostralinea di vini a denominazionedi origine a marchio GrandiVigne, spiega Marcopeduzzi di Iper, la Grande I,presenta una fascia di prez-zo molto ampia, tra i 4 e i 40euro.A nche il Gruppo Selex(insegne Famila, A&O edaltre insegne regionali) hainvestito sul marchio Le ViedellUva, come spiega Dariotriarico: Sugli scaffali pre-sentiamo 59 etichette conquel marchio c on una fasciadi prezzo per i vini pi comuniche va dai 3 ai 5 euro e quel-

la per le eccellenze enologi-che regionali che va dai 6euro in su. Nel 2017 abbiamoavuto una crescita delle ven-dite del 12 % a volume.Nel2018 potr ebbero aumentareanche le vendite di vino espumante biologico nellagrande distribuzione, oggilimitate a poco pi di 4 milionidi litri per un valore di circa24 milioni di euro, come testi-moniato an che dal successodi uninsegna specializzatanel biologico come Ecor -NaturaSi: Nel 2017 abbiamoregistrato un incremento avolume del 9%, meglio i rossidei bianchi, con gli spumantioltre il 15% - spiega MicheleBonato Ma questo unsettore ancora giovane checrescer in tut ta la grandedistribuzione. Di vino e gran-de distribuzione si parler aVinitaly2018 nei due tradizio-nali eventi organizzati daVeronafiere: la tavola rotondadel 16 aprile e il GDO BuyersClub del 16 e 17 aprile cuipartecipano le seguenti cate-ne: Coop, Conad, Gru ppoSel ex, Carr efour, Iper la Gr -ande I, Gr uppo Vg, Gru -ppo Pam, Eco rNaturaS, Ita lyDis c o unt, S&C- ConsorzioDistr ibuzione Italia.

Valerio Frascaroli

VINO COL MARCHIO E GRANDE DISTRIBUZIONELe previsioni di Coop, Conad, Iper e NaturaS: aumenteranno quelli a denominazionePreoccupazione per un aumento dei prezzi dovuto alla cattiva vendemmia del 2017

BOTTIGLIA PER LA RISTORAZIONELA PRESENTA IL FRANTOIO TURRI Frantorio Turri torna aSol&Agrifood, il Salone interna-zionale dell'Agroalimentare diQualit in programma dal 15 al18 aprile 2018 a Verona in con-temporanea a Vinitaly. Durante iquattro giorni di fiera sarannopresentate le nuove bottiglied'olio dedicate alla ristorazione.

"Un progetto afferma Lauraturri che si rivolge ai ristoratoriche desiderano trasmetterecura e attenzione per le materieprime, rafforzando il legame tracucina e territorio. L'obiettivo quello di sensibilizzare il clientealla scelta dell'olio permettendo-gli, come succede con il vino, di

conoscere e assaggiare un pro-dotto che poi potr portare acasa e abbinare anche ai piattidella sua cucina. Per questoabbiamo pensato ad una botti-glia esclusiva: una confezionemonodose di olio extravergine dioliva Turri 100% italiano in unformato di 10 cl.". Insieme a

questa, il frantoio presenteranche una bottiglia da 25 cl inuna nuova confezione, idealeper una bomboniera o un regalodi qualit.

Laura Turri

Industria e Finanza.com4 6 aprile 2018VEronAFIErE oSpItA LA tAVoLA rotonDA AL VInItALy

A SoL&AGrIFooD, IL SALonE IntErnAZIonALE

Industria e Finanza.com5 6 aprile 2018

Industria e Finanza.com 6 6 aprile 2018