1 Febbraio- Marzo 2011 OIC e IAS/IFRS IAS 18 - Ricavi Prof.ssa Maura Campra Dr.ssa Stefania...

Click here to load reader

download 1 Febbraio- Marzo 2011 OIC e IAS/IFRS IAS 18 - Ricavi Prof.ssa Maura Campra Dr.ssa Stefania Boschetti Febbraio- Marzo 2011 OIC e IAS/IFRS

of 38

  • date post

    01-May-2015
  • Category

    Documents

  • view

    212
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of 1 Febbraio- Marzo 2011 OIC e IAS/IFRS IAS 18 - Ricavi Prof.ssa Maura Campra Dr.ssa Stefania...

  • Slide 1
  • 1 Febbraio- Marzo 2011 OIC e IAS/IFRS IAS 18 - Ricavi Prof.ssa Maura Campra Dr.ssa Stefania Boschetti Febbraio- Marzo 2011 OIC e IAS/IFRS
  • Slide 2
  • 2 Febbraio- Marzo 2011 OIC e IAS/IFRS SOMMARIO 1.RICAVI DISCIPLINATI 2.DEFINIZIONE DEI RICAVI 3.CRITERI DI DETERMINAZIONE DEI RICAVI 4.IDENTIFICAZIONE DELLOPERAZIONE OGGETTO DI RILEVA- ZIONE 5.VENDITA DI BENI 6.PRESTAZIONE DI SERVIZI 7.INTERESSI, DIVIDENDI E ROYALTIES 8.VENDITA DI IMMOBILI: IFRIC 15
  • Slide 3
  • 3 Febbraio- Marzo 2011 OIC e IAS/IFRS IAS 18 RICAVI DISCIPLINATI DERIVANTI DA: Vendita di beni beni prodotti o acquistati per la vendita; Prestazione di servizi svolgimento di un incari- co contrattualmente con- cordato per un periodo fissato di tempo Interessi, dividendi uso di beni dellimpresa e royalties da terzi
  • Slide 4
  • 4 Febbraio- Marzo 2011 OIC e IAS/IFRS IAS 18- DEFINIZIONE DEI RICAVI RICAVI = FLUSSI LORDI DI BENEFICI ECONOMICI DE- SERCIZIO DERIVANTI DALLO SVOLGIMENTO DELLATTIVIT ORDINARIA DIMPRESA QUAN- DO ESSI DETERMINANO AUMENTI DI PATRI- NIO NETTO, DIVERSI DAGLI APPORTI DI SOCI. = COMPRENDONO SOLO I FLUSSI LORDI DI BE- NEFICI ECONOMICI RICEVUTI E RICEVIBILI IN NOME E PER CONTO PROPRIO NON SONO RICAVI: IVA, ACCISE, IMPOSTE SU BENI E SERVIZI E SULLE VENDITE CORRISPETTIVI INCASSATI PER CONTO TERZI
  • Slide 5
  • 5 Febbraio- Marzo 2011 OIC e IAS/IFRS IAS 18 RICAVI: ESEMPIO La societ petrolifera X vende prodotti petroliferi raffinati al prezzo di 87.820, tale importo comprende anche accise per un ammontare pari a 14.140. Le ac- cise percepite devono essere versate allerario. Le modalit di rilevazione so- no le seguenti: Oppure: Crediti commercialiaDiversi. aRicavi73.680 aDebito verso erario per accise14.140 IVA a debitoxxxx Crediti commercialiaDiversi.......... Ricavi87.820 IVA a debitoxxxxx RicaviaDebito verso erario per accise14.140
  • Slide 6
  • 6 Febbraio- Marzo 2011 OIC e IAS/IFRS IAS 18- CRITERI DI DETERMINAZIONE RICAVI Il ricavo deve essere iscritto al fair value del corri- spettivo ricevuto o spettante fair value = corrispettivo al quale unattivit pu es- sere scambiata o una passivit estinta, in una libera transazione tra parti con- sapevoli e disponibili
  • Slide 7
  • 7 Febbraio- Marzo 2011 OIC e IAS/IFRS IAS 18- CRITERI DI DETERMINAZIONE RICAVI CORRISPETTIVO CORRISPOSTO IN DENARO IN NATURA VALORE TEMPI DINCASSO CONDIZIONI DI CREDITO NORMALI OLTRE AL NORMALE
  • Slide 8
  • 8 Febbraio- Marzo 2011 OIC e IAS/IFRS IAS 18- RICAVI: CORRISPETTIVO IN DENARO VALORE Il ricavo deve essere iscritto al fair value del corrispettivo ricevuto o spet- tante che limporto di disponibilit liquide o mezzi equivalenti ricevuto dal (o spettante al) venditore al netto di eventuali sconti commerciali, pre- mi di quantit e simili. ESEMPIO Limpresa X vende merce al cliente Y al prezzo unitario di 1.000. Laccordo prevede premi di quantit in denaro al raggiungimento dei seguenti volumi di vendita: oltre 500 e fino a 1.500 unit riduzione dell0,50%; oltre 1.500 e fino a 3.000 unit riduzione dell1,50 %; oltre le 3.000 unit riduzione del 2,50 %. Se laccordo prevede una fornitura annua di 6.000 unit, da effettuarsi (es.) ogni 2 mesi, in ogni vendita X rileva un ricavo di 975.000: 1.000.000 (1.000.000 x 2,5 %). Crediti commercialiaDiversi.. aRicavi975.000 aIVA a debitoxxxxx
  • Slide 9
  • 9 Febbraio- Marzo 2011 OIC e IAS/IFRS PER SIMMETRIA I COSTI DEVONO ESSERE RILEVATI IN MODO ANALOGO Il COSTO deve essere iscritto al fair value del corrispettivo corrisposto o spettante ossia importo di disponibilit liquide o mezzi equivalenti ver- sato o dovuto dallacquirente al netto di eventuali sconti commerciali, pre- mi di quantit e simili. ESEMPIO PRECEDENTE:RIVAZIONI EFFETTUATE DA Y DiversiaDebiti commerdiali.. Costi per acquisti975.000 IVA a creditoxxxxx
  • Slide 10
  • 10 Febbraio- Marzo 2011 OIC e IAS/IFRS IAS 18- RICAVI: CORRISPETTIVO IN DENARO TEMPI DINCASSO CONDIZIONI DI CREDITO NORMALI OLTRE AL NORMALE = = Loperazione unica: Si hanno due diverse operazioni: quella commerciale. Se 1) Operazione commerciale concesso uno sconto per il ricavo al netto degli interessi pagamento pronta cassa impliciti esso riduce il ricavo di vendita 2) Operazione finanziaria il ricavo per gli interessi attivi im- pliciti rilevato pro rata temporis
  • Slide 11
  • 11 Febbraio- Marzo 2011 OIC e IAS/IFRS IAS 18- CORRISPETTIVO IN DENARO: NOR- MALI CONDIZIONI CREDITO ESEMPIO A vende abiti di sua produzione a B concedendo 90 giorni di dilazione di pa- gamento (normali condizioni di credito per il settore). Il prezzo convenuto euro 10.000 e se il cliente paga entro 10 giorni, lo sconto pari al 2 %. B paga entro i 90 giorni, A rileva il ricavo di vendita per 10.000: Se B paga subito (o, comunque entro 10 giorni), A rileva il ricavo di vendita al netto dello sconto (pari a 200): Crediti commercialiaDiversi aRicavi10.000 aIVA a debitoxxxxx Crediti commercialiaDiversi aRicavi9.800 aIVA a debitoxxxx
  • Slide 12
  • 12 Febbraio- Marzo 2011 OIC e IAS/IFRS PER SIMMETRIA ACQUISTI ALLE NORMALI CONDIZIONI CREDITO ESEMPIO PRECEDENTE A vende abiti di sua produzione a B concedendo 90 giorni di dilazione di pa- gamento (normali condizioni di credito per il settore). Il prezzo convenuto euro 10.000 e se il cliente paga entro 10 giorni, lo sconto pari al 2 %. B paga entro i 90 giorni e rileva il costo dacquisto per 10.000: B paga subito (o, comunque entro 10 giorni), il costo dacquisto rilevato al netto dello sconto (pari a 200): DiversiaDebiti commerciali Costi per acquisti10.000 IVA a creditoaxxxxx DiversiaDebiti commerciali Costi per acquisti 9.800 IVA a credito xxxx
  • Slide 13
  • 13 Febbraio- Marzo 2011 OIC e IAS/IFRS PER SIMMETRIA ACQUISTI DI BENI DINVESTIMEN- TO ALLE NORMALI CONDIZIONI CREDITO A vende un macchinario di sua produzione a B concedendo 90 giorni di dila- zione di pagamento (normali condizioni di credito per il settore). Il prezzo conve- nuto euro 100.000 e se il cliente paga entro 10 giorni, lo sconto pari al 2 %. B paga entro i 90 giorni e rileva il costo dacquisto per 100.000: B paga subito (o, comunque entro 10 giorni), il costo dacquisto rilevato al netto dello sconto (pari a 200): DiversiaDebiti commerciali Immobili, impianti e macchinari100.000 IVA a creditoxxxxx DiversiaDebiti commerciali Immobili, impianti e macchinari 98.000 IVA a credito xxxx
  • Slide 14
  • 14 Febbraio- Marzo 2011 OIC e IAS/IFRS IAS 18- CORRISPETTIVO IN DENARO CONDIZIONI DI CREDITO OLTRE AL NORMALE - ESEMPIO K vende un macchinario industriale a 150.000 a Z. Laccordo raggiunto tra K e Z prevede: il pagamento rateale in 5 rate annuali, di 30.000 ciascuna e tasso zero (ovvero non applicazione dinteressi) per il pagamento rateale. Il tasso zero per il pagamen- to rateale una politica finanziaria conforme a quella normalmente applicata nel settore. Non esistono, quindi, transazioni recenti per le quali K possa correttamente stimare il prezzo di vendita in contanti. Inoltre, K stima che Z sia in grado di ottenere finanzia- menti da altre fonti ad un tasso dinteresse del 10%. La dilazione di pagamento concessa eccede le normali condizioni di credito. Pertanto, K deve scorporare dal prezzo di ven- dita (150.000) gli interessi impliciti in esso contenuti. La somma del valore attuale delle singole rate (30.000), scontate al tasso del 10%, pari a 113.724. La differenza, tra il valo- re nominale del corrispettivo (150.000) e il suo valore corrente (113.724), pari agli inte- ressi attivi impliciti (di 36.276), la cui competenza per esercizio : T 1 - 11.372, T 2 - 9.510,... Alla Vendita: Crediti commercialiaDiversi aRicavi113.724 aInteressi attivi36.276 aIVA a debitoxxxxx
  • Slide 15
  • 15 Febbraio- Marzo 2011 OIC e IAS/IFRS IAS 18- CORRISPETTIVO IN DENARO CONDIZIONI DI CREDITO OLTRE AL NORMALE - ESEMPIO Alla chiusura del T 1 devono essere riscontati gli interessi attivi di competenza dei successivi esercizi pari a 24.909 (ossia 36.276 11.372). Le rilevazione dei successivi anni sono analoghe. Lo Stato Patrimoniale al T 1 (1) I Crediti commerciali comprendono i Risconti Passivi, pari a 24.904 Interessi attiviaRisconti passivi 24.904 Banca c/caCrediti commerciali 30.000 . Attivit correnti Crediti commerciali (1)120.000 + IVA
  • Slide 16
  • 16 Febbraio- Marzo 2011 OIC e IAS/IFRS PER SIMMETRIA CORRISPETTIVO IN DENARO: CONDIZIONI DI CREDITO OLTRE AL NORMALE ESEMPIO ripreso intereramente il precedente esempio, rilevando loperazione dal lato dellacquirente Z. Il quale deve scorporare dal prezzo di vendita (150.000) gli interessi impliciti in esso contenuti. La somma del valore attuale delle singole rate (30.000), scontate al tasso del 10%, pari a 113.724. La differenza, tra il va- lore nominale del corrispettivo (150.000) e il suo valore corrente (113.724), pari agli interessi attivi impliciti (di 36.276), la cui competenza per esercizio : T 1 - 11.372, T 2 - 9.510,... Al momento dellacquisto si rileva: DiversiaDetiti commerciale Immobili, impianti e macchinari113.724 Interessi passivi36.276 IVA a credito xxxxx
  • Slide 17
  • 17 Febbraio- Marzo 2011 OIC e IAS/IFRS PER SIMMETRIA CORRISPETTIVO IN DENARO: CONDIZIONI DI CREDITO OLTRE AL NORMALE Alla chiusura del T 1 devono essere riscontati gli interessi passivi di competenza dei successivi esercizi di 24.909 (ossia 36.276 11.372). Le rilevazione dei successivi anni sono analoghe. Stato Patrimoniale al T 1 (1) I Crediti commerciali comprendono i Risconti Passivi, pari a 24.904 Risconti attiviaInteressi passivi 24.904 Debiti commercialiaBanca c/c 30.000 . Passivit correnti