1 orientamenti didattici e pedagogici orientamenti didattici e pedagogici di PIERGIORGIO TODESCHINI...

of 48 /48
1 orientamenti orientamenti didattici e pedagogici didattici e pedagogici di PIERGIORGIO TODESCHINI di PIERGIORGIO TODESCHINI Milano: Istituto Superiore di Scienze Religiose Milano: Istituto Superiore di Scienze Religiose 22 nov. 2003 22 nov. 2003

Embed Size (px)

Transcript of 1 orientamenti didattici e pedagogici orientamenti didattici e pedagogici di PIERGIORGIO TODESCHINI...

  • Slide 1
  • Slide 2
  • 1 orientamenti didattici e pedagogici orientamenti didattici e pedagogici di PIERGIORGIO TODESCHINI Milano: Istituto Superiore di Scienze Religiose 22 nov. 2003
  • Slide 3
  • 2 ISTRUZIONI PER LUSO Gi e non ancora: nella fase di transizione Gi e non ancora: nella fase di transizione Spunti per lapprofondimento personale: criteri e fonti Spunti per lapprofondimento personale: criteri e fonti cosa leggere? cosa leggere? come leggere quel che si legge? come leggere quel che si legge? Le parole della riforma Le parole della riforma che cosa ? che cosa ? a cosa serve? a cosa serve? chi fa cosa/come funziona? chi fa cosa/come funziona?
  • Slide 4
  • 3 1 Teorie pedagogiche e principi educativi
  • Slide 5
  • 4 Orientamenti dellattivit educativa nelle scuole materne statali (1991): Premessa Indicazioni nazionali per i Piani Personalizzati delle attivit educative nelle Scuole dellInfanzia (6 nov. 2002)
  • Slide 6
  • 5 Programmi didattici per la scuola primaria (1985): Premessa Indicazioni nazionali per i Piani di Studio Personalizzati nella Scuola Primaria (6 nov. 2002)
  • Slide 7
  • 6 Come leggere... Cercare nei testi: lidea di SCUOLA l lidea di BAMBINO idea di INSEGNAMENTO
  • Slide 8
  • 7 SCUOLA LE BUONE DOMANDE... n Che n Che cosa ? n A n A cosa serve? n Come n Come si caratterizza?
  • Slide 9
  • 8 SCUOLA: finalit Ambiente educativo di apprendimento Alfabetizzazione culturale Convivenza democratica Laicit autonomia identit competenza
  • Slide 10
  • Todeschini-Damiano9 APPROFONDIMENTO 1 Indiretta Distaccata Simulata Semplificata Ritardata Autoritaria Diretta Implicante Reale Complessa Immediata Democratica a scuola nellextrascuola EDUCAZIONE
  • Slide 11
  • 10 quale educazione? Frato 1975
  • Slide 12
  • 11 APPROFONDIMENTO 2 Scuola a tutti gli effetti Non obbligatoria Vera e propria istituzione educativa Non esaurisce tutte le funzioni educative Momento di riflessione aperta Luogo di incontro di esperienze diverse S. INFANZIAS. PRIMARIA
  • Slide 13
  • 12 LE PAROLE DELLA RIFORMA Anticipo BATTISTA QUINTO BORGHI, in Voci della scuola duemilaquattro, Tecnodid, Napoli 2003 Tempo scuola GIANCARLO CERINI, in Voci della scuola duemilaquattro, Tecnodid, Napoli 2003
  • Slide 14
  • 13 BAMBINO LE BUONE DOMANDE... n Chi ? n Cosa fa a scuola? n Perch fa quel che fa?
  • Slide 15
  • 14 BAMBINO: traguardi di sviluppo Identit Autonomia Competenza BAMBINO
  • Slide 16
  • 15 APPROFONDIMENTO Soggetto di diritti con esigenze di ordine materiale e non materiale Soggetto attivo in interazione con BAMBINO
  • Slide 17
  • 16 INSEGNAMENTO LE BUONE DOMANDE... n Che cosa ? n A cosa serve? n Come funziona?
  • Slide 18
  • Todeschini17 INSEGNAMENTO: aree di obiettivi Senso della realt Organizzazione concettuale Comunicazione
  • Slide 19
  • Damiano18 APPROFONDIMENTO azione professionale mediante la quale si rende disponibile allapprendimento dellalunno la conoscenza ritenuta necessaria (e valida) INSEGNARE EDUCARE MEDIANTE I SAPERI INSEGNAMENTO SCOLASTICO
  • Slide 20
  • 19 2 Programmazione scolastica e Piano dellOfferta Formativa
  • Slide 21
  • 20 Programmazione CURRICOLO ??? DISCIPLINE ??? COMPETENZE ??? DIDATTICA ??? VALUTAZIONE ??? PIANO OFFERTA FORMATIVA ??? SAPERI ???
  • Slide 22
  • 21 il curricolo di scuola
  • Slide 23
  • 22 IL CURRICOLO DI SCUOLA LE BUONE DOMANDE... Chi lo fa? Chi lo fa? Con chi? Con chi? Come? Come? Perch? Perch? MaCHE COSA ? MaCHE COSA ?
  • Slide 24
  • Damiano23 E UNA RISPOSTA... IL CURRICOLO DI SCUOLA : Il progetto educativo dellUnit Scolastica nella costruzione del quale essa principalmente realizza -in modo partecipativo- la propria AUTONOMIA. Esso interpreta le PRESCRIZIONI NAZIONALI e regionali attraverso lIDENTIT propria della comunit locale
  • Slide 25
  • 24 LE PAROLE DELLA RIFORMA Piani di Studio Personalizzati BERTAGNA G., in Voci della scuola duemilatre. Idee e proposte per lorganizzazione e la didattica, Tecnodid, Napoli 2002 (PIANI DI STUDIO PERSONALIZZATI) Curriculum e standard LUCIO GUASTI, in Voci della scuola duemilaquattro, Tecnodid, Napoli 2003
  • Slide 26
  • 25 Saperi, Discipline, Competenze Discipline di studio Campi di esperienza sapere Saper fare Nuclei f. ESPERIENZA
  • Slide 27
  • 26 SAPERI, DISCIPLINE, COMPETENZE LE BUONE DOMANDE... n Che differenza c tra saperi e discipline? n Cosa sono le competenze? n Che rapporto c tra conoscenze e competenze? n e i Nuclei Fondanti?
  • Slide 28
  • Caccagni-Todeschini27 UNO SCHEMA PER RISPONDERE...
  • Slide 29
  • 28 Obiettivi S.A. Obiettivi Formativi LE PAROLE DELLA RIFORMA Capacit Competenze BERTAGNA G., in Voci della scuola duemilatre. Idee e proposte per lorganizzazione e la didattica, Tecnodid, Napoli 2002 (PIANI DI STUDIO PERSONALIZZATI) Conoscenze Abilit
  • Slide 30
  • 29 La mediazione didattica esperienza diretta concetti giochi di simulazione Immagini
  • Slide 31
  • 30 LA MEDIAZIONE DIDATTICA LE BUONE DOMANDE... n Cosa sono i mediatori didattici? n Quali sono? n A cosa servono? n Come si usano?
  • Slide 32
  • Damiano31 UNO SCHEMA PER RISPONDERE... ATTIVIICONICIANALOGICISIMBOLICIEsperienza diretta direttaImmaginieschemiGiochidisimulazioneconcetti TAVOLA DEI MEDIATORI DIDATTICI
  • Slide 33
  • 32 I contesti dellinsegnamento
  • Slide 34
  • 33 LINSEGNAMENTO E IL SUO CONTESTO LE BUONE DOMANDE... n In cosa consiste il lavoro di AULA? n In cosa consiste il lavoro di SCUOLA? n Che rapporto c tra i due tipi di lavoro? n e le FAMIGLIE?
  • Slide 35
  • by Damiano-Todeschini34 UNO SCHEMA PER CONNETTERE... Mediatori Didattici Lavoro di Aula Soggetto in Apprendimento Oggetto Culturale Azione Didattica Modello Didattico Programmi Valutazione & Programmazione raggruppamenti relazione partecipazione Orientamento Famiglie stili cognitivi Staff docente attrezzature Spazi fisici tempi Schooling Programmazione di Scuola Ambito disciplinare Area disciplinare MediatoriMediatori OggettoOggetto
  • Slide 36
  • 35 Famiglia LE PAROLE DELLA RIFORMA Genitori VERONESI F., in Voci della scuola duemilatre. Idee e proposte per lorganizzazione e la didattica, Tecnodid, Napoli 2002, pp. 178-185 (GENITORI) Classe GIUSEPPE TOSCHI, in Voci della scuola duemilaquattro, Tecnodid, Napoli 2003
  • Slide 37
  • 36 La valutazione degli allievi DIAGNOSTICA CONCOMITANTE SOMMATIVA FORMATIVA
  • Slide 38
  • 37 LA VALUTAZIONE LE BUONE DOMANDE... n Qual loggetto della valutazione? n Perch si valuta? n Cosa vuol dire ? diagnosticaconcomitantesommativaformativa
  • Slide 39
  • 38 Valutazione degli allievi? Frato 1974
  • Slide 40
  • Elio Damiano39 UNO SCHEMA PER RISPONDERE... VALUTAZIONE SoggettiProdotto Processo strumenti e procedure livelli ampiezza interni esterni formazione riprogettazione regolazione
  • Slide 41
  • 40 AMPLIARE LO SPETTRO RISULTATI APPRENDIMENTO VALUTAZIONE INSEGNAMENTO SCHOOLING
  • Slide 42
  • 41 Autoanalisi dIstituto LE PAROLE DELLA RIFORMA Valutazione interna-esterna BERTAGNA G., in Voci della scuola duemilatre. Idee e proposte per lorganizzazione e la didattica, Tecnodid, Napoli 2002 CASTOLDI M., in Voci della scuola duemilatre. Idee e proposte per lorganizzazione e la didattica, Tecnodid, Napoli 2002
  • Slide 43
  • 42 3 Lintegrazione degli alunni in situazione di handicap
  • Slide 44
  • 43 LINTEGRAZIONE LE BUONE DOMANDE... Cosa lintegrazione scolastica? Cosa lintegrazione scolastica? e lintegrazione dei disabili? e lintegrazione dei disabili? Come si fa? Come si fa? Chi la fa? Chi la fa?
  • Slide 45
  • 44 UNO SCHEMA PER RISPONDERE... ANALISI SITUAZIONE dati su SOGGETTO/AMBIENTE strategici prospetticipositivi coordinamento multidisciplinare PROGETTAZIONE DELLINSEGNAMENTO
  • Slide 46
  • 45 4 Educazione permanente e orientamento
  • Slide 47
  • 46 EP E ORIENTAMENTO LE BUONE DOMANDE... n Cosa lEducazione Permanente? n Cosa lorientamento? n Chi lo fa? n QUANDO si fa lorientamento?
  • Slide 48
  • 47 processo continuo che riguarda lintera scuola di base al fine di consentire allalunno di: individuare le proprie ATTITUDINI acquisire CONOSCENZE relative alla realt in cui vive commisurare le proprie disposizioni coi dati di realt (REALISMO) elaborare abilit e capacit di scelta (DECISIONE) UNA DEFINIZIONE PER RISPONDERE... ORIENTAMENTO
  • Slide 49
  • 48 PER APPROFONDIRE SCURATI C., Pedagogia della scuola, La Scuola, Brescia 1997 Insegnamento Organizzazione Orientamento Programmazione Valutazione